Domenica 14 Agosto 2022 | 11:59

In Puglia e Basilicata

Sanità

Il personale scarseggia: medici pugliesi sul piede di guerra

Pronto soccorso policlinico Bari

Cgil, Smi, Snami, Simet e Ugs: «Senza Usca, come fronteggiare la nuova ondata Covid?»

30 Giugno 2022

Michele De Feudis

BARI - Il ritorno di una mini ondata di contagi covid in Puglia, la fine del servizio delle Usca e la cronica crisi di personale nei pronto soccorso, con inevitabili proteste dei cittadini (in attesa anche per giorni al fine di essere smistati in un posto letto) rende il dossier Sanità tra i più caldi nella regione.

L'allarme è lanciato dall'intersindacale Medici Puglia, fronte composto da Cgil, Smi, Snami, Simet e Ugs: le categorie hanno elaborato e inviato un documento alla Regione per chiedere quali strategie ci sono per fronteggiare le attuali difficoltà e soprattutto «quali iniziative l'assessorato alla Salute intende adottare per affrontare la recrudescenza dei contagi da Sars-Covid nella variante Omicron 5, tenuto conto della cessazione del servizio Usca dal 30 giugno».

«L'estate - aggiungono i sindacati - è ormai arrivata e si presenta con gli stessi irrisolti problemi, a partire dalla drammatica condizione della Continuità assistenziale e del servizio dell'emergenza -urgenza che, ricordiamo, ha 200 medici in meno rispetto alla dotazione prevista». «Non meno grave - prosegue la nota - appare l'annoso problema dei pronto soccorso che già versano in grandissima difficoltà a causa delle inaccettabili croniche carenze di organico e rischiano il collasso per l'aumento dell'utenza, con decine di pazienti in attesa per giorni di un posto letto, e per la ulteriore riduzione dei medici addetti in ragione del dovuto e necessario periodo di ferie». Da qui una proposta operativa: «Riteniamo urgente ed indispensabile- la stabilizzazione del personale precario e un piano straordinario di assunzioni».

Covid Puglia Ieri nella regione ci sono stati 6.577 nuovi casi di contagio su 27.123 test analizzati con un tasso di incidenza del 24,2% (martedì era al 31,6 %). I decessi sono stati sei.
La geolocalizzazione dei casi vede il Barese e il Salento le province più colpite: sono stati individuati 1.990 positivi a Bari, 623 nella Bat, a Brindisi 625, a Foggia 919, a Lecce 1.505, a Taranto 792. Il dato della ospedalizzazione: delle 43.416 persone attualmente positive 299 sono ricoverate in area non critica (270 martedì) e 12 in terapia intensiva (10 due giorni fa).

La tendenza nazionale dei contagi in risalita è confermata dalle statistiche italiane: in 19 giorni, dal 10 al 29 giugno, i positivi al Covid nel territorio regionale sono più che raddoppiati. Il 10 giugno scorso, infatti, erano 18.271 e il numero era in calo ma dal giorno successivo è ricominciata la ripresa dei contagi che ha portato, a 43.416 positività, quasi 25mila in più. Le varianti di Omicron, secondo gli ultimi studi e i riscontri statistici, si stanno mostrando molto più contagiose delle precedenti.

I numeri nazionali In attesa che il governo decida se prorogare o meno l'obbligo della mascherina sui luoghi di lavoro, si continua a guardare con apprensione al continuo aumento delle diagnosi di Covid in Italia. Nelle ultime 24 ore i nuovi casi registrati sono 94.165. Lo stesso giorno di una settimana fa erano stati 53.905 (+74,7%). E si continua a morire: 60 le vittime in un giorno. Una settimana fa erano state 50 (+20,0% in 7 giorni).

Il tasso di positività è in rapida risalita, fissandosi al 26,36% contro il 21,87% di 7 giorni fa. Stessa linea sul crinale dei ricoveri: aumentano sia i pazienti in terapia intensiva, che sono 248 (quindi 11 in più di martedì), e i ricoverati nei reparti ordinari: 219 in più rispetto alle 24 ore precedenti.
Il presidente di Fiaso, Giovanni Migliore: «L'aumento dei ricoveri - sottolinea - è significativo non solo per il rialzo del numero di pazienti, ma perché torna a crescere la prevalenza della patologia polmonare tipica del virus».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725