Lunedì 12 Aprile 2021 | 20:38

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta al virus
Potenza, oltre 3mila vaccinati in un giorno: da domani la divisione in fasce d'età

Potenza, oltre 3mila vaccinati in un giorno: da domani la divisione in fasce d'età

 
Il caso
Frodi sui carburanti a Potenza, arrestato il capo del clan Cicala

Frodi sui carburanti a Potenza, arrestato il capo del clan Cicala

 
L'emergenza
Basilicata, 34 sindaci scrivono a Bardi: «Punti vaccinali per over 70 e persone fragili»

Basilicata, 34 sindaci scrivono a Bardi: «Punti vaccinali per over 70 e persone fragili». In arrivo 1600 dosi J&J 

 
Il virus
Covid Basilicata, in due giorni 333 nuovi positivi e 7 morti

Covid Basilicata, in due giorni 333 nuovi positivi e 7 morti

 
Industria
Stellantis «minaccia» la Basilicata

Stellantis «minaccia» la Basilicata

 
Il virus
Covid, il grido d'allarme del carcere di Melfi: 57 positivi, situazione grave

Covid, il grido d'allarme del carcere di Melfi: 57 positivi, situazione grave

 
Il commento
La troika lucana contro la pandemia

La troika lucana contro la pandemia

 
Emergenza carceri
Covid, terzo detenuto da Melfi in attesa di essere ricoverato al San Carlo di Potenza

Covid, terzo detenuto da Melfi ricoverato a Malattie Infettive al San Carlo di Potenza

 
L'inaugurazione
Ospedale di Pescopagano, inaugurati i reparti di riabilitazione e lungodegenza

Ospedale di Pescopagano, inaugurati i reparti di riabilitazione e lungodegenza

 

Il Biancorosso

Sport
Bari calcio, Bianco tornerà disponibile per i play off

Bari calcio, Bianco tornerà disponibile per i play off

 

NEWS DALLE PROVINCE

NewsweekIn edicola
Le iniziative della Gazzetta: ad aprile 4 volumi per scoprire la natura in Terra di Bari

Le iniziative della Gazzetta: ad aprile 4 volumi per scoprire la natura in Terra di Bari

 
LecceIl caso
Lecce, abbattuta pineta, insorgono gli ambientalisti ma il Comune: «Alberi pericolosi»

Lecce, abbattuta pineta, insorgono gli ambientalisti ma il Comune: «Alberi pericolosi»

 
PotenzaLotta al virus
Potenza, oltre 3mila vaccinati in un giorno: da domani la divisione in fasce d'età

Potenza, oltre 3mila vaccinati in un giorno: da domani la divisione in fasce d'età

 
FoggiaIl caso
Vaccini a Foggia, rinuncia per lunga attesa: l'Asl lo contatta per domani

Vaccini a Foggia, rinuncia per lunga attesa: Asl lo contatta per domani

 
Tarantol'annuncio
Mittal Taranto, «gestione fallimentare»: sciopero e sit in protesta il 23 aprile davanti Mise

Mittal Taranto, «gestione fallimentare»: sciopero e sit in protesta il 23 aprile davanti Mise

 
MateraIl caso
Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

 
BatNella Bat
Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

 

i più letti

Il caso

Potenza, amarezza sui binari, vagoni storici abbandonati

Segnalazione a Procura, Guardia di Finanza, Carabinieri

Potenza, amarezza sui binari, vagoni storici abbandonati

foto Tony Vece

Abbandonate all’incuria del tempo e in pessimo stato di conservazione sui binari morti delle stazioni di Potenza Centrale di Trenitalia e di Potenza Inferiore Scalo delle Fal. Eppure quelle vecchie carrozze e automotrici, aggredite dalla ruggine, potrebbero raccontare un pezzo dimenticato di storia che correva sui binari della Basilicata fin dai primi decenni del 1900. Un patrimonio che, in alcuni casi si è riusciti a recuperare e che splende nella sua bellezza nei musei italiani. Basti pensare a Pietrarsa a Napoli, che racchiude la storia delle ferrovie italiane. Nessuna velleità per poche carrozze abbandonate a Potenza, ma la storia si nutre anche di piccoli tasselli che, a giudicare dall’epoca di produzione, in base al Codice dei beni culturali e del paesaggio, rappresentano beni di interesse storico e artistico che «devono essere adeguatamente conservati da parte del proprietario e destinati a un uso compatibile con il loro carattere storico».


E per chi è appassionato di treni, la presenza di carrozze e automotrici d’epoca abbandonate vicino alle due stazioni di Potenza, non è certo passata inosservata, come non è sfuggita l’operazione che ha portato al sequestro di 30 mezzi storici abbandonati in alcune stazioni della Sardegna, condotta da Guardia di finanza e carabinieri su ordine della Procura di Cagliari per violazione delle norme per la tutela dei beni culturali. L’analogia con alcune tipologie di carrozze e motrici ha spinto Davide Mecca, Ciufer Basilicata a segnalare la loro presenza alla Procura della Repubblica, alla Guardia di Finanza e ai Carabinieri del Nucleo tutela Patrimonio Culturale di Bari.

«Il mio obiettivo - spiega - è salvaguardare questi beni, spero siano recuperati e restaurati. Non sono mezzi da rottamare. Nello specifico si tratta di un vecchio Vnx, locomotore trifase diventato spazzaneve situato nella stazione di Potenza Centrale (Trenitalia). Le E.550 erano state progettate nell’ambito dell’elettrificazione, decisa già nel 1905 da Riccardo Bianchi, della importantissima linea di valico dei Giovi che collegava Genova con le aree a Nord per il servizio sia merci che viaggiatori. Costruite in 186 esemplari tra il 1908 e il 1921, operarono sulla rete ferroviaria italiana tra il 1908 e il 1965 con una buona riuscita dovuta alle ottime prestazioni. Come accade con tutti i mezzi, il parco delle E.550 vide una graduale riduzione tra il 1940 e il 1995 e quindi una più drastica nell’estate del 1961. Tra accantonamenti e demolizioni, si decise tuttavia per alcune unità di procedere con una trasformazione piuttosto insolita: farne carri di spartineve. Nella loro storia hanno solcato molti dei binari della nostra Penisola, venendo dislocati in tutti gli impianti situati lungo le linee più soggette a forti nevicate. Ho segnalato al Gruppo Fs la presenza a Potenza dell’E.550.178 Vnx 806.216 e di altri mezzi in stato di abbandono senza alcun esito. Fatta eccezione per il carro isotermico Ifms, ricavato da un precedente carro Hgb del 1946 e trasformato con porta a chiusura stagna nel 1966 che si trovava nella stazione di Barile. Proprio dopo la mia segnalazione ad aprile scorso, la Fondazione Fs, un mese dopo, nonostante la pandemia, è venuta a prenderlo per portarlo a Foligno per il restauro».
Dall’Ufficio stampa del Gruppo FS, in merito al mezzo abbandonato a Potenza fanno sapere che «si tratta di carro spalaneve, di proprietà del Gruppo FS, che veniva trainato da un locomotore. Al momento si sta definendo l’interesse di alcune associazioni culturali e di appassionati del mondo ferroviario, per valutarne l’eventuale acquisizione».

Da una stazione all’altra. «Sui binari di Potenza Inferiore Scalo delle Fal - evidenzia Mecca - c’è un vecchia automotrice M1.11 “Emmina”, Livrea verde costruita nel 1934 da Carminati & Toselli e Ranieri, poi trasformata in furgone. L’automotrice M1, molto simile ad un autobus su rotaia, nasce intorno agli anni trenta con il preciso scopo di abbattere le spese di esercizio della trazione a vapore, riducendone allo stesso tempo i lunghi tempi di percorrenza, sulle linee secondarie a scartamento ridotto allo scopo di contrastare il calo di viaggiatori dovuto alla concorrenza sempre maggiore dei servizi su strada. Tra le superstiti quella di Potenza, furgonata, in buono stato ma in continuo degrado, si spera nel recupero».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie