Venerdì 18 Gennaio 2019 | 18:55

NEWS DALLA SEZIONE

Nel potentino
Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

 
La decisione
Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

 
Emergenza maltempo
Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

 
Il giallo
Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

 
La decisione del Tribunale
Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

 
Giustizia e ambiente
Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

 
Allerta meteo
Maltempo in Basilicata: domani scuole chiuse a Potenza

Migliora il maltempo in Basilicata: revocato divieto mezzi pesanti

 
Emergenza maltempo
Manca il sale per le strade, provincia Potenza chiede risorse

Manca il sale per le strade, provincia Potenza chiede risorse

 
Il concorso della gazzetta
Basilicata, il presepe più social che c’è: vince Mario Bochicchio

Basilicata, il presepe più social che c’è: vince Mario Bochicchio

 
Servizi di assistenza
Basilicata, la spesa sociale qui langue: 60 euro contro 116 nazionali

Basilicata, la spesa sociale qui langue: 60 euro contro 116 nazionali

 

Le autorizzazioni

Nuove trivellazioni in mare, la Regione annuncia un ricorso al Tar

L'assessore Pietrantuono: ci opporremo senza esitazione

trivelle petrolifere

Una «follia» per gli ambientalisti; «faremo ricorso», annuncia la Regione. L'assessore all'ambiente, Francesco Pietrantuono, interpellato dalla «Gazzetta», anticipa l'impugnazione dei provvedimenti che autorizzano le ricerche di petrolio nel mar Jonio, mentre, allo stesso tempo, un coro di proteste si alza dal fronte ambientalista che parla di voltafaccia ormai conclamato del governo gialloverde dopo il caso Masseria La Rocca.

L'attenzione della Regione Basilicata e lo sdegno di associazioni e comitati ecologisti si concentrano contro i tre permessi appena rilasciati dal ministero dello Sviluppo economico per la ricerca di petrolio e gas a largo delle coste lucane, pugliesi e calabresi. I tre permessi sono stati rilasciati alla società Global Med. Si tratta dei permessi F.R43.GM, F.R44.GM ed F.R45.GM, per un totale di 2.220 km quadrati. I permessi in questione prevedono che la ricerca di petrolio sia fatta con la tecnica dell’air gun. La Regione annuncia ricorso al Tar del Lazio («siamo assolutamente contrari», afferma Pietrantuono) e gli ambientalisti sono sul piede di guerra. Il parere del ministero conferma infatti - per dirla con il coordinamento nazionale dei No triv – che non c’è nessuna discontinuità tra l’attuale governo e quelli che lo hanno preceduto.

Anche quello in carica, in tutte le sue componenti è un governo fossile. Delle tre «vecchie» istanze di permesso di ricerca in mare – sottolineano gli anti trivelle - ci eravamo occupati in diverse occasioni, evidenziando tutta una serie di criticità, sia sotto il profilo autorizzativo, sia sotto quello ambientale. L’associazione Mediterraneo No Triv evidenzia che “il primo settore che indubbiamente subirà gli effetti della decisione del MISE sarà quello della pesca. A rischio anche il settore del turismo, altra voce economica di estrema importanza per le tre regioni interessate dai progetti petroliferi. Del tutto ignorate anche le preoccupazioni da noi sollevate in merito alla fragilità delle coste così come per l'enorme patrimonio di coralli rossi presenti nel nostri fondali marini e per i cetacei la cui sopravvivenza è seriamente messa in pericolo dalla tecnica di ricerca con air gun».
Noscorie Trisaia chiede «alle Regioni Puglia, Calabria , Basilicata  e a tutti i comuni delle tre regioni che si affacciano sul Golfo di Taranto  di opporsi ai decreti rilasciati dal Mise presentando ricorso al Tar del Lazio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400