Domenica 20 Gennaio 2019 | 01:48

NEWS DALLA SEZIONE

CARABINIERI
La storia delle teste di cuoio italianeraccontata dal comandante Alfa dei Gis

La storia delle teste di cuoio italiane
raccontata dal comandante Alfa dei Gis

 
DIFESA
In un anno bonificati 50mila ordigni inesplosiArtificieri e palombari al servizio del Paese

In un anno bonificati 50mila ordigni inesplosi
Artificieri e palombari al servizio del Paese

 
L'ACCORDO
Marina militare e Università di Bari insiemeSi rafforza la collaborazione con l'Ateneo

Marina militare e Università di Bari insieme
Si rafforza la collaborazione con l'Ateneo

 
IL REPORTAGE
La Brigata Pinerolo e la missione in Iraqun consuntivo dell'impegno fuori area

La Brigata Pinerolo e la missione in Iraq
un consuntivo dell'impegno fuori area

 
LA STORIA
Tscherkowo, l'inferno bianco degli italianila tragica ritirata descritta da chi c'era

Tscherkowo, l'inferno bianco degli italiani
la tragica ritirata descritta da chi c'era

 
ESERCITO
L'82° Reggimento fanteria "Torino"ricorda i caduti sul fronte russo

L'82° Reggimento fanteria "Torino"
ricorda i caduti sul fronte russo

 
L'ANALISI
"Sicurezza europea, coinvolgere la RussiaE nei Balcani Italia più protagonista"

"Sicurezza europea, coinvolgere la Russia
E nei Balcani Italia più protagonista"

 
ESERCITO
Con "ToroTen" si corre per beneficenzaBarletta, il 27 gennaio la gara più cool

Con "ToroTen" si corre per beneficenza
Barletta, il 27 gennaio la gara più cool

 
AFRICA
Mini tour di Conte in Niger e in CiadSono 92 i militari italiani a Niamey

Mini tour di Conte in Niger e in Ciad
Sono 92 i militari italiani a Niamey

 
IL PUNTO
Teheran verso arricchimento al 20 per centoRitiro Usa dalla Siria, le critiche di Riad

Teheran verso arricchimento al 20 per cento
Ritiro Usa dalla Siria, le critiche di Riad

 
L'INCHIESTA
Iraq, falde acquifere contaminatenel Paese dei fiumi Tigri e Eufrate

Iraq, falde acquifere contaminate
nel Paese dei fiumi Tigri e Eufrate

 

AERONAUTICA MILITARE

Italia, Francia e Kuwait
consegnate le aquile turrite

Galatina, sempre più internazionale la scuola di volo

Italia, Francia e Kuwaitconsegnate le aquile turrite

I piloti italiani brevettati

Una festa più che una cerimonia. Perché il legame che unisce il Salento con l'Aeronautica militare è sempre più intenso. Nella base di Galatina dal 1946 si formano i futuri piloti militari dell'Arma azzurra. Ma oggi, segno dei tempi, la spinta all'internazionalizzazione fa sì che il 61° Stormo abbia reso operativo il sistema integrato di addestramento più tecnologico al mondo. Così, mentre 100 anni fa Francesco Baracca, conseguiva il brevetto di pilota in Francia sui velivoli francesi, adesso tocca ai francesi - per la prima volta - conseguire il brevetto di pilota su velivoli italiani. Infatti, sono state consegnate le aquile turrite - simbolo dei piloti militari italiani - a 6 giovani ufficiali italiani, 7 del Kuwait e 2 francesi. Presenti le alte cariche della Difesa tra cui il nuovo capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica militare, generale di squadra aerea Alberto Rosso, il capo di Stato Maggiore dell'aeronautica del Kuwait e rappresentanti dell'Armée de l'Air, francese. A fare gli onori di casa, il comandante del Comando Scuole/Tera Regione aerea, generale di squadra Umberto Baldi e il comandante dello Stormo, colonnello Alberto Surace.

Il generale Rosso nel suo intervento ha sottolineato, tra l'altro, come "la tecnologia più sofisticata poco vale se non è supportata dalla qualità dell'elemento umano e dal lavoro di squadra" e ha poi rivolto un emozionato e sincero augurio ai neo brevettati affinché mettano a frutto l'investimento riposto il loro dalla Forza armata, "con responsabilità orgoglio ed entusiasmo al servizio del Paese". Anche perché "l'Aeronautica militare oggi è moderna, capace, utile e pronta ad affrontare le sfide che si presentano". Alla cerimonia, che conclude la fase di addestramento per piloti destinati alle linee caccia, denominata "fighter track", c'erano anche il sottosegretario alla Difesa, Angelo Tofalo che ha appuntato le aquile sulle divise dei neo piloti italiani (c'era anche una donna) e il capo della Divisione Velivoli di Leonardo, Lucio Valerio Cioffi, alla presenza dei quali sono stati consegnati i premi agli allievi piloti più meritevoli.

Per Tofalo "la Difesa continuerà ad investire e a potenziare la base di Galatina, simbolo di modernità e di competenza, elemento trainante per il sistema Paese grazie all'eccellenza nell'addestramento". L'esponente politico ha poi sottolineato come "nessun algoritmo e nessuna intelligenza artificiale potranno sostituire l'imprevedibilità della natura umana fatta di professionalità, adrenalina, cuore ed equilibrio. Ecco perché è importante continuare a lavorare per le prossime generazioni".  "Leonardo è leader nel settore dell'addestramento, grazie ad un'offerta che copre l'intero percorso addestrativo - ha spiegato Cioffi - i nostri aerei e sistemi permettono di offrire ai clienti di tutto il mondo una soluzione addestrativa "chiavi in mano" in grado di garantire il massimo standard qualitativo in ogni fase della formazione dei piloti". L'iter addestrativo dei neo piloti militari proseguirà ora con un'ultima fase, denominata "Lift" (Lead in-to fighter training), mirata all'addestramento avanzato su velivoli da combattimento e propedeutica all'impiego presso i reparti operativi.

Il 61° Stormo al momento ospita allievi e istruttori provenienti da 8 Paesi: Argentina, Austria, Francia, Grecia, Kuwait, Spagna, Singapore e Stati Uniti ed è oggetto di attenzione da parte di diverse altre forze aeree straniere. Attualmente l'addestramento dei piloti militari a Galatina avviene sui velivoli T-339 A e CD per la fase basica e avanzata e sui nuovi T-346 di Leonardo per la fase Lift. Un iter destinato ad allargarsi con il progetto IFTS (International Flying Training School), che mette a sistema tecnologie e competenze di Aeronautica militare e Leonardo per offrire un addestramento al volo di prim'ordine, potenziando inizialmente la base di Galatina per poi espandersi ulteriormente in una eventuale seconda base. Risultato che in futuro sarà possibile conseguire anche grazie all'impiego dei nuovi jet T-345 che, a partire dal 2020, Leonardo gradualmente fornirà all'Am per sostituire i T-339, compresi quelli della pattuglia acrobatica Frecce Tricolori, nell'ambito di un sistema integrato che si completa con il simulatore Ground based training system (GBTS), interfacciato con gli aeromobili reali e in grado di assicurare un'elevata qualità nell'addestramento a costi contenuti.

Da segnalare, infine, l'apprezzato intervento dello storico Vincenzo Manca, sull'attualità dei valori che hanno ispirato Francesco Baracca, l'asso degli assi, il simbolo per antonomasia del pilota militare italiano. Applausi anche per gli allievi del liceo scientifico Da Vinci di Maglie che hanno magistralmente eseguito gli inni nazionali e si sono esibiti nella tradizionale pizzica salentina.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400