Domenica 20 Ottobre 2019 | 18:04

NEWS DALLA SEZIONE

IL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
Un 67enne
Melendugno, gli sfugge motosega di mano: muore dissanguato

Melendugno, gli sfugge motosega di mano: muore dissanguato

 
La tragedia
Melendugno, gli sfugge la motosega di mano: 67enne morto dissanguato

Melendugno, gli sfugge la motosega di mano: 67enne morto dissanguato

 
ESERCITO
Lecce, il 31° Reggimento carriha un nuovo comandante

Lecce, il 31° Reggimento carri ha un nuovo comandante

 
la mossa del sindaco
Otranto, sotto esame l’idea dei pontili aperti

Otranto, sotto esame l’idea dei pontili aperti

 
Migranti
Salento, due sbarchi in poche ore: in 81 arrivano a bordo di una barca a vela

Salento, due sbarchi in poche ore: in 81, tra curdi e iracheni, a bordo di un veliero

 
I soccorsi
Migranti, in arrivo 80 a Leuca: erano su una barca intercettata dalla Guardia costiera

Migranti, in arrivo 50 a Leuca: erano su una barca intercettata dalla Guardia costiera

 
L'intesa
Casarano, salvi i 423 posti di lavoro call center Enel per mercato libero

Casarano, salvi i 423 posti di lavoro call center Enel per mercato libero

 
Incidente mortale
Lecce, contromano sulla statale: confermati arresti per carabiniere

Lecce, contromano sulla statale: confermati arresti per carabiniere

 
in salento
Muore a 79 anni Marcello, fratello di Don Tonino Bello

Muore a 79 anni Marcello, fratello di Don Tonino Bello

 
era in ospedale
Gallipoli, morte sospetta di una prof 78enne: 24 indagati

Gallipoli, morte sospetta di una prof 78enne: 24 indagati

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoUniversità
Taranto, facoltà di Medicina: ecco i nodi da sciogliere

Taranto, facoltà di Medicina: ecco i nodi da sciogliere

 
PotenzaInvasi semivuoti
Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

 
LecceIL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
BariIl fenomeno
Bari, la nuova guerra dei gazebo colpa di abusi, tolleranze e scelte sbagliate

Bari, la nuova guerra dei gazebo colpa di abusi, tolleranze e scelte sbagliate

 
FoggiaSalgono a due le vittime
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: muoiono marito e moglie

 
BrindisiIl sequestro
Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

 

i più letti

Furbetti in Salento

Porto Cesareo, spinge l'auto a piedi per «beffare» la Ztl

Fatta la legge, trovato l'inganno. Ecco come si evitano le multe in centro

Porto Cesareo, spinge l'auto a piedi per «beffare» la Ztl

Fatta la legge, trovato l’inganno. E c’è chi, per evitare la multa e circolare liberamente nel centro di Porto Cesareo, dove vige la zona a traffico limitato, è disposto a spingere la propria automobile davanti ai passanti esterrefatti. E sia che si tratti pure di un Mercedes, cioè un macchinone da decine di migliaia di euro. Chiamatela astuzia o furbizia allo stato puro. Oppure spirito di adattamento. E’ l’approccio che alcuni cittadini, non è dato sapere se siano cesarini o visitatori, hanno avuto nell’affrontare il «problema» della Ztl, una misura adottata dall’Amministrazione comunale per salvaguardare il commercio ed i visitatori nel cuore della località. A causa delle vetture il libero transito, infatti, era diventato pericoloso persino passeggiare. Tra aprile e maggio, dunque, la giunta retta da Salvatore Albano ha messo in piedi questo sistema di tutela: varchi elettronici che scattano le foto ai non autorizzati.

Il 23 giugno scorso si è conclusa la fase di pre-esercizio degli «occhi elettronici» che immortalano i trasgressori per poi inviare una salata multa a casa: da almeno ottanta euro più spese di notifica. Ma qualcuno, infischiandosene di fare la figura di spingere l’auto a piedi, ha già trovato l’inganno. La prova è in alcune foto scattate dai cittadini che hanno visto, più volte, l’inedita scenetta: il guidatore, o il passeggero, che scende dalla vettura in prossimità del varco e la spinge, lento lento, fino a superare il rilevatore della targa. Sapendo che una volta all’interno potrà circolare liberamente senza subire altri controlli. La velocità, si procede ovviamente a passo d’uomo, non farebbe scattare il rilevatore. Ma anche succedesse, la macchinetta fotografica immortalerebbe il posteriore dell’uomo che spinge la vettura. E in tal caso la beffa sarebbe definitivamente servita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie