Sabato 23 Febbraio 2019 | 01:58

NEWS DALLA SEZIONE

Verso le regionali
Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

 
In vista del 24 marzo
Regionali in Basilicata, a Potenza e Matera la presentazione delle liste

Regionali in Basilicata, a Potenza e Matera la presentazione delle liste

 
Economia
Lo Svimez alla Basilicata: «Trattenete più royalties»

Lo Svimez alla Basilicata: «Trattenete più royalties»

 
L'iniziativa
A Vietri di Potenza se adotti un cane non paghi la Tari

A Vietri di Potenza se adotti un cucciolo dal canile non paghi la Tari

 
L'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaVerso le regionali
Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

 
LecceSalento
Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa un passo indietro e ritira l'interrogazione

Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa retromarcia e ritira interrogazione

 
BariLa sentenza
Bari, offese tra ragazzi via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

Bari, offese tra ragazzini via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

 
HomeIl siderurgico
Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

 
BrindisiFurto in casa
San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: denunciati n 2

San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: 2 denunciati 

 
GdM.TVGli arresti della Polizia
Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

 
MateraSfruttamento
Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

 
FoggiaAtti vandalici
Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

 

giustizia

Cedette i beni agli usurai
ma non li riavrà indietro

La Cassazione blocca le speranze della «Building Srl» di Ciuffreda

Cedette i beni agli usurai ma non li riavrà indietro

Giovanni Rivelli

Stritolato da un giro di usura alle spalle del quale si profilava l’ombra di un pericolosissimo clan campano, costretto a cedere immobili a fronte di assegni da oltre un milione di euro solo fittiziamente emessi e a pagare interessi che superavano il 70% annuo. Poi, fortunatamente, il giro viene scoperto e interrotto da un’inchiesta ma la vittima di tutto ciò recupererà solo 310mila euro con il rischio, paradossale, di dover riarcire in quota il danno all’azienda di cui è titolare. È la disavventura di un noto imprenditore potentino, Angelo Ciuffreda, a cui la Corte di Cassazione ha tolto ora le resideue speranze di essere ristorato del danno patito personalmente e dall’azienda di cui è titolare la «Building center Srl».

La vicenda venne alla luce il primo aprile del 2008 con gli arresti eseguiti dalla Guardia di Finanza, su mandato della Procura antimafia di Napoli, di Pasquale Pierro e Marco Voccia, con le accuse di usura, estorsione e falso, con l’aggravante di aver commesso il fatto al fine di agevolare le attività illecite del clan Di Lauro. Uno dei due imprenditori usurati era appunto il lucano che si era rivolto ai due per piccoli prestiti, tra i 5 e i diecimila euro per volta, necessari alla sua attività imprenditoriale a un tasso di interesse del 6% mensile. Alla fine il debito era diventato insostenibile e Ciuffreda, per salvare la sua attività, si vide costretto a cedere una palazzina di sua proprietà Potenza e una villa a Formia (in provincia di Latina) alla Gargiulo Immobiliare facente capo a Pierro. Una cessione a fronte della quale fu dichiarato un pagamento di un milione e 250mila euro, per testimoniare i quali vennero emessi una serie di assegni. E proprio 90 assegni ciascuno pe run valore di 12.500 euro (per un totale di un milione e 125mila euro) intestati alla Buildiung Center e riportanti una falsa firma di girata di Ciuffreda, vennero trovati a casa di Pierro nel corso dlela perquisizione contestuale all’arresto.

Partì così il processo ma Ciuffreda, intanto, concordò un risarcimento di 310mila euro, firmò la relativa liberatoria e non si costituì parte civile né in proprio né per la Building center. Ma, quando il primo grado di giudizio stava terminando, a nome dlela società avanzò richiesta di restituzione degli immobili e degli assegni. Un’istanza respinta prima dal Tribunale, che erroneamente fece riferimento ai 310mila euro, e poi confermata in Appello, ma annullata dalla Cassazione (per una diversa qualificazione dell’istanza) e quindi nuovamente rigettata dal Tribunale.

Quindi un nuovo ricorso in Cassazione ma, sebbene il Procuratore generale abbia chisto un nuovo annullamento del rigetto con rinvio perché i giudici, dopo il primo annullamento perché avevano interpretato l’istanza come finalizzata alla restituzione dei 310mila euro, con la seconda «avrebbero omesso di pronunciarsi sul merito della richiesta» ha ritenuto comunque la doglianza infondata. «La società Building - hanno osservato - non poteva ritenersi né persona offesa dal reato di usura, non essendo soggetto passivo del reato, né terzo i cui beni erano sequestrati e poi confiscati, ma solo terzo estraneo che lamentava di aver ceduto beni senza aver ricevuto alcunché a titolo di corrispettivo» e «Ciuffreda aveva ricevuto la somma di euro 310.000,00 a titolo di risarcimento del danno, in misura comprensiva anche del depauperamento patrimoniale subito dalla società Building Center srl». Il pratica «la società, essendo terza estranea al rapporto illecito instaurato dal Pierro col Ciuffreda, doveva legittimamente chiedere la propria quota di risarcimento solo a quest'ultimo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400