Giovedì 24 Gennaio 2019 | 09:58

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Potenza, sosta gratis per chi fa shopping in centro

Potenza, sosta gratis per chi fa shopping in centro

 
Di Lauria
A Bologna per il padre malato, ma ha doppio lavoro: stanato furbetto della legge 104 nel Potentino

A Bologna per il padre malato, ma ha doppio lavoro: stanato furbetto nel Potentino

 
Verso le elezioni
Basilicata al voto, Lacorazza (Pd) si candida

Basilicata al voto, Lacorazza (Pd) si candida

 
Elezioni
Regionali, Basilicata al voto il 23 marzo: firmato il decreto

Regionali, Basilicata al voto il 24 marzo: firmato il decreto

 
Allarme analfabetismo digitale
Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

 
A Lauria
In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

 
Nel potentino
Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

 
La decisione
Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

 
Emergenza maltempo
Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

 
Il giallo
Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

 

L'annuncio

«Scossa» Fca a Melfi: si farà la Jeep ibrida

Produzione (in pre-serie) dal prossimo anno. Una risposta alle preoccupazioni di lavoratori e sindacati sul futuro dello stabilimento. Ma ci saranno ancora mesi di sacrifici

«Scossa» Fca a MelfiSi farà la Jeep ibrida

MELFI - Lo stabilimento Fca di San Nicola di Melfi volta pagina. E lo fa guardando all’energia pulita. Il colosso dell’automobile ha annunciato che proprio nella fabbrica lucana si stanno approntando le linee per la produzione della nuova Jeep Renegade ibrida plug-in. Una notizia che conferma quanto anticipato dalla Gazzetta nei mesi scorsi e che giunge a dissipare i timori sul futuro produttivo dello stabilimento sorti dopo il pensionamento della Grande Punto e la conseguente riduzione dei turni.
Ieri mattina la Fca ha annunciato che lo stabilimento lucano «ha iniziato le attività propedeutiche alla produzione della Jeep Renegade Plug-in Hybrid Electric Vehicle (Phev), il cui lancio sul mercato è previsto nella prima parte del 2020. La Renegade Phev sarà prodotta a Melfi insieme alla Renegade e alla 500X con motore a combustione interna» già in produzione. I veicoli pre-serie della nuova Renegade plug-in sono previsti per il 2019. La Fca ha investito nel lancio della nuova motorizzazione oltre 200 milioni di euro, con la formazione dei dipendenti e l’ammodernamento degli impianti. «Le oltre 742.000 Renegade prodotte in Italia dal lancio ad oggi fanno dello stabilimento di Melfi il posto ideale e della Renegade il prodotto perfetto per il lancio della versione Phev che rafforzerà ulteriormente l’offerta di questo veicolo che ha già riscosso un grandissimo successo», ha dichiarato Pietro Gorlier, direttore operativo dell’area europeo-mediorientale. L’elettrificazione, come annunciato dalla Fca il 1° giugno scorso, durante il Capital Markets Day, è uno dei fattori di cambiamento più importanti previsti dal piano strategico. La Renegade Phev «è il passo successivo verso l’elettrificazione del portafoglio prodotti di Fca, che segue il lancio della Chrysler Pacifica Minivan Phev e della tecnologia e-Torque mild-hybrid lanciata sul Ram 1500 a inizio 2018. Entro il 2022, Fca offrirà un totale di 12 sistemi di propulsione elettrica, con 30 diversi modelli che monteranno uno o più di tali sistemi».
Per l’assessore regionale alle Attività Produttive, Roberto Cifarelli, la notizia giunge gradita, ma non del tutto inaspettata. «Quanto ufficializzato oggi dalla Fca - sottolinea - fa seguito a quanto anticipatoci circa un mese fa durante una visita allo stabilimento, quando avemmo una interlocuzione con il management locale dell’azienda e anche a seguito di una discussione sul futuro dello stabilimento Fca avviata con il management nazionale. Il fatto che Fca investa sull’energia pulita a Melfi è positivo non solo nell’immediato, ma anche per il futuro, perché pone quello lucano come uno stabilimento all’avanguardia, quindi si può guardare al futuro con più tranquillità, al di là del periodo necessario per avviare la nuova linea, che potrebbe essere un po’ difficile. È ovvio che come Regione continueremo a vigilare sull’andamento dello stabilimento e sul rispetto dei tempi, degli impegni e soprattutto sulla salvaguardia dei livelli occupazionali nel tempo». «Il prezioso lavoro sindacale e gli sforzi messi in campo ripetutamente – ha detto l’assessore regionale all’Ambiente Francesco Pietrantuono – continuano a fare di Melfi un punto centrale anche della gestione del nuovo Amministratore delegato. Le relazioni sindacali e l'alta produttività legata ai nuovi modelli organizzativi, pur nei tanti sacrifici legati alle congiunture economiche dei mercati, stanno consentendo di mantenere la centralità dello stabilimento lucano».
Secondo il segretario regionale di Idv Angelo Rosella «il nuovo modello di auto serve a rassicurare i lavoratori della linea Grande Punto e a rilanciare lo stabilimento di Melfi» ma «mentre le Regioni Piemonte, Campania e Abruzzo, la Provincia Autonoma di Trento hanno siglato a Roma, presso la sede del Ministero, un protocollo d’intesa con Fca e il Centro Ricerche Fiat a fronte di un piano di attività di ricerca e sviluppo incentrato sul Veicolo per la mobilità del futuro e la Fabbrica Intelligente, che include anche gli aspetti legati al fine vita nell’ottica di “circular economy”, noi siamo fermi ad un’interlocuzione istituzionale che risale ad anni addietro senza novità di rilievo». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400