Lunedì 26 Ottobre 2020 | 17:40

NEWS DALLA SEZIONE

I dati
Virus, in Italia calano i contagi, 17mila in 24 ore. Anche 141 morti

Virus, in Italia calano i contagi, 17mila in 24 ore. Anche 141 morti. Isolati 5 varianti virus: più aggressivo e si replica meglio

 
Serie C
Bari tocca a te: alle 21 contro il Catania vietato fallire

Bari tocca a te: alle 21 contro il Catania vietato fallire

 
Il bollettino
Puglia, 414 nuovi casi: meno di ieri, ma tasso contagio resta alto (12%). Altri 10 morti (quasi tutti nel Barese)

Puglia, 424 casi: meno di ieri, ma tasso contagio resta alto (12%). Altri 10 morti (quasi tutti nel Barese), 43 nuovi ricoveri

 
serie C
Palermo-Potenza, salta la partita di giovedì: 19 giocatori siciliani positivi al Covid

Palermo-Potenza, salta la partita di giovedì: 19 giocatori siciliani positivi al Covid

 
paura contagio
Covid, pronte linee guida per maggiore uso test antigenici nelle Asl

Covid in Puglia, via libera ad uso maggiore test antigenici nelle Asl

 
la provocazione
Taviano, #iorestoaperto: gestore cinema sfida norme Dpcm

Taviano, nuovo Dpcm: gestore cinema sfida divieto: #iorestoaperto

 
la protesta
Puglia, ritardi internalizzazione sanità: sindacati verso lo sciopero

Puglia, ritardi internalizzazione sanità: sindacati verso lo sciopero

 
indagini della gdf
Matera, scoperta truffa fondi europei per il turismo: diverse persone coinvolte

Matera, scoperta truffa fondi europei per il turismo: diverse persone coinvolte

 
dati regionali
Covid, in Basilicata durante week end 93 nuovi positivi (8 residenti in Puglia) su 1315 tamponi

Covid, in Basilicata durante week end 93 nuovi positivi (8 residenti in Puglia) su 1315 tamponi

 
L'intervista
Il cardinale Semeraro alla Gazzetta: «Anch’io sorpreso...»

Il cardinale Semeraro alla Gazzetta: «Anch’io sorpreso...»

 
L'intervista in Ostaggi Selvaggi
Pier Luigi Lopalco: «Ecco come evitare il lockdown. I posti Covid? Ci sono»

Pier Luigi Lopalco: «Ecco come evitare il lockdown. I posti Covid? Ci sono»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari tocca a te: alle 21 contro il Catania vietato fallire

Bari tocca a te: alle 21 contro il Catania vietato fallire

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaControlli dei CC
Malfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

Melfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

 
BariPaura contagio
Bari, emergenza Covid: da domani classi sdoppiate tra aula e casa

Bari, emergenza Covid: da domani classi sdoppiate tra aula e casa

 
Covid news h 24Coronavirus
Foggia, 4 poliziotti positivi al Covid: 6 agenti della Questura in isolamento

Foggia, 4 poliziotti positivi al Covid: 6 agenti della Questura in isolamento

 
Batl'intervista
Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

 
Tarantoil furto
Taranto, rubano Dpi per operatori Covid da auto Asl: «Atto deplorevole»

Taranto, rubano Dpi per operatori Covid da auto Asl: «Atto deplorevole»

 
Covid news h 24la provocazione
Taviano, #iorestoaperto: gestore cinema sfida norme Dpcm

Taviano, nuovo Dpcm: gestore cinema sfida divieto: #iorestoaperto

 
Materacontrolli della ps
Matera, si affaccia al balcone e spaccia stupefacenti: arrestato pusher 46enne

Matera, si affaccia al balcone e spaccia stupefacenti: arrestato pusher 46enne

 
Brindisiopere pubbliche
Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

 

i più letti

ricerca

Team salentino: «Così abbiamo
scoperto il nuovo pianeta»

Il risultato raggiunto da Achille Nucita, Domenico Licchelli, Francesco De Paolis, Gabriele Ingrosso e Francesco Strafella

team

di MAURO CIARDO

GALATONE - Un team di scienziati salentini scopre il pianeta extrasolare più vicino alla terra e conquista un record mondiale. Sono stati gli esperti dell’Università del Salento che lavorano per l’Istituto nazionale di astrofisica e per l’Istituto nazionale di fisica nucleare, Achille Nucita, Domenico Licchelli, Francesco De Paolis, Gabriele Ingrosso e Francesco Strafella, a scoprire che a 1240 anni luce da noi esiste un pianeta che potrebbe essere grande da tre a 16 volte la Terra.

La sua presenza è stata notata grazie a un effetto di distorsione della luce (definito microlensing) durante un’osservazione avvenuta il 31 ottobre scorso con un telescopio ubicato in via Dei Mille a Gagliano del Capo, dove ha sede l’osservatorio astronomico di Licchelli.

«Nessuno di noi ci avrebbe mai scommesso – commenta Licchelli - ma quella notte, a discapito di qualsiasi predizione, era in corso un evento di microlente. E noi potevamo dire che “c’eravamo”. Dallo studio delle caratteristiche della sorgente, il suo spettro e i suoi colori - aggiunge - è subito balzato ai nostri occhi che la stella sorgente era un oggetto posto a solo 2300-2600 anni luce di distanza. Poiché un evento di microlensing ha la maggiore probabilità di essere osservato quando la lente si trova esattamente a metà strada tra l’osservatore e la sorgente, abbiamo potuto dedurre che la curva di luce della sorgente gravitazionale che stavamo osservando era stata amplificata gravitazionalmente da una massa posta a circa 1240 anni luce dalla Terra. Questo – spiega lo scienziato - rende tale sorgente l’evento di lente gravitazionale più vicino mai osservato sino ad oggi».

Licchelli illustra anche il percorso tra le leggi della fisica che ha accompagnato il lavoro del team. «Cosa accadrebbe a un raggio di luce se passasse molto vicino ad un oggetto di grande massa? Risentirebbe della forza gravitazionale così come una mela che, a causa della forza di gravità della Terra, cade da un albero sino al suolo? Cosa vedrebbe un osservatore lontano? Nel 1911 – ricorda - Einstein si era posto queste stesse domande ed effettuò il primo calcolo della deflessione della luce da parte del Sole giungendo al risultato corretto (1,76 secondi d’arco) nel 1915. Il suo successo venne decretato nel 1919, quando Sir Arthur Eddington misurò sperimentalmente l’angolo di deflessione di un raggio di luce durante un’eclisse solare e nel 1936 Einstein pubblicò un articolo sulla rivista “Science” in cui descrisse l’effetto di lente gravitazionale prodotto da una stella su un’altra (microlensing), lo sdoppiamento delle immagini della sorgente, la loro posizione e amplificazione. Più recentemente, nel 1986 – annota - Bohdan Paczyński sostenne che l’osservazione contemporanea di decine di milioni di stelle porta a una probabilità non trascurabile di osservare degli eventi di lente gravitazionale. Noi lo abbiamo osservato».

Questo pianeta appena scoperto è stato ribattezzato «La SuperTerra di Halloween» e gli è stato dato il nome scientifico di «Feynman-01», in onore del premio Nobel per la fisica Richard Phillips Feynman.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie