Sabato 08 Ottobre 2022 | 00:07

In Puglia e Basilicata

DEGRADO SOCIALE

Porto Cesareo, tolleranza zero alle «case pollaio»

Porto Cesareo, tolleranza zero del sindaco alle «case pollaio»

Uno degli alloggi abusivi sulla spiaggia di Porto Cesareo

La sindaca Tarantino emette l'ordinanza in cui sancisce il divieto agli immobili abusivi «fai da te» che hanno invaso il litorale

21 Giugno 2022

Redazione online

Case-pollaio a Porto Cesareo: il sindaco Silvia Tarantino «corre ai ripari» firmando l'ordinanza sindacale numero 9 del 21 giugno 2021 contro il sovraffollamento ad uso abitativo nel territorio comunale. Il provvedimento del primo cittadino del comune del litorale leccese giunge dopo il caso scoppiato di immobili abusivi da parte di ambulanti a loro volta abusivi sulle spiagge di Porto Cesareo. Un caso che riguarda un centinaio di venditori «illegali» che trovano rifugio per la notte in una sorta di casa fai da te, sostanzialmente «costruita» con le tende sotto le stelle.

Ora contro questo fenomeno di degrado sociale giunge l'ordinanza del sindaco di Porto Cesareo, nella quale viene sancito il divieto alla «permanenza ad uso abitativo nei locali adibiti ad abitazione di più di una persona rispetto ai parametri indicati» dal decreto ministeriale del 1975 relativo alle «condizioni di sovraffollamento ad uso abitativo. Fermo restando - scrive la sindaca Tarantino - le eventuali conseguenze di tali condotte, se rilevanti sul profilo penale o amministrativo, per la violazione della presente ordinanza, si applica al proprietario, al locatore o al locatario dell’immobile la sanzione amministrativa pecuniaria» che va dai 25 ai 500 euro. «L’organo accertatore, all’atto dell’accertamento e della contestazione
della violazione - continua la nota sindacale in vigore da oggi - diffida verbalmente i trasgressori a sgomberare, entro 3 giorni, l’abitazione dalle persone eccedenti; la diffida va inoltrata per iscritto anche al proprietario. In caso di ulteriore
accertato sovraffollamento, il Comune potrà applicare la sanzione accessoria dello sgombero coattivo dell’abitazione da parte delle persone che vi alloggiano, disponendo il sequestro ai sensi dell’art. 13 della L. 689/1981».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725