Martedì 28 Settembre 2021 | 16:09

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

La statale 655

Matera, sulla Bradanica cala il silenzio e ripiomba nel dimenticatoio

A cinque mesi dalle garanzie dell’Anas sul completamento. Si attende ancora la perizia di variante per 3,5 chilometri

Candela, camion di traversobloccata la SS 655 «Bradanica»

MATERA - L'Anas si è nuovamente rintanata e nulla fa sapere sull'ultimazione della Bradanica, lotto di La Martella. Un silenzio che crea nuovi timori a distanza di più di cinque mesi dalle garanzie sul completamento dell'infrastruttura.

Il ministro Barbara Lezzi, nel suo prossimo sopralluogo in città per i cantieri di Matera capitale europea della cultura, farebbe bene a chiedere ad Anas a che punto siamo per la riapertura del cantiere, chiuso nei mesi scorsi.
Ad aprile scorso l'azienda per le strade della Basilicata, committente del lavoro (affidato all'impresa pugliese Aleandri) faceva sapere che “in considerazione dell’importanza strategica dell’opera si è scelto di mettere in esercizio i primi 8 km non appena ultimati. Entro quest’anno è prevista la messa in esercizio degli ulteriori 3,5 km, che costituiranno il completamento dell’intera nuova infrastruttura di 11,5 km”.

A maggio, invece, l'Anas comunicava che “a causa di alcune problematiche tecniche emerse durante i lavori, tra cui il movimento franoso al km 143,300, e per un più complesso intervento di consolidamento delle fondazioni del viadotto Santo Stefano, situato nel tratto di circa 3,5 km, non ancora aperto al traffico, è in corso di redazione una perizia di variante.
Per questa perizia è già disponibile la copertura finanziaria e, dopo l'approvazione della medesima, si potrà procedere al completamento dei lavori ed all'apertura al traffico del restante tratto di 3 km circa”.

A luglio scorso, al ministro Lezzi in visita a Matera, fu invece comunicato che “l’intervento sulla statale 655 “Bradanica”, una volta completato, garantirà il collegamento con le strade statali 96, 96/bis, 93 “Appulo Lucana”, 658 “Potenza-Melfi” e le autostrada A16 “Napoli-Canosa” a Candela ed A14 “Bologna-Taranto”, in provincia di Foggia.
Già dallo scorso aprile sono state aperte al traffico oltre 8 km di nuova infrastruttura - dissero i responsabili dell’Anas - nell’ambito dei lavori del 1° tronco-1° lotto della Martella, dallo svincolo provvisorio per la strada provinciale Timmari-Santa Chiara allo svincolo di Matera Centro – ribadendo che - sui restanti 3,5 km è in corso la redazione di una perizia di variante resasi necessaria a causa di problematiche tecniche emerse durante lo svolgimento dei lavori”.

Intanto, sulla questione interviene Franco Stella, direttore di Confapi Matera: “Ritardi ingiustificati da parte dell’Anas. Siamo quindi fortemente preoccupati per quanto non sta accadendo. Ormai il 2019 è vicino e nessuna notizia arriva sulla situazione relativa al completamento degli ultimi 4 chilometri della statale. Eppure, Anas aveva garantito, nella sede della Regione Basilicata, davanti all’assessore Castelgrande, che sarebbero stati affrontati e risolti gli ultimi intoppi, ma sono passati ormai quattro mesi e ancora nulla. Naturalmente, passando anche dai licenziamenti che ci sono stati a causa del fermo del cantiere. Abbiamo comunque sollecitato sia l’Anas che la Regione per la ripresa delle opere e il completamento della strada, speriamo che nei prossimi giorni si possa sapere qualcosa di più”. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie