Martedì 21 Settembre 2021 | 15:36

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

I lavori della statale

Bradanica, ultimo atto
«S'inaugura il 4 dicembre»

Bradanica, ultimo atto«S'inaugura il 4 dicembre»

EMILIO SALIERNO

Aveva 6 anni e sentiva parlare della Bradanica. Ora ne ha 49 e l’agognata strada ancora non è completata e si continua ad arrovellarsi su quando sarà finalmente consegnata.
Mino Paolicelli, materano, segretario regionale della Feneal Uil, ieri era in Municipio, sia pur come “uditore”, all’incontro che il sindaco ha voluto con Anas, committente dell’opera, impresa costruttrice e Regione Basilicata.
Ebbene, il sindacalista ha tirato un lungo sospiro di sollievo quando ha appreso che la Bradanica sarà pronta per il 4 dicembre di quest’anno.

«Mi sono quasi emozionato - dice Paolicelli - perché potrà finire una vicenda biblica, assurda, di cui come cittadino ho seguito e subito. So bene, come altri qui da noi, di quanto quest’arteria sia importante per questo territorio e per il suo sviluppo. Ora mi auguro che si arrivi davvero alla conclusione di questa storia».

L’ultimo lotto, quello di La Martella, della statale 655 Bradanica sarà dunque consegnato entro il 2017. Addirittura l’Anas - e questo ha dell’incredibile - c’è persino il giorno del taglio del nastro (speriamo che almeno questa volta non sia il solito teatrino della politica con un presenzialismo che sarebbe inopportuno visto quanto è successo in oltre 40 anni di attesa). Il 4 dicembre cade di lunedì. Una data da appuntarsi con estrema attenzione sull’agenda.

Nell’incontro di ieri in Comune, l’Anas ha comunicato il cronoprogramma di ultimazione dei lavori. «Si tratta di un segnale importante – fa sapere il sindaco Raffaello de Ruggieri – che fa seguito all’incontro del 20 febbraio in cui avevamo già sottolineato il ruolo strategico di questa arteria viaria e la necessità di consegnarla al territorio anche in vista del ruolo che Matera svolgerà nel 2019, quando sarà capitale europea della cultura».

L’assessore regionale Nicola Benedetto commenta positivamente quanto notificato dall’Anas: «Già nell’incontro di qualche settimana fa, avevo sottolineato quanto importante fosse questa opera, fondamentale per il ruolo e l’immagine della Basilicata».

L’Anas ha spiegato che sul cantiere sono impiegati circa 28 lavoratori (di cui 8 dell’impresa Aleandri e gli altri di aziende in subappalto).  Entro una settimana (da ieri) verrà aperta al traffico la rampa che collega Matera alla Basentana, in località Aia del Cavallo.  “Testimoni” e protagonisti dell’annuncio dato ieri dall’Anas ( presenti all’incontro ) sono gli assessori comunali alla viabilità Valeriano Delicio e alla Pianificazione strategica Enzo Acito, gli ingegneri Raffaele Carso, dirigente responsabile Anas per le nuove costruzioni dell’area territoriale tirrenica e Domenico Pietrapertosa, del responsabile unico del procedimento Anas Basilicata.

L’Anas pare che abbia dato garanzie anche sulle ultime lavorazioni in cemento da realizzare tra La Martella e Aia del cavallo. L’impresa subappaltatrice a cui sono stati affidati gli interventi avrebbe già dovuto consegnarli, ma ora viene dato per scontato che li eseguirà nei tempi del cronoprogramma. Insomma, pare che non ci debbano essere altre “sorprese” rispetto ad una data di fine lavori che, indubbiamente, rimarrà negli annali, ma poco gloriosi, della storia non solo di questo territorio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie