Martedì 12 Novembre 2019 | 05:12

NEWS DALLA SEZIONE

idee in cucina
Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

 
per futili motivi
Lecce, rissa con accoltellamento nel cuore della movida: ferito un 27enne

Lecce, rissa con accoltellamento nel cuore della movida: ferito un 27enne

 
nel salento
Grandinata record a Parabita, Coldiretti: «Danni ingenti»

Grandinata record a Parabita, Coldiretti: «Danni ingenti»

 
entrambe in ospedale
Incidenti all'alba in Salento: 25enne si schianta contro un muro, 35enne estratta da auto accartocciata

Incidenti in Salento: 25enne si schianta contro un muro, 35enne estratta da auto accartocciata

 
L'inchiesta
Lauree fasulle e truffe: ex vicesindaco di Gallipoli nei guai

Lauree fasulle e truffe: ex vicesindaco di Gallipoli nei guai

 
a Leverano (Le)
Xylella, ministro Bellanova annuncia protocollo d'intesa per reimpianti

Xylella, ministro Bellanova annuncia protocollo d'intesa per reimpianti

 
a Corigliano
«Danzare la Terra»: Tarantarte firma un weekend di note e balli

«Danzare la Terra»: Tarantarte firma un weekend di note e balli

 
Il Twiga
Otranto, abusi per beach club per vip: chiesto processo per 3

Otranto, abusi per beach club per vip: chiesto processo per 3

 
la classifica
Lecce, le scuole migliori sono in provincia

Lecce, le scuole migliori sono in provincia

 
L'iniziativa
La Cgil di Lecce chiede la cittadinanza onoraria per Liliana SegreDopo post offensivi si dimette dirigente Fdi di Foggia

La Cgil di Lecce chiede la cittadinanza onoraria per Liliana Segre. Dopo post offensivi si dimette dirigente Fdi di Foggia

 

Il Biancorosso

dopo il derby
Vivarini guarda la classifica: «Dobbiamo alzare il passo»

Vivarini guarda la classifica: «Dobbiamo alzare il passo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariPuglia
Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

 
MateraAllerta meteo
Maltempo, sindaco Matera ordina chiusura scuole martedì

Maltempo, sindaco Matera ordina chiusura scuole martedì

 
Tarantonel Tarantino
Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

 
Lecceidee in cucina
Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

 
BatLa denuncia
Andria, è allarme furti in ospedale

Andria, è allarme furti in ospedale

 
Brindisiil cantiere
Brindisi, ordigno bellico durante lavori al multisala: piano evacuazione per 50mila persone

Brindisi, ordigno bellico durante lavori al multisala: piano evacuazione per 50mila persone

 
Potenzail rapporto
Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

 

i più letti

Eccellenze pugliesi

Diagnosi veloce del Parkinson grazie a un algoritmo: nel team di ricerca anche un salentino

Si chiama Daniele Urso, neurologo nato a Scorrano, e ha elaborato una nuova tecnologia per individuare rapidamente la forma genetica della malattia degenerativa

Diagnosi veloce del Parkinson grazie a un algoritmo: nel team di ricerca anche un salentino

Daniele Urso (al centro)

Dal Salento all’Inghilterra, passando per la Sardegna e seguendo un itinerario di conoscenza che ha portato Daniele Urso, un trascorso da boy scout a Scorrano, maturità scientifica a Maglie, Erasmus a Cadice, laurea in medicina all’Università del Sacro Cuore di Roma, specializzazione in neurologia a Sassari passando Madrid, per strade lungo le quali ha appreso ed elaborato nuove tecnologie che “traducono” in un algoritmo le sequenze del Dna e ne segnalano l’errore.

Daniele Urso ha appena trent’anni, ma sono tutti vissuti a pieno ritmo e lungo strade che non sempre conoscono l’esclusiva fatica della mente; ma anche quella delle gambe e dei pedali. Infatti Daniele Urso mette insieme, in un’unica formula, il sudore del cervello con quello dei muscoli che hanno spinto la sua bicicletta in giro per il mondo: dall’Albania al Montenegro e perfino in Amazzonia in un viaggio lungo quattro mesi, sempre su due ruote.

Ma, tornando alla sua attività scientifica, la tecnica che ha elaborato è indirizzata alla diagnosi genetica della malattia di Parkinson. Una scoperta il cui valore è stato “certificato” dalla pubblicazione del lavoro sulla prestigiosa rivista scientifica statunitense dell’«American Academy of Neurology». Si tratta di un nuovo studio che propone una serie di “ragionamenti clinici sequenziali” per la definizione diagnostica della malattia di Parkinson familiare. Il lavoro, firmato anche da alcuni studiosi spagnoli, ha come autori principali Daniele Urso, giovane neurologo nato a Scorrano, attualmente ricercatore presso il King’s College di Londra; Renato Ortu, responsabile del servizio di Neuropsicologia della Clinica di Sassari, il docente Gian Pietro Sechi, direttore della Clinica Neurologica sassarese. «La maggior parte dei pazienti con malattia di Parkinson – spiega Daniele Urso - presenta una condizione idiopatica (che non ha una causa specifica nota). Una piccola percentuale di casi, tuttavia, può essere attribuita a fattori genetici conosciuti. La diagnosi genetica della forma specifica di malattia di Parkinson documentata nello studio è dovuta alla duplicazione di un singolo gene (SNCA), che codifica per una proteina chiamata alfa-sinucleina che, quando malripiegata e malfunzionante, si crede abbia un ruolo essenziale nel provocare alcune forme di malattia di Parkinson e di Demenza».

«Nell’articolo pubblicato sulla prestigiosa rivista – spiega il professore Gian Pietro Sechi – proponiamo uno schema logico sequenziale, basato sul corretto uso e sulla corretta interpretazione dei principali segni clinici rilevati nei pazienti e della storia familiare degli stessi, al fine di poter arrivare a fare diagnosi di questa specifica patologia nella maniera più semplice e rapida possibile. Nella pratica clinica, una precisa diagnosi eziologica basata su informazioni di natura genetica, come in questi pazienti, consentirà la possibilità della cosiddetta medicina di precisione».

Si tratta quindi di una diagnosi basata sulla sequenza dell’acido nucleico su cui siamo “costruiti” e che consente una diagnosi genetica di una forma specifica di Parkinson-demenza. Non è perciò un esclusivo esercizio, sia pur di rilievo, teorico; ma una nuova opportunità «per il possibile trattamento terapeutico di precisione personalizzato che può essere adottato nei pazienti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie