Domenica 26 Settembre 2021 | 09:11

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

lecce

Prof con il doppio lavoro?
In quattro finiscono nei guai

Tre docenti accusati di danno erariale: 135mila euro. Segnalato pure un ricercatore

Prof con il doppio lavoro? In quattro finiscono nei guai

di Francesco Oliva

Tre docenti universitari ed un ricercatore sono finiti nei guai per aver svolto un secondo lavoro o per aver ricoperto incarichi senza l’autorizzazione da parte dell’Ateneo. I quattro presunti “furbetti della cattedra” sono stati scoperti al termine degli accertamenti che i militari della Guardia di Finanza del Nucleo di polizia economico-finanziaria del Comando provinciale hanno svolto fra i docenti della facoltà di Ingegneria di Unisalento. L’attività rientra nell’ambito di una vasta inchiesta avviata a livello nazionale. Finora ha riguardato cattedratici delle facoltà ritenute più «a rischio» cioé quelle di Ingegneria e di Architettura. I controlli saranno estesi anche a quelle di Giurisprudenza, di Medicina e di Economia e commercio. A Lecce sono otto i docenti finiti nel mirino della Guardia di Finanza. I militari hanno accertato se, oltre allo stipendio da docente, sia stata svolta anche attività professionale privata.

Le verifiche si sono concluse alla fine dello scorso anno. E sono emerse quattro situazioni irregolari. Tre di questi sono stati segnalati alla Corte dei conti per incarichi extraprofessionali svolti senza autorizzazione cioé in violazione del principio del rapporto di lavoro in esclusività con la pubblica amministrazione previsto dall’articolo 53 del decreto legislativo 165 del 2001. Il presunto danno erariale si aggira intorno ai 135mila euro.

I tre segnalati alla Corte dei Conti sono titolari di cattedra. Due sono accusati di aver svolto incarichi extraprofessionali senza autorizzazione. Il terzo, poi, ha svolto attività professionale che non avrebbe potuto proprio svolgere. In altri termini se i primi due fossero stati autorizzati avrebbero potuto svolgere gli incarichi occasionali. Quanto al terzo docente, la contestazione che lo riguarda ha a che fare con lo svolgimento di un’attività professionale che non avrebbe mai potuto svolgere perché incompatibile con il suo status di docente universitario. C’è, infine, la posizione del ricercatore non ancora confermato.

E secondo durante il periodo di prova non avrebbe potuto svolgere attività professionale che, invece, come emerge dagli accertamenti svolti dalla Guardia di Finanza, avrebbe svolto. Il ricercatore non ha arrecato alcun danno erariale. È stato segnalato al nucleo speciale anticorruzione a Roma per l’avvio di un procedimento disciplinare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie