Mercoledì 20 Febbraio 2019 | 09:57

NEWS DALLA SEZIONE

Componente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
In via Milizia
Scritte su sede Movimente 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

Scritte su sede Movimento 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

 
La novità
Da Gallipoli si vola in Grecia: il turismo viaggia in idrovolante

Da Gallipoli si vola in Grecia: il turismo viaggia in idrovolante

 
Nel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
Nel Leccese
Galatone, droga nel circolo privato frequentato da pregiudicati: provvedimenti dei cc

Galatone, droga nel circolo privato frequentato da pregiudicati: provvedimenti dei cc

 
Verso il voto
Lecce, Salvemini strart: «Non permetteremo un ritorno al passato»

Lecce, Salvemini riparte: «Non permetteremo un ritorno al passato»

 
Nel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
Sud Salento
L'accendino era in realtà un contenitore porta-droga: 8 segnalazioni nel Leccese

L'accendino era in realtà un contenitore porta-droga: 8 segnalazioni nel Leccese

 
A Lecce
Minore senza biglietto, autista non lo fa salire sul bus: denunciato

Minore senza biglietto, autista non lo fa salire sul bus: denunciato

 
La storia
Gallipoli, nigeriano sventa rapina in supermercato: titolare lo assume

Gallipoli, nigeriano sventa rapina in supermercato: titolare lo assume

 
Verso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoNel Tarantino
Palagiano: abusa di una minorenne e la perseguita, in manette un 65enne

Palagiano: abusa di una minorenne e la perseguita, in manette un 65enne

 
BariNel Barese
Rutigliano, l'agguato a fuoco per vendicare debito di droga fallì, identificati 5 responsabili

Rutigliano, l'agguato a fuoco per vendicare debito di droga fallì, identificati 5 responsabili

 
FoggiaNel Foggiano
Borgo Mezzanone: sequestrati immobili abusivi nel ghetto dei migranti

Borgo Mezzanone: sequestrati immobili abusivi nel ghetto dei migranti FOTO

 
LecceComponente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
MateraNel Materano
Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

 
BrindisiA Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
BatDopo la denuncia
Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 

Dopo gli arresti

Giustizia svenduta: altro magistrato nel mirino, si indaga su un albergo e questioni fiscali

Per il Riesame l'ex gip Nardi resta in carcere. Nuovo interrogatorio per l'ex pm Savasta

Guasto all'impianto elettrico, sgomberato Tribunale Lecce

Il tentativo di bloccare un procedimento penale a carico di alcuni imprenditori e di un professionista, accusati di aver «espropriato» i legittimi proprietari della gestione di un importante albergo del Nord Barese. E una serie di procedimenti tributari che sarebbero stati addomesticati in cambio di soldi. Sono due dei filoni su cui si sta concentrando la Procura di Lecce nell’indagine sui magistrati di Trani. Tra le deleghe di indagine che il pm Roberta Licci ha consegnato ai Carabinieri di Barletta, due riguardano proprio questi episodi: dopo l’ex pm Antonio Savasta e l’ex gip Michele Nardi (finiti in carcere a gennaio), gli accertamenti riguarderebbero adesso altri loro colleghi e alcuni commercialisti.


Questi ulteriori episodi sono emersi sia dalle dichiarazioni dell’imprenditore Flavio D’Introno, sia da alcuni esposti - molto dettagliati - presentati nel corso degli ultimi mesi. In particolare D’Introno, in una parte del lungo racconto che ha fatto finire nei guai Savasta e Nardi, ha fatto indirettamente riferimento proprio alla vicenda dell’albergo, parlando del professionista in questione e di una perizia che sarebbe stata addomesticata (per favorire il professionista) nell’ambito del procedimento penale innescato da una denuncia presentata a Trani: procedimento inizialmente assegnato a Savasta, che si è astenuto in virtù dei suoi rapporti con questo professionista, e poi approdato a giudizio perché il gip ha disposto l’imputazione coatta dopo due successive richieste di archiviazione formulate da parte del nuovo pm. Dietro ci sarebbe un affare da molti milioni di euro collegato alla gestione dell’importante complesso turistico.


Nei giorni scorsi, come la «Gazzetta» ha raccontato ieri, la Procura di Lecce ha fatto notificare una proroga delle indagini per una parte dei fatti oggetto della ordinanza cautelare di gennaio. Su altri le verifiche sono ormai concluse. Altri ancora, però, sono oggetto di valutazione proprio in questi giorni, sia attraverso il riscontro alle dichiarazioni di D’Introno sia di quelle rese, in due distinti interrogatori, da Antonio Savasta. L’ex pm, in carcere a Lecce, avrebbe già concordato altri due interrogatori per chiarire ulteriori circostanze, alcune delle quali lo riguarderebbero personalmente insieme a professionisti molto attivi nel circondario di Trani. Ma nel frattempo la Procura ha già provveduto a iscrivere altri nomi nel registro degli indagati, ipotizzando a vario titolo altri episodi di corruzione in atti giudiziari e abuso d’ufficio.


Ieri intanto il Tribunale del Riesame di Lecce ha respinto il ricorso presentato da Nardi con gli avvocati Domenico Mariani di Roma e Carlo Di Casola di Napoli. L’ex gip (quando è stato arrestato era pm a Roma) resterà dunque nel carcere di Matera. Secondo l’accusa, Nardi e Savasta (che invece è in carcere a Lecce) avrebbero ottenuto tre milioni di euro, oltre a regali e favori, per addomesticare alcuni procedimenti giudiziari in senso favorevole all’imprenditore D’Introno, e per evitare (il solo Savasta) di coinvolgere in una indagine per evasione fiscale il re degli outlet Luigi D’Agostino. L’inchiesta si sta ora allargando ad altri episodi in cui la giustizia potrebbe essere stata svenduta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400