Domenica 21 Luglio 2019 | 00:03

NEWS DALLA SEZIONE

Il convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
Il progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
Heroes Pride
Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

 
Nel Materano
Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

 
dalla Polizia stradale
Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

 
L'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
Una coppia di 31enni
Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossici della città, compresi minorenni: 2 arresti

Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossicodipendenti della città, compresi minori: 2 arresti

 
I dati
Matera, boom di turisti già nel 2018

Matera, boom di turisti già nel 2018

 
Il caso
Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari

Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari di bosco

 
Inquinamento
Matera, schiuma biancastra nella Gravina

Matera, schiuma biancastra nella Gravina

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeLa scoperta
Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

 
MateraIl convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
BariLa denuncia di un lettore
Bari, lavori in corso al Policlinico: pazienti visitati nel corridoio

Bari, lavori in corso al Policlinico: pazienti visitati nel corridoio

 
PotenzaL'operazione
Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

 
HomeLa tragedia
Foggia, scontro tra auto della Finanza e scooter: muore 15enne

Foggia, scontro tra auto della Finanza e scooter: muore 15enne, non aveva il casco

 
HomeL'allarme
La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

 
Calcio LecceGiallorossi
Muore a 82 anni ex patron del Lecce Giovanni Semeraro

Muore a 82 anni ex patron del Lecce Giovanni Semeraro

 

i più letti

policoro

Caporalato duro a morire
un arresto e sei denunce

Pagavano un euro per ogni cassetta di mandarini raccolti

Caporalato duro a morire un arresto e sei denunce

FILIPPO MELE

POLICORO - Caporalato durissimo a morire nel Metapontino. I titolari di una azienda agricola del posto e di una di Scanzano Jonico sono stati denunciati all’autorità giudiziaria, insieme ad una donna di nazionalità rumena, per intermediazione illecita di manodopera e sfruttamento del lavoro agricolo. La Guardia di finanza della Tenenza di Montegiordano (Cosenza) ha accertato che impiegavano in maniera irregolare dieci lavoratori extracomunitari pagandoli un euro a cassetta di mandarini raccolta.

In totale, le Fiamme gialle, hanno denunciato sette persone, di cui una tratta in arresto. Il tutto al termine di una operazione cominciata con una serie di posti di controllo lungo la statale Jonica e con il blocco, nel territorio di Roseto Capo Spulico (Cosenza), di un furgone con a bordo un cittadino italiano e numerosi extracomunitari, molti dei quali privi di documenti di riconoscimento, che si apprestavano a raggiungere le campagne lucane per una giornata lavorativa.

Tutti i braccianti a bordo del mezzo, unitamente all’italiano titolare di un’azienda agricola, sono stati quindi condotti in caserma per eseguire gli accertamenti necessari alla loro esatta identificazione ed essere ascoltati sulle modalità dell’attività lavorativa svolta al fine di verificare la regolarità del loro rapporto di lavoro. E da qui ecco la scoperta. Sulla base delle dichiarazioni raccolte e della documentazione rinvenuta nel mezzo di trasporto sono stati individuati 10 lavoratori completamente “in nero” che venivano sfruttati dai titolari delle aziende agricole che corrispondevano ai loro “assunti” un euro per ogni cassetta di mandarini raccolta. Una somma nettamente inferiore alla contrattazione collettiva di legge. Da qui la denuncia dei due agricoltori italiani e della donna rumena. Rischiano la reclusione da uno a sei anni e la multa da 500 a 1.000 euro per ciascun lavoratore reclutato e la reclusione da uno a cinque anni e la multa di 15.000 euro per favoreggiamento all’immigrazione clandestina. Tre extracomunitari, infatti, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Castrovillari (Cosenza) in quanto privi di permesso di soggiorno: rischiano un’ammenda da 5.000 a 10.000 euro ciascuno.

Nell’ambito dello stesso controllo, infine, è stato accertato che un altro extracomunitario, di nazionalità algerina, che aveva fornito ai finanzieri false generalità, era ricercato dallo scorso anno per reati in materia di immigrazione clandestina e contro la persona ed il patrimonio. Il soggetto è stato arrestato e, dopo le formalità di rito, associato alla Casa circondariale di Castrovillari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie