Lunedì 03 Ottobre 2022 | 13:12

In Puglia e Basilicata

guerra

In arrivo la terza nave dall'Ucraina, cargo con olio di semi a Monopoli

Arriva stasera la nave terza nave dall'Ucraina, cargo con olio di semi a Monopoli

Dopo lo sblocco diplomatico dell’intesa di Istanbul, a fine luglio, per il trasporto sicuro di grano e cibo

16 Agosto 2022

Redazione online

BARI - È in navigazione, ed è attesa per la tarda mattinata di oggi al porto pugliese di Monopoli, la terza nave dall’Ucraina che raggiunge l’Italia. Si tratta della Mustafa Necati, partita dal porto di Chornomorsk, che trasporta 6mila tonnellate di olio di semi di girasole per il gruppo Marseglia, che ha sede nel Barese.

È a Ravenna, in attesa di entrare in porto, la seconda nave cargo che dall’Ucraina raggiunge l'Italia dopo lo sblocco diplomatico dell’intesa di Istanbul, a fine luglio, per il trasporto sicuro di grano e cibo dai porti ucraini. Si tratta della Sacura, battente bandiera liberiana, che trasporta 11mila tonnellate di semi di soia destinati all’alimentazione animale. Dopo mesi di blocco, è partita dal porto ucraino di Yuzhnyy l’8 agosto e ha fatto tappa il 10 e 11 agosto a Istanbul per i controlli di sicurezza previsti.
Ormeggiata in banchina al porto di Ravenna c'è ancora la Rojen, che dovrebbe terminare le operazioni commerciali oggi dopo essere arrivata il 12 agosto col suo prezioso carico di oltre 14mila tonnellate di semi di mais, sempre destinati a mangimi per allevamenti animali.

«L'arrivo in Italia di navi cargo dai porti del Mar Nero dopo lo scoppio della crisi russo-ucraina sono un segnale importante per la ripartenza delle rotte commerciali». Lo dichiara in una nota il direttore generale dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli, Marcello Minenna, con riferimento all’arrivo a Monopoli (Bari), previsto nel primo pomeriggio di oggi, della nave cargo Mustafa Necati che trasporta seimila tonnellate di olio di semi destinato in parte a usi tecnici (biodiesel) e in parte a usi alimentari.

«L'ADM assicurerà, come già avvenuto con la prima nave cargo attraccata al porto di Ravenna il 13 agosto scorso - spiega Minenna - tempestività nelle operazioni di sdoganamento, ma contestualmente effettuerà controlli rigorosi per garantire affidabilità e sicurezza delle merci in arrivo nel nostro Paese». Sono state infatti predisposte tutte le procedure necessarie, che saranno effettuate da ispettori specializzati, per le verifiche del carico a bordo della nave cargo, salpata il 7 agosto dal porto ucraino di Chornomorsk, a sud di Odessa. Nel corso del suo tragitto, ha effettuato una sosta a Istanbul per essere sottoposta ai controlli previsti dall’accordo delle Nazioni Unite.

Per le procedure di sdoganamento, funzionari dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli provvederanno alle operazioni di prelevamento di alcuni campioni del carico, mentre i chimici dell’Ufficio delle Dogane di Bari, cureranno l’analisi chimica e lo screening radiometrico con un laboratorio mobile presente sul posto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725