Martedì 23 Aprile 2019 | 02:23

NEWS DALLA SEZIONE

arresto da Reggio Calabria
Scommesse, preso a Malta un barese: era ricercato da novembre

Clan scommesse, preso a Malta un barese: era ricercato da novembre

 
Degrado in città
Bari, cassonetti strapieni in C.so Vittorio Emanuele: denunciati 2 commercianti

Bari, cassonetti strapieni in C.so Vittorio Emanuele: denunciati 2 commercianti

 
Il caso
Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

 
I controlli su strada
S. Pancrazio Salentino, beccato con mazza da baseball in auto: denunciato

S. Pancrazio Salentino, beccato con mazza da baseball in auto: denunciato

 
A Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
Gli eventi in città
Bari, domenica c'è il Gran Premio: occhio ai divieti anche per il Bif&st

Bari, domenica c'è il Gran Premio: occhio ai divieti anche per il Bif&st

 
Il ciak
Cambio set per Checco Zalone: da Gravina si sposta ad Acquaviva

Cambio set per Checco Zalone: da Gravina si sposta ad Acquaviva

 
Tutela ambientale
Lecce, scatta il divieto di accensione dei fuochi e barbecue nei boschi

Lecce, scatta il divieto di accensione dei fuochi e barbecue nei boschi

 
Stalking
Brindisi, molestava l'ex compagna e la figlioletta: arrestato 48enne

Brindisi, molestava l'ex compagna e la figlioletta: arrestato 48enne

 
La tragedia
Monopoli, si soffoca con un boccone di carne: morto 26enne

Monopoli, si soffoca con un boccone di carne: morto 26enne

 
Il colpo di fortuna
Mola, tra i rifiuti trova gratta e vinci fortunato: 100mila euro a ex pescatore

Mola, tra i rifiuti trova gratta e vinci fortunato: 100mila euro a ex pescatore

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
TarantoIl caso
Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

 
BrindisiMolestie in famiglia
Turturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

Tuturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

 
LecceA Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 

Eni dopo la chiusura

Centro Oli Viggiano, le analisi
sulle falde: nessun inquinamento

«Nessuna contaminazione delle falde acquifere dalle quali proviene l’acqua a uso civile».

centro oli Eni Viggiano

Ad oggi, «conclusi tutti i lavori imposti dalla delibera della Regione Basilicata», con cui lo scorso 15 aprile fu disposta la chiusura del Centro Oli Val d’Agri (Cova), a Viggiano (Potenza), l’Eni ha accertato che non c'è «nessuna contaminazione delle falde acquifere dalle quali proviene l’acqua a uso civile». In un incontro con la stampa è stato anche reso noto che sono state recuperate circa 300 tonnellate di idrocarburi sulle 400 sversate.

«L'Eni auspica» che l'autorizzazione da parte della Regione Basilicata per la riapertura del Centro Oli Val d’Agri «arrivi il prima possibile": da quel momento, ci vorrebbe circa una settimana per riavviare la produzione di petrolio. Il Cova è chiuso dallo scorso 15 aprile: fino ad ora l’Eni ha perso circa 200 milioni di euro.

Parlando con i giornalisti, stamani, a Viggiano, il responsabile del coordinamento progetti Val d’Agri, Walter Rizzi, e la responsabile del Distretto meridionale Eni, Francesca Zarri, hanno evidenziato che «ad oggi non c'è nessuna contaminazione da composti organici aromatici oltre la fine della linea di drenaggio» e che «non c'è nessuna fuoriuscita di idrocarburi all’esterno dell’area industriale». La compagnia petrolifera ha inoltre accertato che la fuoriuscita di greggio è stata causata da un foro di circa 24 millimetri scoperto nel serbatoio D, per il quale lo scorso 22 maggio sono terminati i lavori di realizzazione del doppiofondo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400