Mercoledì 28 Settembre 2022 | 17:48

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,79%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,13%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,79%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,43%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,02%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

25,99%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,74%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,55%

Movimento 5 Stelle

 

Dai familiari

Policoro, chiesta autopsia
per l'agricoltore morto

Policoro, chiesta autopsiaper l'agricoltore morto

Il luogo dell'incidente

I parenti vogliono vederci chiaro sulle modalità di assistenza dopo l'incidente

17 Aprile 2018

Filippo Mele

FILIPPO MELE
POLICORO - Si sono svolti nella chiesa del Buon Pastore, con grande partecipazione popolare, i funerali dell’agricoltore, molto noto e stimato in città, Massimo Quinto, 49 anni, deceduto per le conseguenze di un infortunio sul lavoro occorsogli lunedì 9 aprile nelle campagne di Policoro. Sabato scorso, invece, è stata eseguita l’autopsia sulla salma del produttore agricolo come richiesto dalla famiglia, tramite l’avvocato Vincenzo Montagna, dopo il decesso, avvenuto mercoledì scorso, nell’ospedale San Carlo di Potenza. Decesso di cui si vogliono conoscere le esatte cause.

Si vuole anche sapere se vi siano state o meno responsabilità. L’uomo, infatti, dopo il soccorso da parte del servizio di emergenza 118, attorno alle ore 21 di due lunedì fa, fu trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Policoro dove fu sottoposto alle prime cure del caso ed ai primi accertamenti a cui seguì la sua stabilizzazione. Poi, però, per la natura del politrauma riportato, i medici del nosocomio jonico disposero il suo trasferimento in eliambulanza al San Carlo del capoluogo di regione. Risulta che i parametri vitali dell’infortunato, allora, erano nella norma tanto che i sanitari gli assegnarono una prognosi non riservata ma di trenta giorni. Insomma, Quinto sembrava fuori pericolo di vita. Invece, dopo il ricovero nel reparto di urologia del nosocomio potentino, alcune complicanze hanno provocato la sua morte mercoledì scorso, attorno alle 11.

«La cosa che è sembrata strana ai famigliari – ha spiegato l’avvocato Montagna – è che il loro congiunto sia stato ricoverato a Potenza nel reparto di urologia e non in quello di traumatologia. Il paziente, poi, arrivato con una prognosi di 30 giorni, è deceduto dopo diverse ore dal ricovero. Da qui la richiesta di autopsia da parte della famiglia prima alla Procura di Matera, competente per l’infortunio sul lavoro, e poi a quella di Potenza». Procura, con il pubblico ministero Laura Triassi, che ha disposto l’esame autoptico procedendo per omicidio colposo contro ignoti e nominando come proprio consulente il medico legale Liliana Innamorato. Anche la famiglia Quinto si è costituita nominando il medico legale Michele Strippoli che ha partecipato all’indagine. Nessuna anticipazione, tuttavia, da parte degli interessati. Per conoscere le esatte cause della morte dello sfortunato agricoltore di Policoro occorrerà attendere 60 giorni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725