Martedì 21 Gennaio 2020 | 16:22

NEWS DALLA SEZIONE

l'appuntamento
«Something», i Beatles e il loro 1969: a Lecce il libro di Donato Zoppo

«Something», i Beatles e il loro 1969: a Lecce il libro di Donato Zoppo

 
nel leccese
Taviano, cinema proietta film con sottotitoli per bimbo non udente: il «grazie» di una mamma

Taviano, cinema proietta film con sottotitoli per bimbo non udente: il «grazie» di una mamma

 
la decisione
Scuola, pioggia di fondi in arrivo in Salento: oltre 7 milioni

Scuola, pioggia di fondi in arrivo in Salento: oltre 7 milioni

 
Giustizia svenduta
Pm arrestati, per la Procura: «Imprenditore Introno è attendibile»

Pm arrestati, per la Procura: «Imprenditore D'Introno è attendibile»

 
Lotta per la sopravvivenza
Gallipoli, polpo intrappola gabbiano: ma alla fine vince il pescatore

Gallipoli, polpo intrappola gabbiano: ma alla fine vince il pescatore

 
Il caso
Taviano, lui muore in casa: la moglie malata, bloccata a letto, resta sola per ore

Taviano, anziano muore in casa per malore: la moglie, allettata, resta sola per ore

 
Giustizia
Lecce, distretto Corte d'Appello: in arrivo 12 magistrati

Lecce, distretto Corte d'Appello: in arrivo 12 magistrati

 
«Ghost Wine»
Lecce, sequestrati 10 milioni di litri di vino di scarsa qualità spacciato come eccellente

Lecce, sequestrati 10 milioni di litri di vino di scarsa qualità spacciato come eccellente

 
nel Salento
S.M. al Bagno, il campanile cade a pezzi: è allarme

S.M. al Bagno, il campanile cade a pezzi: è allarme

 
Moria di tartarughe
Lecce, «Caretta caretta» spiaggiate morte trovate a San Cataldo

Lecce, «Caretta caretta» spiaggiate morte trovate a San Cataldo

 
I controlli
Lecce, ispezione dei Nas in struttura per anziani: 11 denunciati

Lecce, anziani picchiati e maltrattati: 11 denunce in residenza socio-sanitaria

 

Il Biancorosso

calciomercato
Bari, mercato bollente: Laribi, fantasia per Vivarini

Bari, mercato bollente: Laribi, fantasia per Vivarini

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccel'appuntamento
«Something», i Beatles e il loro 1969: a Lecce il libro di Donato Zoppo

«Something», i Beatles e il loro 1969: a Lecce il libro di Donato Zoppo

 
Barinel Barese
Altamura, pubblicò online il video del marito con l'amante: in 4 processo

Altamura, pubblicò online il video del marito con l'amante: in 4 processo

 
Potenzaserie c
Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

 
BrindisiNel Brindisino
Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

 
Batil caso
Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

 
Materaprocura di matera
Furti per 500mila euro in scuole Puglia e Basilicata: 2 arresti e 5 denunce

Furti per 500mila euro in scuole Puglia e Basilicata: 2 arresti e 5 denunce VD

 
FoggiaIl caso
Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

 

i più letti

Eccellenze pugliesi

Diagnosi veloce del Parkinson grazie a un algoritmo: nel team di ricerca anche un salentino

Si chiama Daniele Urso, neurologo nato a Scorrano, e ha elaborato una nuova tecnologia per individuare rapidamente la forma genetica della malattia degenerativa

Diagnosi veloce del Parkinson grazie a un algoritmo: nel team di ricerca anche un salentino

Daniele Urso (al centro)

Dal Salento all’Inghilterra, passando per la Sardegna e seguendo un itinerario di conoscenza che ha portato Daniele Urso, un trascorso da boy scout a Scorrano, maturità scientifica a Maglie, Erasmus a Cadice, laurea in medicina all’Università del Sacro Cuore di Roma, specializzazione in neurologia a Sassari passando Madrid, per strade lungo le quali ha appreso ed elaborato nuove tecnologie che “traducono” in un algoritmo le sequenze del Dna e ne segnalano l’errore.

Daniele Urso ha appena trent’anni, ma sono tutti vissuti a pieno ritmo e lungo strade che non sempre conoscono l’esclusiva fatica della mente; ma anche quella delle gambe e dei pedali. Infatti Daniele Urso mette insieme, in un’unica formula, il sudore del cervello con quello dei muscoli che hanno spinto la sua bicicletta in giro per il mondo: dall’Albania al Montenegro e perfino in Amazzonia in un viaggio lungo quattro mesi, sempre su due ruote.

Ma, tornando alla sua attività scientifica, la tecnica che ha elaborato è indirizzata alla diagnosi genetica della malattia di Parkinson. Una scoperta il cui valore è stato “certificato” dalla pubblicazione del lavoro sulla prestigiosa rivista scientifica statunitense dell’«American Academy of Neurology». Si tratta di un nuovo studio che propone una serie di “ragionamenti clinici sequenziali” per la definizione diagnostica della malattia di Parkinson familiare. Il lavoro, firmato anche da alcuni studiosi spagnoli, ha come autori principali Daniele Urso, giovane neurologo nato a Scorrano, attualmente ricercatore presso il King’s College di Londra; Renato Ortu, responsabile del servizio di Neuropsicologia della Clinica di Sassari, il docente Gian Pietro Sechi, direttore della Clinica Neurologica sassarese. «La maggior parte dei pazienti con malattia di Parkinson – spiega Daniele Urso - presenta una condizione idiopatica (che non ha una causa specifica nota). Una piccola percentuale di casi, tuttavia, può essere attribuita a fattori genetici conosciuti. La diagnosi genetica della forma specifica di malattia di Parkinson documentata nello studio è dovuta alla duplicazione di un singolo gene (SNCA), che codifica per una proteina chiamata alfa-sinucleina che, quando malripiegata e malfunzionante, si crede abbia un ruolo essenziale nel provocare alcune forme di malattia di Parkinson e di Demenza».

«Nell’articolo pubblicato sulla prestigiosa rivista – spiega il professore Gian Pietro Sechi – proponiamo uno schema logico sequenziale, basato sul corretto uso e sulla corretta interpretazione dei principali segni clinici rilevati nei pazienti e della storia familiare degli stessi, al fine di poter arrivare a fare diagnosi di questa specifica patologia nella maniera più semplice e rapida possibile. Nella pratica clinica, una precisa diagnosi eziologica basata su informazioni di natura genetica, come in questi pazienti, consentirà la possibilità della cosiddetta medicina di precisione».

Si tratta quindi di una diagnosi basata sulla sequenza dell’acido nucleico su cui siamo “costruiti” e che consente una diagnosi genetica di una forma specifica di Parkinson-demenza. Non è perciò un esclusivo esercizio, sia pur di rilievo, teorico; ma una nuova opportunità «per il possibile trattamento terapeutico di precisione personalizzato che può essere adottato nei pazienti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie