Domenica 11 Aprile 2021 | 00:23

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

 
Covid
Basilicata arancione Bardi: «Ma abbiamo numeri da zona gialla»

Basilicata diventa arancione, Bardi: «Ma abbiamo numeri da zona gialla»

 
il raggiro
Matera, spilla 500 euro a nonnina 91enne con la truffa del “pacco per il nipote”: arrestato 48enne napoletano

Matera, spilla 500 euro a nonnina 91enne con la truffa del “pacco per il nipote”: arrestato 48enne napoletano

 
Commercio
Matera, ordinanza del sindaco per regolamentare i mercati

Matera, ordinanza del sindaco per regolamentare i mercati

 
L'iniziativa
Il sindaco di Matera vola a Baku in Azerbaigian per un protocollo d'intesa

Il sindaco di Matera vola a Baku in Azerbaigian per un protocollo d'intesa

 
Controlli dei CC
Matera, furbetti del reddito di cittadinanza: altri sei denunciati per percezione indebita

Matera, furbetti del reddito di cittadinanza: altri sei denunciati per percezione indebita

 
Polizia
Matera, tentata estorsione ai gestori di un bar: un arresto

Matera, tentata estorsione ai gestori di un bar: un arresto

 
Il caso
Libia, giornalista di guerra lucana sotto intercettazione

Libia, giornalista di guerra lucana sotto intercettazione

 
Il caso
Matera, ritrovato mezzo con 5 bidoni da 200 litri di gasolio rubati a Policoro

Matera, ritrovato mezzo con 5 bidoni da 200 litri di gasolio rubati a Policoro

 

Il Biancorosso

Serie C
Avellino - Bari: segui con noi il match in diretta

Avellino-Bari: 1-0 per i campani. I galletti restano a bocca asciutta: rivedi con noi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIncidente mortale
Tragedia a Nardò, scontro tra 3 auto: due morti e 4 feriti

Tragedia a Nardò, scontro fra tre auto: morta 75enne, quattro feriti gravi FOTO

 
Covid news h 24Lotta al virus
Covid a Bitonto, l'appello su Fb di Bianca Guaccero: «State a casa»

Covid a Bitonto, l'appello su Fb di Bianca Guaccero ai concittadini: «State a casa»

 
BrindisiLo scatto
In Salento c'è un ulivo secolare che scappa: sembra Barbalbero

In Salento c'è un ulivo secolare che «scappa»: sembra Barbalbero

 
TarantoIl caso
Operaio licenziato a Taranto, Mittal: «Leso rapporto di fiducia»

Operaio licenziato a Taranto, Mittal: «Leso rapporto di fiducia»

 
MateraIl caso
Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

 
PotenzaIl virus
Covid, il grido d'allarme del carcere di Melfi: 57 positivi, situazione grave

Covid, il grido d'allarme del carcere di Melfi: 57 positivi, situazione grave

 
FoggiaIl caso nel Foggiano
Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

 
BatNella Bat
Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

 

i più letti

Il caso

Mafia, estorsioni nel Materano: due uomini arrestati

«In stretto contatto» in zona jonica lucana col clan Schettino

carabinieri

POTENZA - Due uomini - Francesco Carlomagno, di 49 anni, e Carlo Fattorini, di 53 - sono stati fermati dai Carabinieri, a Scanzano Jonico (Matera) e a Lesignano De Bagni (Parma), dai Carabinieri, nell’ambito di un’inchiesta coordinata dalla Procura distrettuale antimafia di Potenza con le accuse di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione e trasferimento fraudolento di valori.

Il fermo dei due uomini è avvenuto nei giorni scorsi: l'udienza di convalida è già avvenuta e i gip di Matera e Parma hanno emesso a loro carico ordinanze di custodia cautelare in carcere. In particolare, Carlomagno operava «in stretto contatto» con il clan Schettino-Porcelli, avendone in cambio "rilevantissimi vantaggi sul piano imprenditoriale": in pratica, il clan, col suo «metodo mafioso» e la «strategia delle intimidazioni», garantiva a Carlomagno e alle sue imprese di "sbaragliare la concorrenza». Fattorini, invece, «partecipava all’organizzazione nel ruolo di prestanome e gestore di attività commerciali». Le indagini sono cominciate dopo che nel cantiere di una ditta, il 20 gennaio 2018, fu trovato «un altarino funerario», composto da un lumino e due vasi di rame con fiori «sul cui valore simbolico di messaggio intimidatorio vi è poco da aggiungere», ha precisato il Procuratore della Repubblica di Potenza, Francesco Curcio.

In sostanza, l’imprenditore fu così costretto ad affidare a una ditta riconducibile a Carlomagno alcuni lavori edilizi. Durante l’operazione, sono stati eseguiti anche sequestri di beni mobili, immobili, aziende e rapporti bancari relativi a cinque società riconducibili a Carlomagno e a Gerardo Schettino (il capo del clan), in grado di produrre «un volume d’affari stimato in circa sei milioni di euro nel 2019». E' stato anche sequestrato un parco acquatico che si trova nella zona del lido di Scanzano Jonico, di proprietà di una società di Carlomagno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie