Martedì 28 Settembre 2021 | 01:05

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Pisticci

Quanto degrado e abbandono
in quello scalo ferroviario

Quanto degrado e abbandono in quello scalo ferroviario

PIERO MIOLLA

PISTICCI - Degrado, abbandono e, quando piove, pozzanghere che nascondono vere e proprie insidie per l’automobilista. È la fotografia del piazzale della stazione ferroviaria di Pisticci, privata ormai da tempo del personale umano, ma comunque sempre frequentata da qualche treno che circola e si ferma in loco, oltre che da sporadici passeggeri. Che sia estate o inverno, il tema non cambia: il piazzale è contraddistinto da due grosse buche che, con la pioggia diventano piscine, e con il sole, mostrano sempre più le loro profondità e ampiezza.

Possibile che nessuno provveda a rifare l’asfalto? Anche se non è la stazione di una metropoli e, neanche una tra le più importanti di Basilicata, lo scalo pisticcese meriterebbe in ogni caso un diverso trattamento e, soprattutto, un altro contegno. Gli automobilisti che vi transitano, anche solo per brevi istanti dovendo solo accompagnare o riprendere i pochi viaggiatori, sono costretti alle gimkane per evitare danni alle sospensioni o affini, mentre in chi si sofferma per attendere la coincidenza del caso, non può non saltare agli occhi il degrado e l’abbandono. Che, per inciso, si estendono anche alla palazzina nella quale, un tempo, il personale delle Ferrovie dello Stato risiedeva con le proprie famiglie.

Dal piazzale, infatti, non può non scorgersi lo stato delle finestre con vetri ormai infranti sino quasi ad essere un semplice ricordo, neon appesi ad un filo e probabilmente non funzionanti. Che dire, poi, del giardinetto che insiste accanto a quelli che erano i bagni pubblici? Erbacce e immondizia a tutto spiano. Di questi tempi, con serpenti e vipere che fanno capolino per il caldo, può essere davvero pericoloso sostare nelle vicinanze. Insomma, un quadro abbastanza desolante che giriamo volentieri a chi sarebbe tenuto a provvedere alla manutenzione: il Comune di Pisticci (almeno per ciò che concerne il piazzale) o Trenitalia?

Di sicuro la società che gestisce i trasporti ferroviari è competente sull’immobile ormai abbandonato, così come, riteniamo, sulla pulizia del piccolo giardino antistante gli ex bagni pubblici. Chiunque sia deputato a provvedervi, però, non può continuare a fare orecchie da mercante: urge un immediato ripristino della pavimentazione stradale, così come lo sfalcio delle erbe nel giardino e, se possibile, anche una maggiore cura dell’immobile. Tagliare un ramo secco, infatti, non può e non deve automaticamente significare abbandonare questi luoghi a sé stessi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie