Domenica 20 Ottobre 2019 | 13:37

NEWS DALLA SEZIONE

IL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
Un 67enne
Melendugno, gli sfugge motosega di mano: muore dissanguato

Melendugno, gli sfugge motosega di mano: muore dissanguato

 
La tragedia
Melendugno, gli sfugge la motosega di mano: 67enne morto dissanguato

Melendugno, gli sfugge la motosega di mano: 67enne morto dissanguato

 
ESERCITO
Lecce, il 31° Reggimento carriha un nuovo comandante

Lecce, il 31° Reggimento carri ha un nuovo comandante

 
la mossa del sindaco
Otranto, sotto esame l’idea dei pontili aperti

Otranto, sotto esame l’idea dei pontili aperti

 
Migranti
Salento, due sbarchi in poche ore: in 81 arrivano a bordo di una barca a vela

Salento, due sbarchi in poche ore: in 81, tra curdi e iracheni, a bordo di un veliero

 
I soccorsi
Migranti, in arrivo 80 a Leuca: erano su una barca intercettata dalla Guardia costiera

Migranti, in arrivo 50 a Leuca: erano su una barca intercettata dalla Guardia costiera

 
L'intesa
Casarano, salvi i 423 posti di lavoro call center Enel per mercato libero

Casarano, salvi i 423 posti di lavoro call center Enel per mercato libero

 
Incidente mortale
Lecce, contromano sulla statale: confermati arresti per carabiniere

Lecce, contromano sulla statale: confermati arresti per carabiniere

 
in salento
Muore a 79 anni Marcello, fratello di Don Tonino Bello

Muore a 79 anni Marcello, fratello di Don Tonino Bello

 
era in ospedale
Gallipoli, morte sospetta di una prof 78enne: 24 indagati

Gallipoli, morte sospetta di una prof 78enne: 24 indagati

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaInvasi semivuoti
Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

 
LecceIL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
BariIl fenomeno
Bari, la nuova guerra dei gazebo colpa di abusi, tolleranze e scelte sbagliate

Bari, la nuova guerra dei gazebo colpa di abusi, tolleranze e scelte sbagliate

 
FoggiaSalgono a due le vittime
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: muoiono marito e moglie

 
TarantoMARINA MILITARE
Taranto, musica e solidarietà insiemesuccesso del concerto "Note d'autunno"

Taranto, musica e solidarietà insieme successo del concerto "Note d'autunno"

 
BrindisiIl sequestro
Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

 

i più letti

Ecosistema a rischio

Salento, le Cesine invase da suini selvatici: scatta l'allarme

Incontro fra Wwf, carabinieri, Comune, Asl, Regione e Atc per inviduare le soluzioni per arginare la proliferazione

Salento, le Cesine invase da suini selvatici: scatta l'allarme

LECCE - La riserva naturale delle Cesine è in pericolo a causa della massiccia presenza di suini. Introdotti illegalmente a scopo venatorio, si sono inselvatichiti e rappresentano un vero problema. E ora si cerca di correre ai ripari per limitarne la popolazione.

Un primo incontro per individuare soluzioni per catturare e portare via gli animali è avvenuto giovedì mattina nella masseria sede operativa del Wwf, che gestisce l’oasi naturalistica.
Seduti allo stesso tavolo Giuseppe De Matteis e Carmine Annicchiarico del Wwf, le rappresentanze dei carabinieri forestali, della Asl e del Comune, dell’Osservatorio faunistico regionale e della Regione; Luigi Melissano e Alberto Del Genio per l’Atc (Ambito territoriale della caccia).
Da un primo monitoraggio effettuato anche grazie ad alcune fototrappole installate all’interno della riserva è emersa la presenza di circa 80 animali: si tratta di maiali che sono diventati selvatici, tanto da essere ormai quasi equiparabili ai cinghiali.

Questi animali scavano distruggendo il sottobosco - il 65 per cento delle stazioni di orchidee è già danneggiato - e ingurgitando tutto ciò che è commestibile, comprese le uova deposte, non solo quelle di tartarughe terrestri e palustri, ma anche quelle di alcune specie di uccelli che nidificano tra la macchia mediterranea.
Questi mammiferi raggiungono la maturità sessuale all’età di sei mesi, si riproducono due volte procreando fino a dieci suidi per parto. A preoccupare gli enti preposti è anche il pericolo che corrono i visitatori della Riserva, in molti casi accompagnati dai loro animali domestici, che potrebbero essere motivo di aggressione, e l’ulteriore rischio di incidenti sulla provinciale.
Da qui, la richiesta di supporto all’Ambito territoriale della caccia, alla Asl, al Comune e ai carabinieri forestali. Presumibilmente ci si attrezzerà realizzando recinti e gabbie per la cattura.
Per l’Atc è l’occasione per rivendicare ancora una volta il proprio ruolo nella difesa dell’equilibrio dell’ecosistema. «Due mondi apparentemente così distanti - ha sottolineato Gigi Melissano, commissario di Atc - si incontrano, ciascuno con le proprie competenze, per difendere un delicatissimo ecosistema. E questa è una vittoria di tutto il territorio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie