Lunedì 26 Settembre 2022 | 11:40

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,91%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,46%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,85%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,07%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,12%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,24%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,81%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,29%

Movimento 5 Stelle

 

L'opera pronta entro l'estate

Bradanica, licenziati i carpentieri
L'azienda: «Terminato il loro lavoro»

Bradanica, licenziati i carpentieriL'azienda: «Terminato il loro lavoro»

10 Febbraio 2017

Sul cantiere della Bradanica, un'opera attesa da decenni, per la quale sono in fase di completamento i lavori da parte di Aleandri (l'impresa subentrata nell'appalto quattro anni fa portando lo stato di avanzamento dal 15% al 75%), interviene la stessa azienda dopo una polemica sollevata dai sindacata in ordine alla decisione della stessa Aleandri di licenziare alcuni operai impegnati nel cantiere.

«Aleandri Spa - si legge in una nota - ha avviato le procedure di licenziamento solo ed esclusivamente nei confronti degli operai addetti alle lavorazioni di carpenteria del cantiere Bradanica, concluse orma da tempo. Tale circostanza era nota da tempo, precisamente dal 19 luglio dell’anno scorso giorno, data di un incontro presso la Prefettura di Matera, alla presenza di rappresentanti delle istituzioni e dei sindacati, per fare il punto della situazione. In quell’occasione, come emerge da verbale, l’azienda precisò che “… sono in corso di completamento le opere d’arte propedeutiche in cemento armato”. Nonostante l’avvenuta ultimazione di tali lavorazioni già dalla fine della scorsa estate, Aleandri, pur in presenza di una congiuntura sfavorevole, ha tuttavia continuato a garantire lo stipendio a queste maestranze».

Uno dei punti sollevati dai sindacati era il dubbio di poter concludere ben 13 milioni di lavori, in pochi mesi e per giunta con una forza lavoro inferiore. «Il restante 25% dei lavori per completare il cantiere della Bradanica - prosegue l'azienda - NON riguardano opere di carpenteria per le quali si richiede la collaborazione dei dipendenti destinatari del licenziamento, ma interessa altre tipologie di lavorazioni per le quale Aleandri spa è in grado di far fronte con l’altro personale già assunto unitamente alle aziende subappaltatrici individuate a suo tempo. Si tratta di lavori (asfalto, barriere, opere a verde, ecc.) che hanno un alto valore e sono realizzabili in tempi brevi, per cui appare inopportuno (e illogico) rapportare il numero dei dipendenti alla quota di fatturato residua».

Sui tempi di ultimazione del cantiere, Aleandri ribadisce ancora una volta «il proprio impegno al rispetto delle tempistiche di consegna del cantiere della Bradanica, la cui ultimazione dei lavori avverrà entro la prossima estate».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725