Martedì 25 Settembre 2018 | 22:30

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

il fenomeno

Lecce, sempre più culle vuote
appena 690 nati nel 2017

Nel 2016 erano 701. In continuo calo dal 2012, quando erano 791

culle vuote

di PIERO BACCA

LECCE - Nel capoluogo calano le nascite, portando il quoziente di natalità al minimo storico di 7,2 (un simile tasso si era registrato solo nel 1998, a fronte però di una popolazione residente superiore a quella odierna).

Il riscontro emerge dando uno sguardo alle statistiche riportate da «Open data Lecce», dove è ricostruito il trend dei cambiamenti demografici a partire dal 1931 fino ad oggi.

Ebbene, nel 2017 le nascite sono state 690 (701 nel 2016) a fronte di una popolazione residente censita in 95.441 al 31 dicembre dell’anno appena trascorso. Meno “culle”, dunque, in rapporto al numero degli abitanti che dal 2009 non subisce grandi variazioni, rimanendo attestato in media attorno ai 95 mila residenti. Un “saldo” sostanzialmente stabile dovuto non solo al bilancio tra nascite e decessi, ma anche al rapporto tra emigrazione ed immigrazione, che negli ultimi dieci anni, dal 2008, è stata pressoché costante con la presenza media di circa tremila immigrati residenti.
Uno sguardo ai numeri serve a descrivere il fenomeno del decremento delle nascite, che in Italia, nell’ultimo anno, sembra aver colpito soprattutto il Lazio, con una marcata flessione del 7%

Il trend delle nascite a Lecce è in progressivo calo dal 2012, quando i “fiocchi” erano stati 791. E comunque un dato ben lontano dai picchi degli anni ‘60, durante il rilancio economico, quando a Lecce si registravano in media 1.600 nuovi nati ogni anno. Negli anni ‘70 la media è rimasta alta (circa 1.400 nuove nascite all’anno). Mentre il progressivo calo è iniziato negli anni ‘80, fino a raggiungere le 690 nascite del 2017, con un quoziente di natalità (7,2) che è meno di un terzo di quello che si registrava, ad esempio, nel 1964 (all’epoca fu di 22,3).

Il dato della natalità va letto inevitabilmente in relazione a fattori come il quadro economico-sociale, le prospettive occupazionali ed il benessere in generale. Senza dimenticare che ad incidere sul quoziente di natalità (che è il rapporto tra nuovi nati e popolazione residente) sono anche i fenomeni migratori. E proprio questi costituiscono un altro indicatore dei cambiamenti socio-demografici che il capoluogo ha attraversato negli ultimi anni. Nel 2017 gli immigrati censiti come residenti sono stati 3.263, con un quoziente di immigrazione pari a 34,2. Il picco si era raggiunto nel 2003, con la presenza di ben 8.945 immigrati ed un quoziente di 99,1. A parte questo dato, tra il 2004 ed il 2017 la presenza di immigrati nel capoluogo ha oscillato tra le 2.400 e le 3.400 unità, con la sola eccezione del 2013, quando sono stati censiti 6.806 residenti stranieri, che hanno portato il quoziente di immigrazione a 72,9. Dall’anno successivo, però, si è avuta una sorta di stabilizzazione, passando dalle 3.253 del 2014 alle 3.263 del 2017.

In rapporto all’immigrazione va letto anche il fenomeno dell’emigrazione, che appare piuttosto stabile ed in buona parte legato proprio alle presenze di cittadini stranieri, comunitari ed extracomunitari, ed alle loro dinamiche socio-lavorative. Nel 2017, hanno lasciato la residenza leccese 2.508 cittadini, per un quoziente di emigrazione di 26,3 (nel 2016 se ne erano andati, invece, 2.437 cittadini, con un quoziente di 25,7). Il picco di “emigrazione” negli ultimi 6 anni si è toccato solo nel 2012, con 3.338 “abbandoni” ed un quoziente di 37,1.

In sostanziale equilibrio, insomma, la bilancia di chi arriva e di chi parte. Che non contribuisce, però, a rilanciare il calo delle nuove nascite, ponendo Lecce in linea con il resto della nazione nel fenomeno dell’invecchiamento demografico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Bari, auto contro un muro in via Napoli: muore 26enne

Bari, auto contro un muro e si ribalta in via Napoli: muore ragazzo di 26 anni

 
Ciancio Sanfilippo, Boccia: «Non tolleriamo errori e passaggi di consegne»

Ciancio Sanfilippo, Boccia: «Non tolleriamo errori e passaggi di consegne»

 
Lezzi: «Per Matera 2019 il governo vuole completare i lavori»

Lezzi: «Per Matera 2019 governo vuole completare lavori»

 
Agguati a Bari, la richiesta di Decaro al Prefetto: «Situazione non tollerabile»

Agguati a Bari, la richiesta di Decaro al Prefetto: «Situazione non tollerabile»

 
Ciancio Sanfilippo, le parole della Procura. Solidarietà della politica pugliese alla Gazzetta

Ciancio Sanfilippo, le parole della Procura. Solidarietà della politica pugliese alla Gazzetta

 
Brindisi, litiga con il vicino e fa fuoco: arrestato per tentato omicidio

Brindisi, litiga con il vicino e fa fuoco: arrestato per tentato omicidio

 
Allarme Federalberghi: «In Puglia dilaga la piaga dell'abusivismo»

Allarme Federalberghi: «In Puglia dilaga la piaga dell'abusivismo»

 

GDM.TV

Buon compleanno Gazzetta del Mezzogiorno: gli auguri dalla Basilicata

130 anni Gazzetta Del Mezzogiorno: l'evento a Potenza

 
Arresti a Foggia e Bari per furti mezzi agricoli: l'operazione

Arresti a Foggia e Bari per furti mezzi agricoli: l'operazione

 
Bari, il coro dei 10mila che cantano: «Bari grande amore»

Stadio San Nicola, il coro dei 10mila canta: «Bari grande amore»

 
Bari, viale Traiano: è cominciata la demolizione del ponte

Viale Traiano a Bari: al via la demolizione del ponte

 
La Sancataldese in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

La Sancataldese (illusa) in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

 
Corteo anrtisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

Corteo antisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

 
Acquaviva, rapinatore di marketincastrato dalla ruggine dell'auto

Acquaviva, rapinatore di market incastrato dalla ruggine dell'auto

 
Razzismo, mazze e cinghie in scontri corteo: ferita eurodeputata

Razzismo, mazze e cinghie in scontri a corteo: ferita eurodeputata

 

PHOTONEWS