Martedì 23 Aprile 2019 | 20:36

NEWS DALLA SEZIONE

Le indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
Petrolio lucano
Basilicata, Rockhopper rilancia: è scontro con Di Maio

Basilicata, Rockhopper rilancia: è scontro con Di Maio

 
Il caso
Basilicata, petrolio contaminato in Val D'Agri: un arresto

Val D'Agri, petrolio contaminato: arrestato dirigente Eni 
«Massima collaborazione»

 
La nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
Elezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 
L'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
La curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto.La squadra fa ricorso ma viene respinto

 
A potenza
Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

 
Nel Potentino
Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

 
Parco del Pollino
Il parco naturalistico «Viggianello Waterland» diventa realtà

Il parco naturalistico «Viggianello Waterland» diventa realtà

 
Stalking
Melfi, chiedeva sesso alla sua ex minacciando il «revenge porn»

Melfi, chiedeva sesso alla sua ex minacciando il «revenge porn»

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
FoggiaSull'Isola di Capraia
Migranti, 17 curdi sbarcano alle Isole Tremiti: tra loro donne e bambini

Migranti, 18 curdi sbarcano alle Isole Tremiti: tra loro bimbo paraplegico

 
PotenzaLe indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
BariL'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
MateraOperazione della Polizia
Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

 
BatIl furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
BrindisiVento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
TarantoL'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 

Servizi di assistenza

Basilicata, la spesa sociale qui langue: 60 euro contro 116 nazionali

Un micidiale cocktail di minori fondi statali vincolati e poche risorse dei comuni. Valori pro capite più bassi in tutti i settori: disabili, anziani, famiglia

assistenza sociale

POTENZA - Poca spesa sociale da parte dei Comuni (ma finanziata con risorse varie) in Basilicata, in un Paese già diviso in due col Mezzogiorno che per il 23% della popolazione italiana ha una spesa di appena il 10%. Lo rivela l’Istat (elaborando dati del 2016) nella sua indagine sul settore mostrando come qui anche il maggiore impegno della Regione (che destina percentualmente più fondi di quanto fanno le altre) non riesce a compensare una mancanza di servizi specie per la terza età
In Basilicata la spesa pro capite annua gestita dai comuni per i servizi e gli interventi sociali è di appena 60 euro, vale a dire quasi la metà esatta dei 116 euro che si spendono nella media italiana, con la spesa lucana, pari a 34 milioni e 260 mila euro, che pesa circa mezzo punto percentuale sui 7 miliardi 56 milioni e 426mila euro di spesa nazionale. E dei servizi erogati in territorio lucano solo una minima parte finisce a carico del Sistema Sanitario Nazionale, vale a dire lo 0,6% a fronte del 12,3% di media nazionale che raggiunge il 54,8% nel Veneto. Per il resto, in Basilicata il 93,8% della spesa è a carico dei comuni (77,7 il dato nazionale) mentre il 5,6 per cento è la compartecipazione degli utenti (10% a livello nazionale che diventa 3,2% nel Mezzogiorno).

Ma è nella composizione delle spese che troviamo altre sorprese non positive. Se, infatti, in Basilicata la parte più importante è costituita dal fondo indistinto delle politiche sociali (32%) e dai fondi regionali (la Basilicata assicura il 26,4%) per un totale del 58,8%, a livello nazionale questa area pesa per il 26,8% (9+17,8) mentre l’area portate è rappresentata dai fondi propri dei Comuni e gli enti consortili, col 61,8% che qui si ferma al 34,1%. Una dimostrazione di come i tagli nei trasferimenti e le difficoltà delle casse comunali si traducano in minori servizi ai cittadini.
Ma c’è di più. Analizzando la spesa, si scopre come la Basilicata sia la quintultima regione per finanziamento di spesa sociale con fondi vincolati dello Stato e dell’Unione Europea e questo, ovviamente, sempre in peso percentuale. Da noi si finanzia così il 3,3% della «magra» spesa mentre a livello nazionale ben il 7,4% e peggio di noi stanno Sardegna (2,2), Veneto (2,6) e Piemonte (3,2) oltre a un Trentino difficilmente «pesabile» per la organizzazione tra le due province. Ma a vedere il dato reale scopiamo che in realtà stiamo peggio noi, perché quelle percentuali sono riferite alla spesa media e così scopriamo che i fondi vincolati di Stato e Ue finanziano qui 2 euro a testa a fronte dei 9 nazionali e, per restare alle regioni prima indicate come «sfortunate», gli 11 euro della Sardegna, i 3 del Veneto e i 4 del Piemonte.

La ristrettezza dei fondi, così, influenza la diversa allocazione per aree di utenza, andando a pesare di più (ma sempre in termini relativi) sulle aree indispensabili e meno su quelle su cui si può chiudere un occhio. Ci scopriamo così essere la seconda regione per maggiore peso della spesa sulle disabilità (destiniamo il 30,4% dei fondi disponibili contro il 25,5 di media nazionale) ma specularmente siamo i penultimi a spendere per gli anziani (15,4 contro la media italiana del 17,4). E tutto questo sempre partendo da quel dato di partenza di minore spesa che rappresenta una costante di ulteriore riduzione. E così, parlando con la chiarezza dei «soldoni» della spesa pro capite, se a livello nazionale la spesa sociale dei comuni per gli anziani cuba per 92 euro, in Basilicata è di 42 (-50), se per i disabili la quota è di 2.854 euro a cittadino italiano, per i lucani è di 1.300 (-1.554). E così via per i vari settori con una minore spesa lucana di 86 euro per famiglia e minori (a livello nazionale se ne spendono 172 da noi 86) e di 7 euro per le povertà (14 euro la spesa nazionale, 7 la locale).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400