Domenica 21 Aprile 2019 | 00:42

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Salento
Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

 
Il caso
Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

 
Lite in famiglia
Aradeo, colpisce con un coltello da cucina la cognata: arrestato

Aradeo, colpisce con un coltello da cucina la cognata: arrestato

 
Il caso
Parabita, dopo le minacce arriva lo scudo dello Stato

Parabita, dopo le minacce arriva lo scudo dello Stato

 
La decisione
Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

 
Verso il voto
«Santini» elettorali per strada, a Lecce appello al senso civico

«Santini» elettorali per strada, a Lecce appello al senso civico

 
Nel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
Nel Leccese
Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

 
A campi Salentina
Intrappolato con auto nel passaggio a livello: paura per anziano

Intrappolato nel passaggio a livello: paura per anziano

 
Giovedì Santo
Lecce, mons. Seccia laverà piedi a detenuti in carcere Lecce

Lecce, mons. Seccia lava i piedi a detenuti in carcere

 
La vertenza
San Cesario, sigilli a Mercatone Uno a vigilia dello sciopero

San Cesario, sigilli a Mercatone Uno a vigilia dello sciopero

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso il voto
Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

 
TarantoA taranto
Ex Ilva, ambientalisti Taranto: «Il 24 aprile presidio per arrivo Di Maio»

Ex Ilva, ambientalisti Taranto: «Il 24 aprile presidio per arrivo Di Maio»

 
BrindisiL'incidente
Moto contro auto sulla Monopoli-Alberobello: muore un 54enne

Moto contro auto sulla Monopoli-Alberobello: muore un 54enne

 
LecceNel Salento
Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

 
HomeLe festività pasquali
Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

 
BatLotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
GdM.TVOperazione Ultimo Avamposto
Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

 
PotenzaElezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 

Depuratore chiuso
allarme per l’ambiente

Il segretario Calò teme una bomba ecologica: «Che fine fanno i liquami che gli autospurgo smaltivano nell’impianto?»

TAURISANO - «La chiusura del depuratore per gli autospurgo è una bomba ecologica in piena estate, intervenga il prefetto».

A lanciare l’allarme sull’emergenza scaturita dalla chiusura dell’impianto di contrada Serra del Fico è la Femca Cisl di Lecce, che attraverso il suo segretario generale Sergio Calò chiede un intervento immediato per sbloccare una situazione di incertezza che si trascina da mesi.

L’indice sul problema era già stato puntato quando la società che gestisce il depuratore, la Impec costruzioni di Pozzuoli (Napoli) aveva comunicato alla Provincia di Lecce, proprietaria dell’impianto, la fine dell’attività. La società l’anno scorso era stata investita da un’interdittiva antimafia e la stessa Provincia, dopo aver ricevuto la comunicazione, si attivò presso le autorità competenti adottare i provvedimenti di competenza. Ora la chiusura del cancelli e il licenziamento dei due dipendenti.

«La chiusura dell’impianto - stigmatizza Calò - ha generato il licenziamento dei due lavoratori. La Femca Cisl ha già chiesto e ottenuto un incontro urgente con il presidente della Provincia e con il sindaco, registrando totale disponibilità e garanzie di soluzioni. Ad oggi la lmpec, ancora di fatto gestore dell’impianto, pur avendo verbalmente assicurato l’avvio della cassa integrazione ha fatto pervenire le lettere di licenziamento agli operatori».

Da qui la dura presa di posizione. «Abbiamo chiesto un incontro urgente al prefetto - dice il segretario della Femca - per affrontare la vicenda legata non solo alla salvaguardia dei posti di lavoro ma anche a quella dei grossi rischi ambientali per la gestione dei liquami. Abbiamo già lanciato l’allarme un mese fa visto che l’impianto “tratta” solo ed esclusivamente liquami provenienti da autospurgo operanti nei comuni di tutto il Sud Salento. Per avere un’idea della “bomba ecologica” in atto basti pensare che in questo periodo estivo scaricano mediamente 30 autospurgo al giorno. ln questi giorni - è la domanda - dove viene scaricato tutto questo liquame?». [m.c.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400