Mercoledì 19 Settembre 2018 | 07:53

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

L'assessore all'ambiente (Pd)

Appalti in cambio di voti, Caracciolo
si dimette dopo accusa di corruzione

Terremoto giudiziario per l'amministratore regionale (candidato alla Camera) per la costruzione di una scuola a Corato

Corruzione: indagato assessore Regione Puglia e candidato Pd

L’assessore all’Ambiente della Regione Puglia, Filippo Caracciolo, indagato per corruzione e turbativa d’asta, ha comunicato al governatore Michele Emiliano, la sua decisione di rimettere le deleghe. Caracciolo è candidato del Pd alla Camera in un collegio uninominale. «Tale decisione - informa una nota - è motivata esclusivamente dall’intento di tutelare l’amministrazione regionale e di consentire una serena prosecuzione delle indagini». Emiliano ha assegnato le deleghe di Caracciolo all’assessore al Bilancio, Raffaele Piemontese. 

-------------------------

di MASSIMILIANO SCAGLIARINI

BARI - Una gara d’appalto da 5,8 milioni di euro per la costruzione della nuova sede della scuola media «Giovanni XXIII» di Corato vinta da una società riconducibile all’imprenditore Massimo Manchisi, arrestato il 5 dicembre nell’ambito dell’inchiesta sull’Arca Puglia. Ed è proprio indagando sull’ex istituto delle case popolari e sui «rapporti d’affari» (la definizione è dell’accusa) dell’ex direttore generale Sabino Lupelli, anche lui arrestato, che la Procura di Bari è arrivata all’assessore regionale all’Ambiente, Filippo Caracciolo: l’appalto per quella scuola lo avrebbe truccato lui, promettendo un posto di lavoro al presidente della commissione aggiudicatrice in cambio di «assistenza elettorale» da parte dell’imprenditore.

Per questo Caracciolo, esponente del Pd, candidato alle prossime Politiche alla Camera nel collegio uninominale di Andria, è stato iscritto nel registro degli indagati per le ipotesi di corruzione e turbativa d’asta insieme a Lupelli, ai fratelli Manchisi (c’è anche Amedeo) ed al presidente della commissione di gara. E ieri la Procura, con il pm Savina Toscani, ha mandato i finanzieri del Nucleo di polizia economico finanziaria a perquisire l’ufficio e l’abitazione dell’assessore regionale barlettano, oltre che degli altri indagati, alla ricerca di documentazione.

La Procura ha infatti valorizzato una informativa di venerdì scorso con cui la Finanza ha ricostruito la vicenda. Partendo dagli esiti di un pedinamento svolto il 30 settembre: fuori da un ufficio della Regione, Caracciolo si sarebbe incontrato con il presidente della commissione aggiudicatrice, Donato Lamacchia, dirigente dell’ufficio Lavori pubblici del Comune di Barletta, cui avrebbe consegnato un foglio arancione. Caracciolo e Lamacchia avrebbero poi incontrato il direttore generale dell’Arpa Puglia, Vito Bruno: secondo l’accusa, in cambio dell’interessamento per pilotare l’appalto a favore della società di Manchisi, Caracciolo avrebbe promesso a Lamacchia il passaggio presso l’Agenzia regionale per l’ambiente.

Nei mesi precedenti all’arresto, la Finanza ha monitorato gli spostamenti di Lupelli ed il 3 novembre scorso ha documentato un pranzo tra l’ex dg, Caracciolo e Manchisi presso il ristorante «Tabula Rasa» di Bari: qui, per l’accusa, si sarebbe discusso dell’imminente seduta di gara programmata per il giorno 8. Gara che si è conclusa con l’aggiudicazione a un’associazione temporanea di imprese composta dal consorzio Consital di cui fa parte la Caementarius. Tuttavia la gara è stata impugnata davanti al Tar dalla seconda classificata, e proprio questa circostanza ha indotto la Procura a intervenire: la commissione di gara (la Finanza ha perquisito anche il Rup e gli altri due componenti, pur non indagati) sta infatti predisponendo una relazione per gli avvocati del Comune di Corato, e dunque potrebbe - in astratto - modificare gli atti, mentre d’altro canto una richiesta di proroga delle indagini ha fatto sì che sia Lupelli che Massimo Manchisi sappiano di questo nuovo filone di indagine.

L’inchiesta sull’Arca è deflagrata il 5 dicembre scorso con una serie di arresti: quello di Lupelli e di due imprenditori, Antonio Lecce e Massimo Manchisi, per l’accusa di corruzione, ma anche quello dell’avvocato Fabio Mesto e della cancelliera Teresa Antonicelli per il tentativo di carpire informazioni sull’inchiesta in corso attraverso l’accesso abusivo agli archivi della Procura. Nell’interrogatorio di garanzia, Lupelli ha respinto l’accusa di aver preso mazzette ammettendo solo di aver accettato buoni benzina. Già nell’ordinanza di dicembre, apparivano almeno sette incontri tra Caracciolo, Massimo Manchisi e Lupelli, compresa una serie di pranzi tra i tre pagati sempre dall’imprenditore cui l’assessore - secondo l’accusa - avrebbe garantito un appalto sicuro in cambio di aiuto per la campagna elettorale.

EMILIANO: FIDUCIA IN CARACCIOLO, CHIARIRA' - Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, esprime la sua «personale fiducia sul fatto" che l’assessore regionale all’Ambiente, Filippo Caracciolo, indagato per corruzione e turbativa d’asta, «chiarirà completamente ogni dubbio sollevato dall’Autorità giudiziaria sulla sua condotta». 
«La cultura istituzionale e politica della quale Filippo Caracciolo è portatore - aggiunge Emiliano - lo ha indotto a tutelare le istituzioni che rappresenta prima di ogni altra cosa». «E non posso - conclude - che apprezzare questo gesto che contribuisce a consentire una, mi auguro, rapida conclusione delle indagini senza turbare la regolare attività della giunta regionale». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Bari, agguato al rione Madonnellaspari tra la gente: un giovane a terra

Bari, agguato al rione Madonnella
spari tra la gente: ferito un giovane

 
Test Medicina 2018, i risultati sono online: ecco gli esiti di Bari

Test Medicina a Bari, i punteggi: su 2737 candidati c'è chi ha totalizzato -0,2 I risultati  

 
Furto nelle tenute di Al Bano, rubati vino, robot per la piscina e un'affettatrice

Furto nelle tenute di Al Bano, rubati vino, robot per la piscina e un'affettatrice

 
Spiagge in Puglia più accessibili per disabili, Capone: «Conquista di civiltà»

Spiagge pugliesi più accessibili per disabili, Capone: «Conquista di civiltà»

 
Cyberbullismo, sportelli di ascolto nelle scuole: ecco le contromisure

Cyberbullismo, sportelli di ascolto nelle scuole: ecco le contromisure della Puglia

 
Ricerca, 4 milioni per i cervelli che tornano al sud

Ricerca, 4 milioni per i cervelli che tornano al sud

 
Emiliano

Fal, Emiliano "ha rifiutato" incontro con Toninelli: è scontro tra i due

 
Cura sperimentale in Usa per bimba malata grazie ai fondi raccolti in Salento

Cura sperimentale in Usa per bimba malata grazie ai fondi raccolti in Salento

 

GDM.TV

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 
Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

 
Bari, anziano cade in un pozzoil salvataggio dei Vigili del fuoco

Bari, anziano cade in un pozzo
il salvataggio dei Vigili del fuoco Vd

 
Bari, il raduno dei bikers:moto, birra e tanta musica IL VIDEO

Bari, il raduno dei bikers: moto,
birra e tanta musica fino a sera

 
Grave incidente in via Barisano da Trani: motociclista in codice rosso

Grave incidente in via Barisano da Trani: motociclista in codice rosso

 
Pace fatta tra Emiliano e Nunziante, il governatore: «Grazie Tonino»

Pace fatta tra Emiliano e Nunziante, il governatore: «Grazie Tonino» VD

 

PHOTONEWS