Lunedì 27 Maggio 2019 | 02:17

NEWS DALLA SEZIONE

Alcuni disagi
Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

 
Gli arresti
Ferrandina, pestato a sangue con pietre e bastone da ex moglie ed ex suocero

Ferrandina, pestato a sangue con pietre e bastone da ex moglie ed ex suocero

 
Emigrazione
New York, firmato da un lucano il museo della Statua della Libertà

New York, firmato da un lucano il museo della Statua della Libertà

 
Impianto Intrec
Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

 
Sanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 
L'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
L'incidente
Montescaglioso, contro tra auto e moto: un morto

Montescaglioso, scontro tra auto e moto: muore un 30enne

 
Dai carabinieri
Matera: spaccia droga al parco, arrestata 38enne

Matera: spaccia droga al parco, arrestata 38enne

 
Ai domiciliari
Matera, minaccia moglie e la picchia davanti ai figli, arrestato

Matera, minaccia moglie e la picchia davanti ai figli, arrestato

 
Intervento eccezionale
Matera, asportato tumore di 45 centimetri: il paziente sta bene

Matera, asportato tumore di 45 centimetri: il paziente sta bene

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeA Monopoli e Corato
Telefonini in cabina: due denunciati nel Barese: «Mi dici come devo votare?»

Telefonini in cabina, due denunce: «Mi dici come devo votare?»

 
LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
MateraAlcuni disagi
Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
TarantoIl caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 

i più letti

Intimidazione

Scanzano, incendiata azienda di ortofrutta: origine dolosa

Bruciate a Scanzano Jonico 2000 cassette per la frutta nelle terre di Aldo De Pascalis

Scanzano, data alle fiamme azienda di ortofrutta: origine dolosa

MATERA - È doloso l’incendio che nella notte tra martedì e mercoledì, all’incirca tra mezzanotte e l’una, ha distrutto circa duemila cassette in plastica per la raccolta della frutta, “parcheggiate” nei terreni dell’azienda agricola di proprietà di Aldo De Pascalis, in via Provinciale. I danni sarebbero ingenti. Le fiamme hanno distrutto le cassette, lambendo anche l’ingresso principale dell’azienda.
Sul posto sono prontamente intervenuti i carabinieri della Compagnia di Policoro, comandata dal capitano Chiara Crupi, e i vigili del fuoco della città jonica che hanno tentato di domare le fiamme prima che avviluppassero le cassette e qualcos’altro nei paraggi. Che le fiamme non si siano propagate per autocombustione o in modo accidentale si è capito sin da subito, anche se solo nella mattinata di ieri gli inquirenti, evidentemente confortati anche dalla relazione tecnica dei vigili del fuoco, hanno accreditato la pista dolosa. Archiviata la natura dell’incendio, a questo punto bisogna comprenderne le motivazioni. Perché appiccare le fiamme? E’ un avvertimento? Si tratta di racket o di uno screzio personale? Dalla sede della Compagnia jonica dei carabinieri, come da prassi in questi casi, non è trapelato nulla di ufficiale: troppo presto per capire se c’è la mano della criminalità organizzata o meno. Non è neanche dato sapere se il titolare dell’azienda agricola danneggiata sia mai stato destinatario di richieste estorsive o di minacce.

Ufficialmente le forze dell’ordine si sono limitate a far sapere che l’incendio ha una matrice dolosa e che, al momento, si indaga a trecentosessanta gradi. Cioè, nessuna pista viene esclusa e, dunque, neanche quella della criminalità organizzata o del racket. Piste, queste ultime, che, come è facile capire, potrebbero anche coesistere perché, di fatto, dietro un’ipotetica richiesta estorsiva è difficile che ci possa essere un cittadino comune. Molto più veritiero, invece, che ci sia la criminalità organizzata. Che da queste parti, anche questo è arcinoto, ha già colpito in altre occasioni con episodi simili.
Non più tardi di una settimana fa la zona è stata interessata da un’operazione dei carabinieri, denominata “Centouno”, che ha portato a 21 provvedimenti cautelari con gravi ipotesi di reato per le persone coinvolte: si è trattato, di fatto, della prosecuzione dell’operazione scattata a ottobre, che aveva portato a 25 provvedimenti cautelari, molti dei quali a carico degli stessi soggetti poi raggiunti dalle ordinanze nell’operazione “Centouno”.

A metà gennaio, infine, 100 carabinieri appartenenti al Comando provinciale di Matera, al Nucleo ispettorato del lavoro e alla Compagnia di Policoro, avevano posto in essere un’altra operazione, questa volta per combattere il deprecabile fenomeno del caporalato, che aveva del pari riguardato la zona compresa tra Scanzano Jonico e Policoro: in quest’ultima operazione vi erano stati 12 provvedimenti cautelari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400