Giovedì 30 Giugno 2022 | 12:11

In Puglia e Basilicata

Nel potentino

Lite tra Aql e Comune, a Rotonda il rischio è che paghino i cittadini

Acquedotto lucano, i valori conformi ai limiti di legge

Respinta l’istanza di Acquedotto che sollecitava il pagamento di 417mila euro: sulla depurazione i canoni vanno chiesti ai residenti

24 Giugno 2022

Massimo Brancati

POTENZA - Il Comune di Rotonda non deve risarcire nulla ad Acquedotto Lucano per la depurazione. Semmai Acquedotto lucano avrebbe dovuto chiedere i canoni direttamente ai singoli cittadini che hanno beneficiato del servizio. Così ha stabilito, in primo grado, il tribunale di Lagonegro, respingendo la richiesta di Acquedotto Lucano che reclamava il pagamento dal Comune di una fattura di 417 mila 855 euro per il servizio di depurazione svolto dal 7 aprile 2008 al 12 aprile 2014.
La vicenda parte da più lontano, avendo nel 2004 il Comune di Rotonda, unico in Basilicata, deciso di non aderire più ad Acquedotto Lucano e quindi all 'Ambito territoriale ottimale (Ato). Il sindaco dell'epoca, Giovanni Pandolfi, aveva fatto approvare due delibere (la n. 34 e la n. 46 rispettivamente del 10 e del 20 luglio 2004) , con le quali il Comune prendeva direttamente in gestione la rete idrica e quella fognaria, «sottraendole» ad Acquedotto lucano. Le delibere, però, furono annullate dal tribunale superiore delle acque.

CONTINUA A LEGGERE SULL'EDIZIONE CARTACEA O SULLA NOSTRA DIGITAL EDITION

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725