Domenica 26 Giugno 2022 | 06:17

In Puglia e Basilicata

il caso

Uomo segregato, due condanne per circonvenzione di incapace nel Potentino

Giustizia che procede, economia che produce

Due coniugi nei guai per l'episodio avvenuto ad Avigliano il 26 novembre 2021

21 Giugno 2022

Redazione online

POTENZA - Al termine di un processo celebrato con il rito immediato, la Corte di Assise di Potenza ha condannato per circonvenzione di incapace a un anno e dieci mesi Stefania Santoro, di 42 anni, e a un anno e due mesi (pene sospese) il marito, Antonio Dimichino, di 48, per aver approfittando delle condizioni di fragilità di un 59enne di Avigliano (Potenza), sottraendogli il 26 novembre 2021, circa mille euro di pensione.

Per i due coniugi, difesi dall’avvocato Leonardo Pace, il pubblico ministero Sarah Masecchia aveva chiesto la condanna a quattro anni e due mesi per Santoro e a tre anni per Dimichino, ravvisando l’ipotesi di sequestro di persona e lesioni.
Secondo gli inquirenti, i due erano stati prima visti con la vittima nelle vicinanze di uno sportello delle Poste, dove l'uomo avrebbe prelevato la somma, per poi andare con Santoro e Dimichino nella loro abitazione, dove sarebbe stato nascosto in uno scantinato per diverse ore. La vittima fu trovata dai Carabinieri poche ore dopo la denuncia di scomparsa da parte dei parenti proprio nell’appartamento dei coniugi. Durante la perquisizione nello scantinato della casa - alla quale Santoro aveva provato a opporsi - gli uomini dell’Arma trovarono il 59enne, liberandolo e poi trasferendolo all’ospedale San Carlo di Potenza per le cure.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -

BAT

 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725