Martedì 18 Dicembre 2018 | 16:21

NEWS DALLA SEZIONE

Petrolio lucano
Viggiano, nuovo pozzo di reiniezionela Regione dice no e blocca il progetto

Viggiano, nuovo pozzo di reiniezione
la Regione dice no e blocca il progetto

 
Il dato
In Basilicata circolano i treni più vecchi d'Italia

In Basilicata circolano i treni più vecchi d'Italia

 
Nel Potentino
Picchia la moglie davanti al figlio: arrestato

Picchia la moglie davanti al figlio: arrestato

 
Il caso
Migranti, rivolta anche nel Cpr del Potentino: 2 arresti

Migranti, rivolta anche nel Cpr del Potentino: 2 arresti

 
Petrolio lucano
Basilicata, la Regione tra Eni e Total per incassare circa 60 milioni

Basilicata, la Regione tra Eni e Total per incassare circa 60 milioni

 
Il triste primato
Riciclaggio: in Basilicata crescono le operazioni sospette

Riciclaggio: in Basilicata crescono le operazioni sospette

 
Indagine Gdf
Lagonegro, imprenditore alimentare nasconde al fisco 400mila €

Lagonegro, imprenditore alimentare nasconde al fisco 400mila €

 
Petrolandia lucana
Basilicata si continua a pagare di più il carburante nonostante il petrolio

Basilicata si continua a pagare di più il carburante nonostante il petrolio

 
sanitopoli lucana
«Pittella, l’arresto un errore»: così la Cassazione boccia il Riesame

«Pittella, l’arresto un errore»: così la Cassazione boccia il Riesame

 
Consumatori di stupefacenti
Droga, segnalate 18 persone dai Carabinieri nel Potentino

Droga, segnalate 18 persone dai Carabinieri nel Potentino

 
Oggi reintegrato
Lagonegro, guidò bus di ditta concorrente, licenziato

Lagonegro, guidò bus di ditta concorrente, licenziato

 

Violenza sessuale

«Con questa crema non resterai incinta»: condannato farmacista di Potenza

Quattro anni e 8 mesi al professionista. Le donne venivano così riprese con una "spy-cam» e i filmati venivano poi riversati sul pc

molestie

Il gup di Potenza Rosa Maria Verrastro, al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato, ha condannato un farmacista operante nel centro storico di Potenza a quattro anni, otto mesi e 20 giorni di reclusione per violenza sessuale aggravata e detenzione di materiale pornografico con minori. Il pm aveva chiesto una pena di nove anni e quattro mesi di reclusione.
Il farmacista fu sospeso nel gennaio 2017 dopo la denuncia di una donna che ha permesso l’avvio delle indagini della Squadra mobile. Sarebbero emersi casi di donne (anche minorenni) che si erano rivolte al farmacista perché temevano una gravidanza indesiderata: l’uomo consigliava una crema (preparata da lui stesso) dalle presunte proprietà spermicide da applicare nel bagno della farmacia. Le donne venivano così riprese con una "spy-cam» e i filmati venivano poi riversati sul pc. Il giudice ha condannato Perri anche alla sospensione dell’esercizio della professione di farmacista per 12 mesi, e all’interdizione perpetua da qualunque incarico nelle scuole di ogni ordine e grado.

In una nota, gli avvocati Ottavia e Savino Murro «in qualità di difensori di 3 parti civili costituite nel processo contro il farmacista» hanno evidenziato di ritenere che «questa condanna bilanci in modo equilibrato sia le esigenze preventive e repressive che quelle rieducative della pena, dando giusta attenzione alla gravità del fatto e al dolore sopportato dalle vittime. L’auspicio è che tali sentenze possano costituire motivo di repressione per futuri crimini a sfondo sessuale e aiutino le vittime di tali disdicevoli reati a trovare la forza e il coraggio di denunciare».

L’Associazione 'Telefono donnà di Potenza, «costituitasi parte civile», in un comunicato, ha ricordato di essere «stata presente nel processo a nome di tutte le donne che da questa vicenda si sono sentite lese nella loro dignità e attraverso questa presenza ha inteso dare maggior forza alle donne costituitesi nel processo. Non potevamo non essere presenti anche perché la giovane donna, che con la sua denuncia ha dato l'avvio alle indagini, dopo pochi giorni dal fatto si è rivolta al Centro Antiviolenza del Telefono Donna, dove lei,(alla quale in seguito si è aggiunta un’altra donna) ha trovato sostegno psicologico e legale da parte delle avvocate Ottavia Murro e Rosadele Giugliano, consulenti legali dell’Associazione. La sua personale decisione, presa non a cuor leggero, trattandosi, tra l’altro, di un amico di famiglia, è stata sostenuta fin da subito dall’Associazione, che ha condiviso la sua volontà di andare avanti per sé stessa innanzitutto, per le donne che con tutta probabilità avevano subito violenza prima di lei e per quelle che avrebbero potuto subirla in futuro, se il farmacista non fosse stato fermato. Ci riteniamo soddisfatte del risultato ottenuto, dal momento che il dispositivo ha riconosciuto le esigenze delle vittime di questi gravissimi reati».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400