Sabato 20 Aprile 2019 | 02:14

 

Tutto sul Bari calcio

il Biancorosso Facebook
 

L'ALLENATORE

Cornacchini: il modulo 4-3-2-1è un discorso da portare avanti

Mister Cornacchini (foto Luca Turi)

Cornacchini: il modulo 4-3-2-1
è un discorso da portare avanti

"La qualità del gioco te la dà la bravura dei giocatori. Certe giocate non si vedono nemmeno in categorie superiori, ci sono stati tantissimi uno-due e il secondo gol ne è l’emblema"

«Ho avuto grandissima disponibilità da tutti i giocatori, sia dai più grandi, sia dagli under. Piovanello ha fatto una grandissima partita, poi non ne aveva più. Il 4-2-3-1 è un discorso che possiamo portare avanti. Hai due punte esterne sulla linea dei difensori avversari, è come se fosse un 4-3-3. E poi c’è Brienza che sa giocare dietro la prima punta. Il cambio di Neglia? Ho chiesto io di aspettare prima di farlo entrare, stavo pensando a una soluzione diversa.

Non mi voglio nascondere, so che siamo forti. Ma quando dico che non vedo i risultati degli altri non è per presunzione, anzi. Preferisco soffermarmi sulla mia squadra perché so di avere tanta qualità, anche nei cambi, ma so anche che dobbiamo migliorare in alcune cose e per questo devo pretendere tanto dalla squadra. I nostri sono giocatori importanti, il resto deve interessarci relativamente.

Se fosse finita 2-0 non sarei stato felice, perché abbiamo creato 6-7 palle gol clamorose. Bisogna migliorare in tutto, è una questione anche di condizione. Siamo una squadra che ha fatto fino a oggi 17 gol prendendone solo due, vuol dire che davanti siamo messi bene. C’è stato un momento della partita in cui non siamo più andati lunghi, allora ho deciso di mettere gente fresca in grado di dare profondità. Sono contento per il risultato e soprattutto per la prestazione della squadra, c’è stata una reazione. Fino a oggi si era vinto, ma la prestazione non mi aveva mai fatto impazzire. La qualità del gioco te la dà la bravura dei giocatori. Certe giocate non si vedono nemmeno in categorie superiori, ci sono stati tantissimi uno-due e il secondo gol ne è l’emblema, con il portiere che ha aperto per Turi. 

Pozzebon lo conosco, è un giocatore che si fatto condizionare dall’aver giocato poco fino a oggi. Fisicamente e tatticamente il giocatore c’è, deve crescere a livello di mentalità se giochi in una squadra come il Bari. Li vivo tutti i giorni, conosco limiti e pregi dei giocatori. Turi si è presentato con un’umiltà incredibile; ha tantissima attenzione, che per un difensore è una dote importante. Aveva un cliente difficile oggi, ha sbagliato pochissimo, solo una sbavatura nel secondo tempo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DAL BIANCOROSSO

Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala che porta molto più in al...

 
Seguire la squadra un atto di fedeCiò che conta è guardare al futuro

Seguire la squadra un atto di fede Ciò che conta è guar...

 
La corazzata ha rispettato il pronosticoe ora la squadra per andare in serie B

La corazzata ha rispettato il pronostico e ora la squad...

 
Marfella, parate stratosferiche Simeri, motorino instancabile

Marfella, parate stratosferiche Simeri, motorino instan...

 
Risaliamo in C dopo 65 anniper la seconda volta

Risaliamo in C dopo 65 anni
per la seconda volta

 
Bari, trentacinque giornatein testa al campionato di serie D

Bari, trentacinque giornate in testa al campionato di s...

 
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 
"Il traguardo è ad un passo"Cornacchini non fa calcoli

"Il traguardo è ad un passo"
Cornacchini non fa calcoli