Mercoledì 14 Novembre 2018 | 01:36

NEWS DALLA SEZIONE

Cade l'accusa di mafia
Traffico e spaccio di droga nel Barese: condannati in 9 affiliati al clan Palermiti

Traffico e spaccio di droga nel Barese: condannati 9 affiliati al clan Palermiti

 
La strage
Scontro treni in Puglia, per i dirigenti del MIT: «Rispettate norme sicurezza»

Scontro treni in Puglia, per i dirigenti del MIT: «Rispettate norme sicurezza»

 
L'esame autoptico
Lecce, morte on. Baldassarre, l'autopsia conferma: scompenso cardiaco acuto

Lecce, morte on. Baldassarre, l'autopsia conferma: scompenso cardiaco acuto

 
L'incidente a Torremaggiore (FG)
Foggia, imprenditrice 48enne muore schiacciata da muletto

Foggia, imprenditrice 48enne muore schiacciata da muletto

 
Premiato a Vienna
Il miglior apprendista in Europa è un brindisino: lavora nell'Enel di Cerano

Il miglior apprendista in Europa è un brindisino: lavora nell'Enel di Cerano

 
Il furto
Bari, ruba un portafoglio dal camerino del Petruzzelli: arrestato vigilante

Bari, ruba un portafoglio dal camerino del Petruzzelli: arrestato vigilante

 
Inquinamento
Pioggia acida nel Leccese, la Procura apre un'inchiesta

Pioggia acida nel Leccese, la Procura apre un'inchiesta

 
Abusi e violenze
Francavilla, nigeriano tormenta per anni una connazionale: arrestato

Francavilla Fontana, nigeriano tormenta per anni la sua ex: arrestato

 
L'appuntamento
Castrovillari-Bari, il punto con La Voce Biancorossa: segui la diretta

Castrovillari-Bari, il punto con La Voce Biancorossa: rivedi la diretta

 
L'udienza il 14 gennaio
Lecce, usò il compagno come cancellino umano, bullo rinviato a giudizio

Lecce, usò il compagno come cancellino umano, bullo rinviato a giudizio

 
Si chiamava Jaco
S.Pietro Vernotico, morto il cane bruciato vivo perché abbaiava troppo

S.Pietro Vernotico, morto il cane bruciato vivo perché abbaiava troppo

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

colpito accidentalmente da M12

Carabiniere leccese morto
durante esercitazione a Milano

Manfredonia, colto da malorein spiaggia: muore un 60enne

MILANO - Un solo colpo al petto, preciso e letale. I militari delle Api (Aliquote primo intervento) sono addestrati anche a questo, a essere veloci ed efficaci. Stavolta, però, a morire è stato un membro della squadra, l'appuntato Andrea Vizzi, di 33 anni, originario di Lecce, che si stava esercitando all’interno della caserma Montebello di via Vincenzo Monti, a Milano. L’incidente è avvenuto attorno alle 18, il gruppo si trovava in un’area di addestramento ricavata nella zona dei garage della caserma, stava mettendo a punto delle tecniche di intervento speciale. Le Api sono infatti una squadra d’élite utilizzata per le emergenze e nelle azioni di antiterrorismo, in alcune occasioni lavorano in collaborazione con altri reparti esclusivi.

La dinamica è ancora al vaglio degli investigatori ma, secondo quanto si è appreso finora, si sarebbe trattato di un colpo accidentale esploso senza alcuna intenzione di ferire. Il proiettile del fucile M12 calibro 9 ha centrato il 33enne al petto, questo è un primo indizio per ricostruire cosa è accaduto. Oltre a un elmetto speciale in kevlar con visiera, le Api indossano giubbotti antiproiettile che a «pieno carico», cioè con tutte le dotazioni, raggiungono i venti chili di peso. Il fatto che il carabiniere non lo avesse in quel momento lascia pensare che l’incidente sia avvenuto al termine della esercitazione o comunque in una fase di «riposo».

Per 40 minuti hanno provato a rianimarlo sul posto ma Vizzi è morto una volta arrivato al Policlinico. L'appuntato non era sposato e non aveva figli. Era arrivato all’Aliquota da un anno come volontario e prima era in servizio alla stazione di Arese. Il collega che gli ha sparato è stato trasportato in stato di choc all’ospedale e sarà sentito appena sarà in grado di parlare. Profondo cordoglio per la morte di Vizzi é stata espressa ai familiari e al comandante dell’Arma generale Nistri dal capo di stato maggiore della Difesa generale Graziano

E’ la prima volta che avviene un episodio così grave tra le Api, famose proprio per la preparazione esclusiva. Trascorrono quattro settimane al Coespu (Center of Excellence for Stability Police Units, ovvero il Centro di eccellenza per le Unità di polizia di stabilità) di Vicenza dove si addestrano con istruttori del Gis, poi tornano a Roma per perfezionarsi nel tiro, nelle tecniche di disarmo, nella lotta corpo a corpo, al primo soccorso e alla guida sicura. E’ previsto anche un aggiornamento all’anno con i colleghi del Gis a Livorno ma l'allenamento, come dimostra l’esercitazione alla Montebello, è continuo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400