Mercoledì 20 Gennaio 2021 | 12:15

NEWS DALLA SEZIONE

automotive
Melfi, Fca fa spazio a Stellantis anche sulle tute di lavoro

Melfi, Fca fa spazio a Stellantis anche sulle tute di lavoro

 
L'iniziativa
Potenza, un «pasto sospeso» per i più bisognosi e per aiutare i ristoratori

Potenza, un «pasto sospeso» per i più bisognosi e per aiutare i ristoratori

 
monitoraggio
Potenza, fiammate nel Centro olio Tempa Rossa: Total rischia multe pesanti

Potenza, fiammate nel Centro olio Tempa Rossa: Total rischia multe pesanti

 
Il virus
Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

 
La pandemia
Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

 
la protesta
Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

 
a Castelsaraceno
Bloccati su una parete del Monte Alpi, nel Potentino: salvati due alpinisti

Bloccati su una parete del Monte Alpi, nel Potentino: salvati due alpinisti

 
Demografia
Cresce la «città fantasma»: in Basilicata 1 casa su 3 è vuota

Cresce la «città fantasma»: in Basilicata 1 casa su 3 è vuota

 
La decisione
Foto Tony Vece

Potenza, causa neve chiuse tutte le scuole il 18 gennaio

 
Il personaggio
Il vaccino italiano di «ReiThera»: tra i ricercatori c’è una lucana

Il vaccino italiano di «ReiThera»: tra i ricercatori c’è una lucana

 
Nel Potentino
Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVil patrono
Bari, la Polizia locale celebra San Sebastiano: «Un pensiero a chi soffre per il Covid»

Bari, la Polizia locale celebra San Sebastiano: «Un pensiero a chi soffre per il Covid»

 
Foggiail furto
Foggia, ladri rubano ambulanza a Borgo Incoronata ma l'abbandonano subito dopo

Foggia, ladri rubano ambulanza a Borgo Incoronata ma l'abbandonano subito dopo

 
Potenzaautomotive
Melfi, Fca fa spazio a Stellantis anche sulle tute di lavoro

Melfi, Fca fa spazio a Stellantis anche sulle tute di lavoro

 
Leccela protesta
Terme di Santa Cesarea, lavoratori in agitazione: ritardi nei pagamenti e incertezze sul futuro

Terme Santa Cesarea, lavoratori in agitazione: ritardi nei pagamenti e incertezze sul futuro

 
TarantoIndagini della Poltel
Taranto, pedopornografia: 45enne trovato in possesso di 13mila «file» proibiti

Taranto, pedopornografia: 45enne trovato in possesso di 13mila «file» proibiti

 
Brindisil'inchiesta
Brindisi, perse il bambino al nono mese di gravidanza: indagati quattro medici

Brindisi, perse il bambino al nono mese di gravidanza: indagati quattro medici

 
BatLa disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 

i più letti

I dati

Basilicata, un lucano su 4 va a curarsi altrove

Saldi di mobilità negativi in tutta la Regione

sanità medici salute

Via dalla Basilicata per curarsi. È una tendenza netta quella che rivela il Rapporto sull’attività di ricovero ospedaliero pubblicata dal Ministero della Salute relativamente alle schede di degenza ospedaliera del 2017.
Ebbene, quasi un lucano su quattro che ha bisogno di ricoverarsi in strutture ospedaliere (per regime ordinario o day hospital o per cure oncologiche) si va a far curare fuori regione per un totale di 19.782 pazienti ricoverati fuori regione a fronte di 60.637 che si sono fatti curare ricoverandosi in strutture del territorio. Si tratta del 24,6 per cento dei pazienti totali ricoverati lucani, vale a dire che se la sanità lucana riuscisse a trattenerli potrebbe recuperare per le sue strutture risorse pari al 32,6 per cento di quelle che incassa oggi coi rimborsi delle prestazioni, soldi che, invece, vanno fuori.


Sia chiaro. In Basilicata vengono anche pazienti a curarsi da fuori, sono 13.679 in totale (sempre sommando i tre settori) ma il saldo resta comunque passivo per 6.103 unità, vale a dire più o meno il 10 per cento dei lucani che si sono curati in regione.
Andando ad analizzare i tre diversi comparti, vediamo che per quel che riguarda i ricoveri ordinari (quelli in cui si pernotta in ospedale per intenderci) nel 2017 ci sono stati 44.289 lucani che si sono curati in regione a fronte di 13.732 che lo hanno fatto oltre i confini della Basilicata, per una percentuale del 23,7. A fronte di questi «emigrati» sono venuti a curarsi in ospedali lucani in 9.359 (il 17,4%) per cui il saldo totale è stato di 4.373 ricoveri ordinari, pari al 6,3% dei ricoveri totali di lucani.
Numeri diversi, ma alla fine stessa morale, per i ricoverati in regime diurno. I lucani che si sono ricoverati in Basilicata sono stati 12.531, quelli che sono andati fuori sono stati 4.440, vale a dire il 26,2 per cento. Grazie all’arrivo di pazienti di fuori, i nostri ospedali si sono popolati di altri 2.918 fruitori (18,9%) ma alla fine il saldo è rimasto negativo per 1.522 unità, vale a dire il 7,3%.


infine la mobilità interregionale per i tumori: 3.817 i lucani che si sono curati in Basilicata , 1.610 quelli che si sono ricoverati fuori (e qui la percentuale è più alta col 29,6), 1.222 (24,3%), invece, quelli che da fuori sono venuti a curarsi qui con un saldo di 388 pazienti andati via (5,4%). E quanto alle partenze in questo settore da notare come il dato sia fortemente indirizzato verso la Puglia (637 casi) e la Lombardia (260), mentre gli ingressi provengano prevalentemente da Campania (689) e Calabria (198).
Infine, quanto ai ricoveri, un dato sui tempi di attesa per interventi. In regime ordinario servono 127 giorni per una protesi d’anca e 124 per una tonsillectomia, in day hospital 119 giorni per la riduzione di un’ernia inquinale e 73 per una coronarografia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie