Domenica 17 Febbraio 2019 | 08:25

NEWS DALLA SEZIONE

Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 
criminalità
Mafia lucana fa flop, per l'operazione «Iena» solo due condanne

Mafia lucana, flop per operazione «Iena»: solo 2 condanne

 
Sollevamento pesi
A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

 
Verso le regionali
Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Presidenza Regione»

Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Governatore»

 
La visita
Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

 
I 25 anni di Dookie
Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Le indagini

Giallo di Lauria, i vestiti portano
a Di Lascio: ultima parola al dna

I resti umani trovati in un bosco: potrebbero appartenere al 42enne scomparso

Giallo di Lauria, i vestiti portanoa Di Lascio: ultima parola al dna

Mariano Di Lascio

LAGONEGRO - I brandelli degli abiti riconducono a Mariano di Lascio, ma sarà il test del dna a stabilire con certezza se lo scheletro ritrovato domenica scorsa nel bosco «Canicella» a Lauria appartiene al 42enne scomparso misteriosamente il 21 novembre dell’anno scorso. Ieri mattina, il procuratore capo di Lagonegro, Vittorio Russo, ha, infatti, dato il via libera alla procedura che renderà possibile eseguire l’esame genetico.

In mattinata il fratello della persona scomparsa, alla quale potrebbero appartenere i resti umani scoperti domenica pomeriggio, è stato in tribunale per parlare con il procuratore Russo che coordina le indagini. Al termine del colloquio, il magistrato ha stabilito le tappe della comparazione del dna. Agli inizi della prossima settimana (probabilmente martedì), l’anatomopatologo Giuseppe Consalvo estrarrà il dna dai resti recuperati nel bosco di Lauria. Allo stesso tempo preleverà con un tampone un po’ di saliva dal fratello e dal papà di Mariano di Lascio che hanno dato l’assenso a sottoporsi al test. Successivamente sarà eseguita la comparazione, e così entro un paio di settimane sarà possibile dare un nome alla vittima, primo passo per arrivare al suo o ai suoi carnefici. Il dna è l’unica possibilità degli investigatori per risalire all’identità di quei resti, considerato che i frammenti di stoffa trovati attaccati allo scheletro, che farebbero pensare ai resti di un giubbino bianco e di un jeans, sono talmente deteriorati da non poter offrire alcuna certezza investigativa.

Anche per questa ragione la Procura ha ritenuto superfluo, almeno per ora, mostrarli ai familiari di di Lascio per cercare di capire se appartengono agli abiti che il 42enne indossava quando se ne sono perse le tracce. Il medico legale nel corso dell’autopsia ha accertato la causa della morte dovuta ad un colpo alla testa sparato da distanza ravvicinata con un fucile da caccia. Una dinamica che farebbe pensare ad un’ esecuzione.

La Procura di Lagonegro indaga per omicidio e occultamento di cadavere. Nelle prossime ore dovrebbe essere sentito anche il cacciatore che l’altro giorno, alla Gazzetta, ha raccontato di essere stato sul posto del ritrovamento un mese e mezzo prima della scoperta senza aver mai visto quei resti avvolti nel cellophane. Una testimonianza che confligge con alcune evidenze rilevate dagli inquirenti. Intorno ai resti non è stata trovata erba, segno che il corpo giacesse già da tempo nel punto in cui è stato trovato domenica scorsa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400