Martedì 22 Gennaio 2019 | 17:40

NEWS DALLA SEZIONE

Capitale della Cultura
Matera 2019, la Fondazione: «Bilancio dell'inaugurazione fantastico»

Matera 2019, la Fondazione: «Bilancio dell'inaugurazione fantastico»

 
L'intesa
Matera, accordo con Italgas per fornitura metano a Borgo Picciano A

Matera, accordo con Italgas per fornitura metano a Borgo Picciano A

 
Le polemiche del giorno dopo
Matera 2019, venti sindaci se ne vanno dalla piazza per protesta

Matera 2019, venti sindaci se ne vanno dalla piazza per protesta

 
L'annuncio
Matera 2019, Bonisoli: «10 mln in arrivo per musei Lanfranchi e Ridola»

Matera 2019, Bonisoli: «10 mln in arrivo per musei Lanfranchi e Ridola»

 
La lettera
«Gazzetta» in edicola: nuovo appello a Mattarella

«Gazzetta» in edicola: nuovo appello a Mattarella

 
La cronaca della giornata
È il giorno di Matera 2019, da oggi è Capitale Europea della Cultura

Matera 2019, cerimonia con Mattarella: «Giorno di orgoglio per l'Italia» VD-Foto

 
La nota
Matera 2019, Pittella: «È la vittoria dei sogni»

Matera 2019, Pittella: «È la vittoria dei sogni»

 
Dopo i lavori
Matera 2019: domani riapre la stazione Fal

Matera 2019: domani riapre la stazione Fal

 
Trasporti
Fal, treni svizzeri per la tratta Bari-Matera: 23 mln di investimenti

Fal, treni svizzeri per la tratta Bari-Matera: 23 mln di investimenti

 
L'evento
Matera 2019, il premier Conte alla cerimonia di inaugurazione

Matera 2019, il premier Conte alla cerimonia di inaugurazione

 
La manifestazione
Matera 2019, 38mila bandierine per la cerimonia inaugurale

Matera 2019, oltre 38mila bandierine per la cerimonia inaugurale

 

PHOTONEWS

Cirigliano

Vendesi palazzo baronale
al prezzo di 150 mila euro

Vendesi palazzo baronaleal prezzo di 150 mila euro

VINCENZO DE LILLO


CIRIGLIANO - La notizia è grossa: la famiglia Formica mette in vendita il palazzo baronale di Cirigliano. E il prezzo è a dir poco ridicolo: 150 mila euro. Ma perché si mette in vendita e perché a quel prezzo? «Si vende perché gli eredi non possono andar lì a controllare i lavori che occorre fare ogni anno», risponde Vincenzo Formica, che vive a Torino. «Noi abbiamo una certa età – continua – e non possiamo più permetterci di fare un viaggio lungo. E gli altri eredi non sono interessati. Speriamo, quindi, che qualcuno prenda in eredità questo bene e che lo tenga nel miglior modo. Saremmo ben lieti, se qualcuno avesse voglia di dare nuova vita a quel palazzo». Quale destinazione d’uso immaginate per un immobile così importante? «Questo è un bel problema, perché non ha bisogno solo di manutenzione, ma anche di messa a norma. C’è bisogno di una serie di interventi per la messa in sicurezza. Se io fossi stato lì a vivere, avrei provveduto al proposito. Ma vado a Cirigliano solo a controllare che non piova dentro. Il Comune non ci viene incontro, anche se paghiamo le relative tasse e le utenze. Ci siamo anche provveduti di un’assicurazione per danni a terzi, nel caso in cui il vento, o altro, possa causare danni».

Vincenzo Formica è nato in quel palazzo, nella parte che è diventata cucina, perché suo padre l’aveva ereditato e lì ha vissuto. A quei tempi fu arredato con bei mobili, che successivamente sono stati rubati, così come le porte. «Ci hanno procurato un danno enorme. Abbiamo dovuto farle rifare a mo’ di come erano; ma naturalmente non sono le stesse. Avrei voluto far diventare museo quel palazzo, perché sono stati fatti due interventi strutturali di diversa natura. Con il primo si son fatti soffitti a legno e pavimenti in cotto a spina di pesce. L’altra parte, meno antica, è stata costruita dai miei famigliari con la volta a botte. Mi sarebbe piaciuto fare un ingresso per mostrare le due tipologie di architettura e la torre che era a guardia delle scorribande che venivano dal mare». Al pensiero di vendere l’immobile, cosa prova sentimentalmente? «Mi dispiace, perché lì sono i ricordi della mia infanzia e dell’età media. Lì ho insegnato e sono stato sindaco nel 1974. Con mia moglie abbiamo ristrutturato due o tre stanze, qualche bagno e attivato il riscaldamento. Poi, per ragioni di lavoro ci siamo spostati a Torino». Perché per 150 mila euro? «Perché non c’è mercato. Si pensava che il petrolio potesse creare un po’ di movimento, ma niente».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400