Domenica 21 Luglio 2019 | 17:50

NEWS DALLA SEZIONE

Il convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
Il progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
Heroes Pride
Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

 
Nel Materano
Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

 
dalla Polizia stradale
Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

 
L'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
Una coppia di 31enni
Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossici della città, compresi minorenni: 2 arresti

Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossicodipendenti della città, compresi minori: 2 arresti

 
I dati
Matera, boom di turisti già nel 2018

Matera, boom di turisti già nel 2018

 
Il caso
Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari

Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari di bosco

 
Inquinamento
Matera, schiuma biancastra nella Gravina

Matera, schiuma biancastra nella Gravina

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceMigranti
Gallipoli, 55 pakistani sbarcati sull'Isola di S.Andrea

Gallipoli, 55 pakistani sbarcati sull'Isola di S.Andrea

 
FoggiaIl premio
Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

 
BariLa curiosità
Panzerotti e focaccia: a Bari festa in piazza per i 60 anni di Emiliano

Panzerotti e focaccia: a Bari festa in piazza per i 60 anni di Emiliano

 
HomeLa scoperta
Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

 
MateraIl convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
PotenzaL'operazione
Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

 
HomeL'allarme
La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

 

i più letti

metaponto

Una strana moria di api
ed è allarme a Santa Pelagina

La causa sarebbe un trattamento erbicida a base di fitofarmarci

Una strana moria di api ed è allarme a Santa Pelagina

PIERO MIOLLA
MetapontoUn’anomala moria di api sarebbe stata riscontrata qualche giorno fa a, in contrada Santa Pelagina, a Metaponto. La notizia è stata diffusa dal sito web basilicata24, secondo cui un trattamento erbicida a base di fitofarmaci su un terreno coltivato a graminacee, confinante con quello sul quale c’è l’allevamento di api, sarebbe alla base della moria. Il sito web cita fonti del servizio veterinario Asm che, effettuato un prelievo per l’esame in laboratorio (i campioni prelevati dalle arnie sono all’esame dell’Izs di Matera), avrebbero sentenziato che le api sarebbero morte a causa del trattamento di diserbante Granstar in un terreno vicino. In attesa di comunicazioni ufficiali, la cosa certa sembra essere il danno enorme, economico e non solo per l’apicoltore, ma anche quello ambientale.

Va infatti ricordato che le api hanno una funzione importantissima nell’ecosistema terrestre, oltre ad essere un bene tutelato dall’Ue. Peraltro, già da anni e da più parti è stato lanciato l’allarme sul progressivo ridimensionamento del numero di api, a cagione di una serie di fattori concorrenti in qualche modo riconducibili all’inquinamento e al cambiamento del clima. Tutto questo, ovviamente, porta al calo della produzione di miele, ma soprattutto mette a rischio la funzione importantissima che hanno le api, responsabili di circa il 70 per cento dell’impollinazione di tutte le specie vegetali viventi sul pianeta. Le api garantiscono circa il 35 per cento della produzione globale di cibo. Insomma, meno api vorrebbe dire anche meno impollinazione e, per una sorta di effetto domino, anche minore garanzia di biodiversità.

Le conseguenze? Sono sotto gli occhi di tutti. Come se non bastasse nella nostra regione il problema dell’inquinamento a più livelli, dunque, adesso potrebbe aggiungersi anche la preoccupazione relativa all’uso improprio di pesticidi e affini. Certo, maggiori controlli sarebbero auspicabili: la prevenzione, anche in questo campo, sarebbe opportuna, insieme ad una maggiore presa di coscienza di quanto e come le api, ma non solo, siano importanti per la nostra vita, la nostra esistenza e, soprattutto, sopravvivenza. Nell’epoca della globalizzazione sfrenata e dal dominio della finanza e del profitto, l’augurio è che qualcuno (soprattutto chi ha poteri decisionali) si adoperi per conservare ciò che la natura ci ha regalato. Soprattutto ricordando che, a forza di violentarla, la natura prima o poi si prende la sua rivincita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie