Venerdì 05 Marzo 2021 | 21:27

NEWS DALLA SEZIONE

La curiosità
Le si rompono le acque e partorisce di notte in treno: il bimbo nasce sull'Intercity Torino-Lecce

Le si rompono le acque e partorisce di notte in treno: il bimbo nasce sull'Intercity Torino-Lecce

 
il festival
Sangiorgi canta a Sanremo: «4 marzo ‘43 mi ricorda mio padre»

Sangiorgi canta a Sanremo: «4 marzo ‘43 mi ricorda mio padre»

 
Economia
Le imprese «rosa» del Salento più forti della crisi Covid

Le imprese «rosa» del Salento più forti della crisi Covid

 
la denuncia
Baia verde ostaggio dei randagi, aggredito un podista: è allarme

Baia verde ostaggio dei randagi, aggredito un podista: è allarme

 
La cattura
Mafia, arrestato in Salento il boss Notaro, latitante della Scu

Mafia, arrestato in Salento il boss Notaro, latitante della Scu

 
Lotta alla droga
Maxi sequestro di droga nel Salento: oltre 3 quintali tra hashish e marijuana, 2 arresti

Maxi sequestro di droga nel Salento: oltre 3 quintali tra hashish e marijuana, 2 arresti

 
Il caso
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer chiede il trasferimento in carcere di Milano

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer chiede il trasferimento in carcere di Milano

 
Il caso
Salento, al via il piano di forestazione del territorio

Salento, al via il piano di forestazione del territorio

 
sapori in trasferta
Lecce, i pasticciotti alla melagrana conquistano gli Emirati Arabi

Lecce, i pasticciotti alla melagrana conquistano gli Emirati Arabi

 
Online il 5 marzo
Altrisguardi e Altrimondi, la rassegna di musica, cinema e arti visive unisce gli studenti da Lecce alla Calabria

Altrisguardi e Altrimondi, la rassegna di musica, cinema e arti visive unisce gli studenti da Lecce alla Calabria

 
L'emergenza
Lecce, focolaio Covid in Oncologia al «Fazzu»: 12 contagiati, si teme variante inglese

Lecce, focolaio Covid in Oncologia al «Fazzi»: 12 contagiati, si teme variante inglese

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariMisure restrittive
Covid 19 a Bari, stop all'asporto dalle 18 nei fine settimana: l'ordinanza

Covid Bari, stop all'asporto nei fine settimana a partire dalle 18: l'ordinanza

 
PotenzaL'idea
Basilicata, nozze in zona rossa: gli invitati ricevono il pranzo a casa

Basilicata, nozze in zona rossa: gli invitati ricevono il pranzo a casa

 
TarantoLa storia
Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

 
LecceLa curiosità
Le si rompono le acque e partorisce di notte in treno: il bimbo nasce sull'Intercity Torino-Lecce

Le si rompono le acque e partorisce di notte in treno: il bimbo nasce sull'Intercity Torino-Lecce

 
FoggiaQuesta sera
Sanremo Giovani, «Rosso Gargano» tifa Gaudiano

Sanremo Giovani, «Rosso Gargano» tifa Gaudiano

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 9 ordinanze Vd

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 
BatL'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 

Il caso

Lecce, rifiuti tombati nella cava? Il Noe avvia gli accertamenti

Gli investigatori riaprono vecchi faldoni, che riportano indietro a più di cinque anni fa

Lecce, rifiuti tombati nella cava? Il Noe avvia gli accertamenti

Il caso dei rifiuti tombati in una cava ai margini della Lecce- Villa Convento, finisce sul tavolo dei carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico. I militari, al comando del colonnello Dario Campanella, verificheranno se i rifiuti di cui parla l’esposto inoltrato in procura siano ancora lì, a quale distanza dalla falda e soprattutto quali componenti contengano e quali incidenze potrebbero avere sulla falda acquifera. Non solo. Gli investigatori riaprono vecchi faldoni, che riportano indietro a più di cinque anni fa quando proprio il Noe, in seguito alle denunce di alcuni cittadini, effettuarono un sopralluogo nella stessa zona – località Barba, ndr –sottoponendo a sequestro preventivo parte della stessa area di cui si parla in queste ore. Quattro anni fa, la chiusura dell’inchiesta sullo smaltimento illecito di rifiuti in loco, coordinata dal pm Paola Guglielmi. Al vaglio dell’accusa, la possibile produzione, e poi stoccaggio e smaltimento di rifiuti pericolosi e non, fino all’anno precedente. Gli investigatori chiesero anche il sequestro totale dell’area privata interessata, ma ottennero quello parziale. All’orizzonte dunque, se quanto documentato anche con una serie di scatti troverà riscontro nella pronta attività investigativa, un’indagine gemella a quella passata. Anche in questo caso, compaiono residui bituminosi. O meglio, coni di diversi metri cubi di fresato, manto stradale scarificato che può giacere in deposito autorizzato per tempi brevi ed essere reimpiegato e che, soprattutto, se contiene catrame e olii dei mezzi diventa rifiuto non solo speciale ma anche pericoloso. Come pericolose, a seconda della composizione del cemento di cui sono fatte, potrebbero essere le centinaia di traverse ferroviarie posizionate sul letto della cava e coperte con materiale inerte da frantumazione, ingoiate quasi dalle viscere della terra a 9 metri circa dalla falda. «Seguiamo con attenzione la vicenda, con riguardo agli accertamenti investigativi e all’evoluzione che avrà - il commento che giunge da Palazzo Carafa -. Qualora quanto ipotizzato nell’esposto dovesse corrispondere a verità, adotteremo le iniziative necessarie”. Va giù duro Maurizio Manna, Presidente del Circolo Gallipoli e membro Direttivo regionale di Legambiente. «Da ferroviere e da ambientalista conosco molto bene la questione - commenta -. Reati di questo genere, ahimè molto frequenti, nascono dalla volontà di comprimere i costi di smaltimento dei rifiuti perché alla fine se ti va bene e nessuno si accorge di ciò che hai fatto, non paghi. E risparmi. Talvolta ci si affida a piccole ditte attraverso il subappalto, che ricorrono a sotterfugi per ridurre i costi ai danni di salute, ambiente e sicurezza del lavoro». Nonostante il lavoro delle forze dell’ordine, le inchieste che approdano all’individuazione di colpevoli, i reati ambientali anziché diminuire aumentano, e la terra intorno a noi somiglia sempre più a una polveriera pronta ad esplodere con danni incalcolabili. «Ancora di più il periodo che stiano vivendo - continua Manna -, con tanta meno gente in giro, ci chiede di avere la guardia alta. Confido in un pronto intervento sul luogo delle forze dell’ordine da parte di chi di competenza, con conseguente prelievo e analisi dei materiali. Se le traverse sono state realizzate con cemento certificato il danno ambientale è relativo, occorre una perizia seria e al più presto per verificare che non vi siano componenti tossiche e pericolose. Seguiremo la vicenda in tutti i gradi costituendoci parte civile se approderà in tribunale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie