Venerdì 19 Luglio 2019 | 20:27

NEWS DALLA SEZIONE

L'evento
Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

 
La sentenza
Lecce, senza lavoro perché parente del boss: netturbino reintegrato dal giudice

Lecce, senza lavoro perché parente del boss: netturbino reintegrato dal giudice

 
Musica
Notte della Taranta, a sorpresa a Melpignano arriva anche Elisa

Notte della Taranta, il messaggio di Elisa: «Un onore essere a Melpignano»

 
Dopo la sentenza della Consulta
Lecce, Ordine degli avvocati, si dimettono in 6: «Pressioni calunniose»

Lecce, Ordine degli avvocati, si dimettono in 6: «Pressioni calunniose»

 
L'affare
Il Castello di Caprarica del Capo è in vendita a 4,2 milioni di euro

Il Castello di Caprarica del Capo è in vendita a 4,2 milioni di euro

 
L'appuntamento
Aradeo, musica e ospiti in ricordo di Pino Zimba, simbolo della pizzica

Aradeo, musica e ospiti in ricordo di Pino Zimba, simbolo della pizzica

 
Blitz polizia
Droga, operazione anti-spaccio a Livorno: 10 misure cautelari anche a Lecce

Droga, operazione anti-spaccio a Livorno: 10 misure cautelari anche a Lecce

 
L'incidente
Lecce, viola il divieto e si tuffa dalla Grotta della Poesia: ferito 45enne

Lecce, viola il divieto e si tuffa dalla Grotta della Poesia: ferito 45enne

 
In Salento
Lotta al caporalato, in arrivo una cabina di regia in Prefettura a Lecce

Lotta al caporalato, in arrivo una cabina di regia in Prefettura a Lecce

 
Il processo
Galugnano, scontro treni Fse: macchinista condannato a 1 anno e 8 mesi

Galugnano, scontro treni Fse: macchinista condannato a 1 anno e 8 mesi

 
L'incidente
Ugento, l'auto si ribalta: 19enne incinta in codice rosso in ospedale

Ugento, l'auto si ribalta: 19enne incinta in codice rosso in ospedale

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoAl rione Salinella
Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

 
BariSocietà fallì nel 2011
Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

 
PotenzaL'incidente
Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

 
LecceL'evento
Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

 
MateraIl progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
BrindisiPer un valore di 1000 euro
Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

 
BatL'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 

i più letti

A Baia Verde

Gallipoli, onde allagano nido di tartaruga: niente da fare per 91 uova

L’esperto: «È la conferma che serve un monitoraggio per permettere le schiuse»

Gallipoli, onde allagano nido di tartaruga: niente da fare per 91 uova

GALLIPOLI - Il mare scopre un altro nido, ma stavolta per le 91 uova deposte è troppo tardi: tutti morti gli embrioni al loro interno.

Il rinvenimento, nell’area del lido Sottovento, alla Baia Verde, è stato anche questa volta casuale. Venerdì pomeriggio, sotto una coltre di sabbia già bagnata, lambita dalle onde, emergevano alcune uova di tartaruga. Immediato l'intervento di Legambiente, così come l'allerta al Centro recupero tartarughe marine. Per quanto l’intervento sia stato tempestivo, però, il biologo Piero Carlino, responsabile del Centro, ha subito capito che c'era ben poco da fare. Le uova erano bagnate. Raggiunte dall'acqua, la cova si è interrotta, e la natura ha fatto il suo corso.

«Purtoppo il nido è stato scavato troppo vicino al mare - spiega Piero Carlino - proprio come è accaduto per quello vicino all'ecoresort Le Sirenè. In quel caso, però, siamo stati fortunati. La tartaruga è stata avvistata e abbiamo immediatamente messo in sicurezza le uova, spostandole di dieci metri rispetto al punto in cui sono state deposte. Stavolta non è stato così».

È la riprova, se mai ce ne fosse bisogno, di quello che Carlino sostiene da tempo: «C'è bisogno di un serio progetto di monitoraggio delle nidificazioni. È il terzo nido che scopriamo nel Salento, ed è la conferma che ormai non si tratta di fenomeni isolati ma di un processo di ripopolamento delle nostre spiagge da parte delle Caretta caretta».

Ma i monitoraggi auspicati dal centro costano, ed è proprio sulla esiguità dei fondi che si infrangono le speranze di studi adeguati e salvaguardia della specie. Poche settimane fa, il Centro si è fatto promotore di una cena solidale per raccogliere fondi a tutela delle tartarughe. Il lavoro che svolgono è pressoché volontario, ma per quanto sforzo e impegno possano metterci non basta.

Le 91 uova morte sono state trasferite al centro di Calimera. Saranno oggetto di studio. Si capirà quando sono state deposte e cosa abbia potuto determinare una deposizione così vicina al mare. Forse un ostacolo, magari un lettino, lungo il percorso della Caretta caretta, o più verosimilmente il cambiamento delle condizioni della spiaggia. Arrivata in un periodo di bassa marea, la tartaruga si è fermata a scavare pensando di aver raggiunto la base del cordone dunale. Ma così non è stato. Le speranze, ora, sono tutte riposte negli altri due nidi di Gallipoli e Torre Vado. Tutto procede per il meglio in vista delle schiuse, previste intorno alla metà di agosto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie