Domenica 18 Agosto 2019 | 01:19

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Leccese
Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

 
24-26 agosto
Lecce si prepara alla Festa di Sant'Oronzo: il programma e le info utili

Lecce si prepara alla Festa di Sant'Oronzo: il programma e le info utili

 
Sigilli nel Salento
Discoteca non autorizzata a Vernole: sequestrata parte di un'area camper

Discoteca non autorizzata a Vernole: sequestrata parte di un'area camper

 
Nel Salento
Torrepaduli, Emiliano balla la taranta con 63 bambini e Geppi Cucciari

Torrepaduli, Emiliano balla la taranta con 63 bambini e Geppi Cucciari

 
Omofobia
Gallipoli, buttafuori contro gruppo di trans: «Perché non andate nei posti vostri?»

Gallipoli, buttafuori contro gruppo di trans: «Perché non andate nei posti vostri?»

 
Nel Salento
Ricercato in Francia per truffa, faceva il bagno a Porto Cesareo: arrestato

Ricercato in Francia per truffa, faceva il bagno a Porto Cesareo: arrestato

 
Nella notte tra il 16 e il 17 agosto
San Cataldo, alba in Jazz con Daniele Silvestri: ecco il piano traffico

San Cataldo, alba in Jazz con Daniele Silvestri: ecco il piano traffico

 
Nel Salento
Torre dell'Orso, rogo distrugge una parte della pineta

Torre dell'Orso, rogo distrugge una parte della pineta

 

Il Biancorosso

Sport
Bari calcio, boom per gli abbonamenti: superati i 5mila tesserati

Bari calcio, boom abbonamenti: superati i 5mila tesserati

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl gesto per gelosia
Taranto, crede che lui abbia un'altra: 27enne gli danneggia l'auto e picchia i poliziotti intervenuti, denunciata

Taranto, crede che lui abbia un'altra: gli danneggia l'auto e picchia i poliziotti intervenuti, denunciata

 
LecceNel Leccese
Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

 
BariLo spettacolo
«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

 
MateraTragedia nel Materano
Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: forse un malore

Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: forse un malore

 
BatI numeri
Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

 
BrindisiNel Brindisino
Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

 
FoggiaIl caso
Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

 

i più letti

La testimonianza

Bullismo contro anziani, nel Salento una storia a lieto fine

La figlia dell'uomo è intervenuta contro un gruppo di ragazzini dopo continue molestie, e ha raccontato anche la sua storia su Facebook, dopo la tragedia di Manduria

anziano

Un caso di bullismo contro anziani (e la sua soluzione) in provincia di Lecce. C’è il lieto fine però per un uomo residente in un centro dell’entroterra ionico - a differenza del dramma che ha colpito Antonio Stano. La fortuna di questo salentino? Avere due figli che, capillarmente, si prendono cura di lui. La figlia in particolare, un’insegnante quarantenne, è stata risolutiva nei confronti dell’atteggiamento dei bulletti - e la sua esperienza potrebbe essere d’aiuto a coloro che quotidianamente sperimentano molestie e violenze da parte di presunte baby gang.


Professoressa, com’è iniziato l’attacco a vostro padre?
«È accaduto soprattutto in inverno, anche quando c’è stata la neve. Gruppi di 2-3 ragazzini, ma anche 7-8 a volte, si recavano a casa di mio padre infastidendolo a tutte le ore, anche dopo che lui era andato a letto. Suonavano il campanello e, quando papà usciva, lo insultavano. Quando c’è stato il grande freddo a gennaio, gli hanno tirato delle palle di neve sotto al portico, ma in altre occasioni sono state usate anche pietre contro le finestre».


È mai stata presente di persona agli attacchi?
«Una volta sono stata testimone io stessa delle molestie che papà riceveva e sono stata insultata anch’io. I ragazzini non avevano capito che fossi legata alla persona che insultavano quotidianamente e mi hanno intimato di badare ai fatti miei, affermando che mio padre sarebbe stato pazzo. A quel punto, ho fatto notare loro di essere la figlia dell’uomo che vessavano, ma non è bastato. Mio padre non è un uomo completamente solo: io e mio fratello passiamo a trovarlo più volte al giorno, anche se la preoccupazione è tanta perché lui vive in periferia».


E quindi, cosa avete pensato di fare?
«Ho pensato di parlare con i genitori, ma ho capito che non sarebbe stato risolutivo. Ognuno di noi ama la propria prole e tende a vedere il proprio figlio come un ragazzo perfetto, ignorando magari quali siano le dinamiche di gruppo. Ho temuto che non sarei stata creduta. E allora ho pensato di far leva sui coetanei di questi ragazzini».


Cioè?
«La minaccia di andare a raccontare tutto ai genitori mi è parsa da subito insufficiente. Così ho fatto sapere ad alcuni loro coetanei che avremmo istallato delle telecamere di video-sorveglianza e che quindi, continuando a infastidire mio padre, si sarebbero ritrovati con una denuncia e i carabinieri. Ora il problema è cessato, ma solo per mio padre».


Perché ha raccontato la sua storia su Facebook?
«Perché sono sicura che dappertutto ci siano anziani soli che potrebbero avere un problema simile e volevo sensibilizzare le persone intorno a me a vigilare affinché non accada ad altri quando accaduto ad Antonio Stano».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie