Martedì 22 Gennaio 2019 | 20:36

NEWS DALLA SEZIONE

Dal Montenegro in Puglia
Contrabbando bionde in Puglia, dopo 25 anni prescritta anche associazione mafiosa

Contrabbando bionde in Puglia, dopo 25 anni prescritta anche associazione mafiosa

 
L'iniziativa
Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

 
La decisione
Regione, Emiliano conferma Di Gioia: è di nuovo assessore all'Agricoltura

Regione, Emiliano conferma Di Gioia: è di nuovo assessore all'Agricoltura

 
il salvataggio dell'Aeronautica
Foggia, bimba in pericolo di vita trasportata d'urgenza con Falcon 50 Aeronautica

Foggia, bimba in pericolo di vita trasportata d'urgenza con Falcon 50

 
IL BARLETTANO DAGOSTINO
Fatture false, il «re degli outlet» valuta se usare pace fiscale

Fatture false, il «re degli outlet» valuta se usare pace fiscale

 
Per stalking
Picchiata perché russava e minacciata con video osé da pubblicare online: barese fa arrestare l'ex marito

Picchiata perché russava e minacciata con video osé da diffondere: barese fa arrestare ex marito

 
Il caso
Bari, nuovo «no» della Procura al salvataggio di Interporto

Bari, altro «no» della Procura al salvataggio di Interporto

 
Capitale della Cultura
Matera 2019, la Fondazione: «Bilancio dell'inaugurazione fantastico»

Matera 2019, la Fondazione: «Bilancio dell'inaugurazione fantastico»

 
Il riconoscimento
Xylella, ingegnere di Conversano premiato: ecco la macchina per uccidere la sputacchina

Xylella, ingegnere di Conversano premiato: ecco la macchina per uccidere la sputacchina

 
Truffa aggravata
Barletta: chiedeva soldi per riviste del corpo, arrestato falso finanziere

Barletta: chiedeva soldi per riviste del corpo, arrestato falso finanziere

 

comitato salentino del no

Forni crematori
«La Regione fermi tutto»

progetto forno crematorio

BOTRUGNO - La guerra sui forni crematori ha inizio a colpi di diffide e appelli. Altair srl, la società capofila del progetto di Botrugno, ha conferito mandato ad un legale per chiedere a Provincia di Lecce e Comune di Scorrano di astenersi dall’autorizzare il project financing presentato dalla Leucci srl in quest’ultimo comune, che non compare tra quelli individuati come idonei a ospitare impianti. Una moratoria complessiva, invece, è stata chiesta da chi si batte contro il tempio di Botrugno, dopo la notizia di ulteriori progetti a Scorrano e Copertino. «Le amministrazioni propinano queste iniziative come occasioni irrinunciabili, asserendo facili guadagni per le casse comunali. Progetti a pioggia nel Salento. Una situazione speculare a quella veneta, dove simili investimenti in project financing sono spuntati come funghi, tanto da costringere il Consiglio regionale al blocco delle autorizzazioni a nuovi impianti di cremazione fino alla fine del 2018, in attesa che la giunta regionale effettui uno studio sulle ricadute delle emissioni sulla salute della popolazione e sull’ambiente».

Il Comitato «No al Forno Crematorio di Botrugno e il Movimento Civico ApertaMente ne sono convinti: queste strutture «rappresentano un ragionevole pericolo sanitario ed ambientale. La gente si ammala di cancro ed alcuni amministratori non si pongono scrupoli ad autorizzare impianti “inquinanti a norma di legge” come i forni crematori».
Si chiede una stretta sulle autorizzazioni e si invita la Regione Puglia a fare come il Veneto. «Fa strano notare - continuano gli attivisti - come la proposta di tali progetti provenga da aziende costituite ad hoc, inattive e con capitale sociale irrisorio, come nel caso di Scorrano».

A Botrugno, si attende il tavolo tecnico durante il quale vagliare eventuali criticità. Se non ce ne saranno, come annunciato pubblicamente dal sindaco Pasquale Barone, saranno comunque i cittadini ad avere l’ultima parola, attraverso un referendum, «del quale, tuttavia – ribadiscono dal comitato – non c’è ancora un regolamento, a distanza di un anno».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400