Domenica 09 Agosto 2020 | 13:22

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

 
SERIE C
Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

 
la denuncia
Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto ormai livello di guardia»

Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto livello di guardia»

 
Agricoltura
Basilicata, da regione 1mln per impianti viticoli

Basilicata, da Regione 1mln per impianti viticoli

 
SANITÀ
Addio al nuovo ospedale di Lagonegro: 176 milioni vanno all'ammodernamento

Lagonegro, addio al nuovo ospedale: 176 milioni vanno all'ammodernamento

 
LA SVOLTA
Barresi «sfrattato» dai giudici: nomina, al S. Carlo di Potenza, illegittima

Barresi «sfrattato» dai giudici: nomina, al S. Carlo di Potenza, illegittima

 
LA CONDANNA
Rapolla, fucilata nella lite per il posto auto

Rapolla, fucilata nella lite per il posto auto

 
dati regionali
Coronavirus Basilicata, la regione torna «covid free»: 367 tamponi tutti negativi

Coronavirus Basilicata, la regione torna «covid free»: 367 tamponi tutti negativi

 
L'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
SANITÀ
La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

 
In Basilicata
Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

 

Il Biancorosso

serie c
Troppi over, il Bari col bisturi  taglio chirurgico a ogni arrivo

Troppi over: il Bari col bisturi, taglio chirurgico a ogni arrivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Taranto, la tenente sotto accusa per il balletto al giuramento dei sottufficiali della Marina

Taranto, balletto per TikTok al giuramento dei sottufficiali della Marina: tenente sotto accusa

 
MateraIl caso
Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

 
PotenzaIl caso
Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

 
LecceIl fatto
Ugento, colto da un improvviso malore si schianta contro le auto in sosta: muore 75enne

Ugento, colto da improvviso malore si schianta contro le auto in sosta: muore 75enne

 
Baril'Incidente
Altamura, tragico schianto su via Laterza. Muore 67enne

Altamura, tragico schianto su via Laterza. Muore 67enne

 
Batverso il voto
Barletta, manifesti abusivi. È già polemica

Barletta, manifesti abusivi in spazi non ancora assegnati: è già polemica

 
FoggiaSanità
Foggia, l’Asl porta l'ospedale a domicilio

Foggia, la Asl porta l'ospedale a domicilio per chi non può muoversi

 
Brindisil'appuntamento
Ceglie Messapica, domani sera il premier Conte ospite de «La Piazza»

Ceglie Messapica, domani sera il premier Conte ospite de «La Piazza»

 

i più letti

Lavello

Il polo agroalimentare
è diventato un deserto

Aziende «fantasma», capannoni vuoti e degrado ovunque

Il polo agroalimentare  è diventato un deserto

di Francesco Russo

LAVELLO - Una zona a grande vocazione agricola, animata da tantissimi piccoli e medi produttori. Grano, pomodoro, frutta di ogni tipo vengono coltivati ogni anno dagli operatori del settore, in un ampio territorio che va da Lavello - estremo Nord della Basilicata - fino al confine con la Puglia negli agri di Cerignola, Loconia, Canosa e Minervino Murge. Ma non c’è stato mai alcun serio tentativo di far decollare dal punto di vista industriale quell’area, rappresentata idealmente dal borgo di Gaudiano di Lavello. O meglio. Pochi decenni fa era stato iniziato un percorso che andava in quella direzione, con l’avvio delle attività del conservificio e del sementificio (di cui parliamo a parte, ndr).

Soltanto il primo è ancora esistente, mentre un’altra iniziativa imprenditoriale, più recente, ha avuto poca durata. Ci riferiamo ad uno stabilimento abbandonato, che si trova a pochi metri dal sementificio. Le attività di quell’impianto sono terminate alcuni anni fa. Oggi rimane una struttura fantasma, costituita da alcuni grandi capannoni, inizialmente destinati alle produzioni nel settore agroalimentare. Una cancellata impedisce l’accesso agli impianti, ma i segni dell’incuria sono ben visibili. Difficile, risalire alla storia di quello stabilimento, inaugurato in pompa magna negli anni Duemila. Sembra che la prima proprietà - un’azienda pugliese - abbia messo in vendita la struttura, che passò così ad una società del settore agroindustriale del Foggiano per poi essere trasferita ad un gruppo campano leader del settore dell’agroalimentare e della trasformazione. Oggi, pare che l’intero impianto sia stato messo in vendita.

Non c’è altro, quindi, in quella che viene definita area agroalimentare di Gaudiano. Ci riferiamo, naturalmente, alle attività di natura industriale: sono tantissime, invece, quelle prettamente agricole. In tutta l’area ci sono piccoli, medi, grandi produttori. Non mancano vivai, serre, coltivazioni con tecniche innovative. Esistono anche imprese che commerciano non solo in Italia, ma che esportano frutta e ortaggi in tutta Europa. «Nell’area di Gaudiano - dice Vincenzo Esposito, segretario regionale della Flai-Cgil - ci sono attività sicuramente numerose, ma prettamente agricole. Forse per questo motivo la zona di cui parliamo non è mai stata presa in considerazione seriamente per costituire un polo dell’agroalimentare, con vere e proprie filiere produttive per accompagnare gli agricoltori dalla produzione alla trasformazione. Ma ci potrebbero essere anche altri motivi. Uno di questi - spiega - è la presenza, nelle immediate vicinanze, ad una quindicina di chilometri, dell’area industriale di San Nicola di Melfi, in cui ci sono anche aziende importanti del settore agroalimentare. Ma la zona di Gaudiano - dice ancora il sindacalista - potrebbe essere stata tagliata fuori da ogni ipotesi di sviluppo anche perché forse, la politica locale non ha mai ritenuto opportuno svilupparla a livello industriale. Eppure è collegata bene, pianeggiante: sarebbe stato un polo importante. Ci vorrebbe qualche progetto per consentire un salto di qualità».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie