Lunedì 20 Settembre 2021 | 11:43

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Sfilate milanesi

Il Frankenstein più chic con Prada parla d'amore

La stilista Miuccia: «La moda non sarà politica, ma...»

Il Frankenstein più chic con Prada parla d'amore

Milano. Nella domenica di sfilate milanesi dedicate alle collezioni maschili autunno/inverno 2019-20 va in scena il sofisticato romanticismo intriso di horror contemporaneo di Prada.
Un giovane uomo e una giovane donna dialogano nel palcoscenico teatrale inondato di luci ricreato dallo Studio Amo nel grandioso salone del Deposito della Fondazione Prada. In un'atmosfera dedicata al personaggio di Frankenstein, un "cattivo" in cerca di amore, i modelli sfilano a una certa distanza dal pubblico attraversando un terreno artificiale a spuntoni in morbida schiuma, fiocamente illuminato, dall'aura misteriosa.
In un fantasy movie, glamour, kitsch, sofisticato una generazione ricerca se stessa nei suoi zaini pieni di caos inseguendo una stella danzante. Abiti, top, gonne in nylon nero per una nuova Edie (Sedgwick) persa in una società   sempre più liquida e sempre alla ricerca di qualcosa, sara affetto? Lui porta abiti neri a petto nudo, lei stivaletti di vernice tinti di rosa, rosso e celeste. Cenerentola rock indossa uno strepitoso abito azzurro illuminato da cristalli con bustier in pelle nera. Il tailoring severo incontra le note "dementi" di accessori bizzarri come peluche colorato o grandi charm. Le rose bellissime e le opere dell'illustratrice Jeanne Detallante animano i capi e colorano il mondo. "La moda non sarà politica ma ognuno cerca di dare il suo contributo a suo modo", Miuccia Prada.


Gentleman Flow per Tod's, ovvero la capacità di stare sull'onda.
Il termine, mutuato dall’ambito musicale e molto diffuso tra le nuove generazioni, indica uno stato ottimale, la capacità di interpretare al meglio l'armonia e l'equilibrio nella sequenza delle rime.
Il brand sinonimo di eccellenza artigianale Made in Italy presenta la sua collezione a Villa Necchi Campiglio, gioiello del design italiano, e propone l'eleganza timeless di un gentiluomo che si muove in un flusso ritmato e armonico in costante equilibrio tra desiderio e funzionalità, che scorre trasversale tra le generazioni.
I codici distintivi del brand e della tradizione italiana evolvono con nuove ricerche materiche, tecnologiche ed estetiche sotto l'egida della leggerezza: Easy to wear. Easy to walk.


Lane delavé, cachemire e pelli ultralight vestono trench, cappotti, bomber e doppiopetto. Techno-tailoring per i capi sartoriali, con dettagli workwear, nuovi giochi di tasche e cerniere. Lo Scudo è il nuovo materiale waterproof per capispalla e accessori performanti. I piumini sfoderano il tessuto eco-sostenibile Waterborne, con il touch di una morbida pelle. Ai piedi suole carro armato marcano il passo urbano di mocassini, beatles e stringate mentre il "Gommino Cap" è il nuovo puntale con il segno del Gommino elaborato a rilievo, che avvolge la tomaia, statement di potenza e riconoscibilità.
Benvenuti nel sogno di Etro. Androidi che vorrero essere umani, infine, ci accolgono nella boutique di Monte Napoleone della maison che, in occasione della fashion week, si trasforma in un bosco incantato in cui fate e folletti presentano favole jacquard dall'effetto tridimensionale. La "Natura Manifesta" a casa Etro propone cappotti realizzati con lana riciclata proveniente dal recupero di vecchi maglioni di lana o da un'azienda impegnata nello sviluppo di tessuti ecosostenibili come la fibra di Yak, ricavata dal bovino che vive alle pendici dell'Himalaya, il denim più sostenibile del mondo, t-shirt in filati di canapa, ortica, soia, crabyon, bambù, lino, cotone biologico

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie