Martedì 04 Ottobre 2022 | 13:22

In Puglia e Basilicata

La festa patronale

Lecce: è pronto «Sant’Oronzo in bus»

Lecce: è pronto «Sant’Oronzo in bus»

L’assessore comunale De Matteis: «Sarà presentato a breve alla cittadinanza. Sicuramente manterremo la logica dell’interscambio per incentivare l’uso dei mezzi pubblici e delle navette»

17 Agosto 2022

Emanuela Tommasi

LECCE - Festività patronali, arriva «Sant’Oronzo in bus», la linea speciale per raggiungere l’area della festa, sia quella in centro sia quella del luna park.

«Finalmente, dopo due anni complicati, si è ripartiti con gli eventi e con tutte le problematiche di ogni singola situazione inerente l’organizzazione della viabilità - dice l’assessore alla Mobilità urbana, Marco De Matteis - Dopo il soddisfacente risultato per il Festival Locomotive e lo “Stadio in bus”, questa mattina (ieri, ndr), in Sgm, insieme al presidente, il direttore e i coordinatori di esercizio abbiamo definito gli ultimi dettagli per il Piano trasporti urbani per la festa di Sant’Oronzo, che a breve sarà presentato alla cittadinanza».

Proprio l’assessore De Matteis aveva anticipato, nei giorni scorsi, che la vera novità del Piano traffico, quest’anno, avrebbe riguardato il servizio dei trasporti. Per quanto riguarderà il centro, infatti, i divieti alle auto saranno gli stessi in vigore negli anni passati. Il percorso delle bancarelle della fiera, infatti, rispetta la collaudata dislocazione delle edizioni passate. 211 gazebo (via San Francesco d’Assisi, via Costa, via Cavallotti, viale Marconi, via XXV Luglio e viale Lo Re).

Invece, le novità riguarderanno il servizio dei trasporti pubblici. «Dovremo elaborare un piano ad hoc - aveva spiega l’assessore alla Mobilità urbana - alla luce delle nuove linee urbane organizzate con una linea portante, due linee circolari e otto linee radiali. Sicuramente manterremo la logica dell’interscambio per incentivare l’uso dei mezzi pubblici e delle navette».
Intanto, lunedì, 15 agosto, nella ricorrenza della Madonna dell’Assunta, hanno preso inizio i riti dell’undena in preparazione alla memoria liturgica: undici giornate di ascolto della «Parola di Dio», di preghiera e di celebrazioni eucaristiche che ricordano gli undici giorni trascorsi, secondo gli agiografi, da Sant’Oronzo nella prigione cittadina, prima di essere decapitato dai soldati romani del preside Antonino. Ogni sera, fino al 25 agosto, in Cattedrale, alle 19, sarà celebrata la santa messa con la predicazione.

Quest’anno, inoltre, le celebrazioni religiose e quelle civili saranno accompagnate da appuntamenti culturali promossi dalla Diocesi in partenariato con il Comitato per il Giubileo Oronziano - che si conclude - e, soprattutto, con ArtWork, la cooperativa che attraverso il progetto LeccEcclesiae, coordina, da tre anni, i flussi turistici nelle chiese barocche più importanti della città, nel Museo diocesano di arte sacra e sul campanile del Duomo attraverso un ascensore panoramico. Il primo appuntamento culturale sarà domani, giovedì 18 agosto, alle 20.30, in Cattedrale, con il concerto per organo e fagotto in collaborazione con il Conservatorio, dal titolo «Le sonorità ricercate», a cura dei maestri Antonio Rizzato (organo) e Giuseppe Spedicati (fagotto). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725