Domenica 26 Settembre 2021 | 12:48

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

L'inchiesta

Sanitopoli lucana, a giudizio ex governatore Pittella: con lui anche ex dg Asl Bari

Ai domiciliari nel 2018, a gennaio 2019 lasciò l’incarico. Assolto prof. Meale: pm aveva chiesto 3 anni

Marcello Pittella

MATERA - L’ex presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella (Pd), è stato rinviato a giudizio oggi dal gup di Matera, Angelo Onorati, nell’ambito di un’inchiesta sulla sanità lucana che lo portò ai domiciliari il 6 luglio 2018 e, nel gennaio 2019, alle dimissioni. Nell’inchiesta furono coinvolte 34 persone e due società. Il 6 luglio 2018 furono eseguite 30 misure cautelari, fra le quali 22 arresti (due in carcere e 20 ai domiciliari).

Il processo comincerà davanti al Tribunale di Matera il prossimo 22 aprile. Oltre a Pittella, sono stati rinviati a giudizio Pietro Quinto e Giovanni Chiarelli, all’epoca dei fatti commissari delle Asl di Matera e di Potenza, Giovanni Battista Bochicchio, Vito Montanaro, Maria Benedetto, Maddalena Berardi, Anna Rita Di Taranto, Davide Falasca, Vito D’Alessandro, Graziantonio Lascaro, Cristoforo Di Cuia, Maria Evangelista Taccardi, Gianvito Amendola, Angela Capuano, Gennaro Larotonda, Rosanna Daniela Grieco, Gaetano Appio, Carmela Lascaro, Roberto Lascaro, Roberta Fiorentino, Claudio Lascaro.

Oggi davanti al gup due imputati hanno patteggiato (dieci mesi di reclusione ciascuno, con pena sospesa) e altri due sono stati assolti e per altri otto il giudice ha deciso il non luogo a procedere. L’inchiesta, denominata «suggello», portò alla luce un «avvilente quadro di totale condizionamento della sanità pubblica», in particolare per concorsi truccati e nomine pilotate, in cui Pittella era in dominus.

EX PRESIDENTE REGIONE: ME LO ASPETTAVO - «Mi aspettavo la decisione assunta in sede di udienza preliminare e non attendevo un esito diverso": lo ha detto l’ex presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella (Pd), dopo la decisione del gup di Matera di rinviarlo a giudizio nell’inchiesta su presunti concorsi truccati e nomine pilotate che lo portò ai domiciliari nel 2018.

«Proprio alla luce del lungo periodo di domiciliari prima e di divieto di dimora poi di due anni fa, e per di più alla luce di una pronuncia della Cassazione, a me favorevole ma ignorata. Con il rinvio a giudizio - ha continuato Pittella - si apre la fase processuale. Continuo a ritenere questa vicenda rocambolesca e profondamente ingiusta, ma sono pronto ad essere processato, forte della mia innocenza e capacità di attendere. Sono certo che la verità verrà ristabilita, in una dialettica di parità tra difesa ed accusa. Credo ancora, da cittadino, in una giustizia giusta», ha concluso l’ex presidente della Regione Basilicata

A GIUDIZIO EX DG ASL BARI, PROSCIOLTI ALTRI DUE PUGLIESI - Ci sono tre pugliesi, uno rinviato a giudizio, uno assolto e uno prosciolto, tra gli imputati nel procedimento sulla sanità lucana nell’ambito del quale si sono concluse oggi udienza preliminare e rito abbreviato. Tra le 20 persone rinviate a giudizio, c'è l’ex direttore generale della Asl di Bari, Vito Montanaro, attualmente direttore del dipartimento Salute della Regione Puglia. Prosciolto Luigi Fruscio, dirigente della Asl di Bari.

Montanaro sarà processato dal 22 aprile dinanzi al Tribunale di Matera per i reati di abuso d’ufficio e rivelazione del segreto d’ufficio per essere intervenuto, rivolgendosi all’allora direttore generale della Asl materana Pietro Quinto (anche lui a giudizio), per agevolare il posizionamento «utile" in graduatoria di Luigi Fruscio (prosciolto dalle stesse accuse) nel concorso indetto nel giugno 2017 per un posto da dirigente alla ASM. Avrebbe anche passato a Fruscio le tracce della prova, ricevute direttamente da Maria Benedetto (rinviata a giudizio), all’epoca direttore amministrativo della ASM e presidente della commissione esaminatrice. Montanaro e Fruscio sono difesi dall’avvocato Giuseppe Modesti.

Al termine del processo in abbreviato è stato assolto «perché il fatto non sussiste» Agostino Meale, professore ordinario di diritto amministrativo dell’Università di Bari. Tutti e tre furono arrestati, con concessione dei domiciliari, il 6 luglio 2018.

Per il professor Meale, che è stato assolto, difeso da Guglielmo Starace, la Procura di Matera aveva chiesto la condanna a 3 anni e 4 mesi di reclusione per corruzione. L'accusa, ritenuta insussistente dal gup, era di aver ottenuto incarichi di consulenza e assistenza legale dalla Asl lucana in cambio della disponibilità ad agevolare la carriera universitaria e professionale del figlio del dg Quinto, studente a Bari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie