Mercoledì 14 Aprile 2021 | 20:02

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Lequile, avvistata la pantera vicino a un market da un autista

Lequile, nuovo avvistamento della pantera: era vicino un market

 
Letteratura
Salone del Libro Torino, sinergia con la Puglia per «Adotta uno scrittore»

Salone del Libro Torino, sinergia con la Puglia per «Adotta uno scrittore»

 
L'emergenza
Xylella, online lo spot per sensibilizzare cittadini e istituzioni

Xylella, online lo spot per sensibilizzare cittadini e istituzioni

 
L'intervista
Bari, la testimonianza: «Io, dentista, volontario per dare un contributo nei vaccini»

Bari, la testimonianza: «Io, dentista, volontario per dare un contributo nei vaccini»

 
Boom Radiovisione
«Radio e video, da 20 anni unione perfetta», parola a Lorenzo Suraci

«Radio e video, da 20 anni unione perfetta», parola a Lorenzo Suraci

 
La città che cambia
Bari, ecco montato il primo «candelabro» sul lungomare di San Cataldo

Bari, ecco montato il primo «candelabro» sul lungomare di San Cataldo

 
Il riconoscimento
Pane di Altamura, Consiglio Puglia chiede patrimonio Unesco

Pane di Altamura, Consiglio Puglia chiede patrimonio Unesco: è il più amato degli italiani

 
L'intervista
Dubai, la grande utopia di un mondo distopico

Dubai, la grande utopia di un mondo distopico

 
I personaggi
Dalla Murgia l'intelligenza artificiale colpo d'ala di due giovani studiosi

Dalla Murgia l'intelligenza artificiale colpo d'ala di due giovani studiosi

 
Al Policlinico
Bari, intervento al cuore con tecnica innovativa: salvata giovane vita

Bari, intervento al cuore con tecnica innovativa: salvata giovane vita

 
Arte
«Dipingo i muri con la mia fantasia», lo street artist pugliese Davide Curci si racconta

«Dipingo i muri con la mia fantasia», lo street artist pugliese Davide Curci si racconta

 

Il Biancorosso

Calcio serie C
Verso Bari-Palermo, il commento di Perinetti

Verso Bari-Palermo, il commento di Perinetti

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl personaggio
A Bari i funerali blindati del boss Mercante

A Bari i funerali blindati del boss Mercante

 
PotenzaIl virus
Vaccini, Bardi: «Modello Basilicata scelto anche a livello nazionale»

Vaccini, Bardi: «Modello Basilicata scelto anche a livello nazionale»

 
MateraL'inchiesta
Matera, inchiesta sull'ex dg Asm: il gup archivia

Matera, inchiesta sull'ex dg Asm: il gup archivia

 
BrindisiIl caso
Versalis a Brindisi, stop agli impianti per nuova torcia a terra

Versalis a Brindisi, stop agli impianti per nuova torcia a terra

 
LecceIl caso
Lequile, avvistata la pantera vicino a un market da un autista

Lequile, nuovo avvistamento della pantera: era vicino un market

 
Foggianel foggiano
San Severo, era ricercato per evasione: arrestato latitante

San Severo, era ricercato per evasione: arrestato latitante

 
BatL'episodio
Barletta, viola coprifuoco e aggredisce poliziotto per evitare sanzione: arrestato

Barletta, viola coprifuoco e aggredisce poliziotto per evitare sanzione: arrestato

 

i più letti

bilancio

Polignano, il pienone è «distanziato»: «Il Libro Possibile» fa scuola

Oltre 6.400 persone, nell’arco di 4 giornate, in piena sicurezza

libro possibile

Gli spazi degli eventi hanno un'anima. Gli stadi raccontano di lacrime e sudore, i palazzetti dei concerti di abbracci e commozione. Le piazze parlano di momenti di aggregazione. Vedendo questi posti vuoti, nei mesi appena passati, ci siamo resi conto di quanto i festival dipendano dagli spazi e quanto gli spazi dipendano dalle persone. Figuriamoci al tempo del post Covid 19, dove vivere e organizzare eventi culturali è cosa ardua. Ma con le giuste accortezze, tutto sommato, si può riuscire nell'intento. Lo testimonia il grande successo del Festival del Libro Possibile tenutosi dall'8 all'11 luglio a Polignano a Mare. Un vero e proprio banco di prova per il settore che, più di altri, è ancora bloccato nel limbo governato dai rischi della pandemia.

Il test è stato brillantemente superato, tanto da poter assurgere al titolo di “nave scuola” per gli eventi dell’estate pugliese del futuro. La macchina organizzativa, con i suoi piccoli e grandi ingranaggi, si è messa in moto e ha reso possibile l’impossibile: contenere oltre 6.400 persone nell’arco di 4 giornate per permettere al pubblico di seguire in totale sicurezza una serie di eventi letterari. Ma per rodare la macchina ci vuole tempo, impegno e rigore.

«Il tentativo è riuscito. Per realizzare il Festival, con tutte le misure di sicurezza imposte dalla legge, erano necessarie grande organizzazione e fermezza - spiega l’ingegner Gianluca Loliva, braccio operativo che, assieme alla mente Rosella Santoro, si è occupato dell’aspetto tecnico organizzativo de Il Libro Possibile - la gestione logistica ha impegnato la stragrande maggioranza del nostro tempo, per consentire la buona riuscita dell’evento».

Quattro piazze di presentazione per un totale di 1.600 posti a sedere. Di questi luoghi di ritrovo, solo a 3 (i più grandi) si accedeva con un biglietto da poter acquistare online, alla cifra simbolo di 3 euro. Il risultato? Sold out in tutti e 4 i giorni, per un totale di 4.573 biglietti venduti. «Solo così abbiamo coperto l’accesso per le 3 piazze (la quarta, la Terrazza dei tuffi, con i suoi 50 posti andava a riempimento; ndr) e questo è stato fatto per creare un sorta di filtro, visto che per legge - sottolinea Loliva - è preferibile la prenotazione, in modo tale da avere un censimento dei partecipanti. Con questo metodo abbiamo sventato le defezioni dell'ultimo minuto che avrebbero compromesso tutta la gestione. Ciononostante la richiesta è stata enorme e non potendo effettuare una specie di turn over (troppo complesso perché bisogna sanificare gli ambienti per ogni nuovo ingresso) siamo stati costretti a lasciare le persone fuori».

La logistica non è stata semplice, tant’è che gli organizzatori si sono inventati un portale di acquisto dei biglietti online con un sistema di prenotazione per massimo 4 persone, che operava in funzione delle autodichiarazioni che i singoli avventori compilavano, sia che fossero parenti o no. «È stata questa la cosa più complicata da gestire. Se avessimo fatto prenotare la singola persona non avremmo mai saputo il grado di parentela del pubblico e avremmo dovuto mettere una sedia divisoria per ogni partecipante, riempendo così il 50% delle piazze. In questo modo abbiamo colmato l’80-85% dei posti a sedere. Si tratta di un meccanismo che abbiamo creato da zero e, devo dire, funziona».

La riprova si è avuta ai varchi d’accesso: il pubblico portando con sé il biglietto stampato confermava il grado di parentela, così da poter essere smistato attraverso corsie diverse e accompagnato dai volontari in zone predefinite. Se congiunti potevano sedersi vicini, altrimenti si applicava la norma del “salto della sedia”.

Il segreto di questo ottimo risultato è stato mettere al primo posto la sicurezza applicando in modo rigoroso il Dpcm del 17 maggio e le varie ordinanze del governatore Michele Emiliano: «Abbiamo applicato in modo ligio le direttive non solo sugli spazi, rispettando il distanziamento, ma obbligando l’utilizzo della mascherina, la misurazione della temperatura a tappeto, la sanificazione dei bagni e delle sedute al momento del cambio sui palchi. Per non parlare della sostituzione dei microfoni per ogni autore o del raddoppio di autisti e macchine per il trasporto degli ospiti. Tutto ha avuto un costo non indifferente. Mentre prima con una stessa auto si potevano trasportare più autori, adesso per la nostra sicurezza e la loro, abbiamo dovuto raddoppiare i mezzi, con spese che nessuno aveva previsto. Sono tutti accorgimenti che abbiamo seguito di nostra sponte. L’abbiamo fatto per amore del buon senso». Tra i temi più delicati in questo tipo di eventi c’è la paura dell’assembramento, ma grazie all’ingresso anticipato di ben tre quarti d’ora per ogni panel, è stato possibile gestire il flusso di persone senza creare calca. In più gli spazi sono stati rispettati, con file destinate anche a chi, ancora timoroso, aveva la possibilità di seguire l’evento quasi completamente isolato.

«Abbiamo cercato di applicare il massimo rigore e ci siamo riusciti ricevendo molti complimenti, a partire dal pubblico passando per gli autori, chiunque ha partecipato si è sentito protetto quasi come fosse a casa - sottolinea Loliva - ma permettetemi di dare un consiglio. Per chi in futuro voglia organizzare un evento simile, se non dovessero cambiare le leggi, basta applicare le norme in maniera ferrea e preventivare bene i costi». Il Festival, infatti, è costato intorno ai 200mila euro e la maggioranza delle spese sono state dovute al raddoppio della sicurezza e alle continue sanificazioni. «Alla gente questa premura ha fatto piacere, noi controllavamo loro e viceversa. Certo, non è un gioco da ragazzi, ma una volta affrontate le spese impreviste, la strada è quasi tutta in discesa». «La cosa che più ci ha fatto piacere - conclude poi Loliva - è che in 4 giorni non siamo stati costretti a rimandare indietro nessuno per via della temperatura sfasata. Tutto sommato, possiamo dirlo, abbiamo battuto il Covid 2 a 0». E chissà che in futuro questa modalità pionieristica di gestione degli eventi non diventi la regola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie