Martedì 17 Settembre 2019 | 11:00

NEWS DALLA SEZIONE

Nella notte
Foggia, danneggiata auto assessore: terza intimidazione al Comune

Foggia, danneggiata auto assessore: terza intimidazione al Comune

 
Verso il 2020
Regionali, Emiliano: niente primarie, la candidatura tocca a me

Regionali, Emiliano: niente primarie, la candidatura tocca a me

 
L'inchiesta
Foggia, truffa fondi Ue: sequestrati beni, interdetti 5 imprenditori

Foggia, truffa fondi Ue: sequestrati beni, interdetti 5 imprenditori

 
L'inchiesta
Cerignola, olio di semi spacciato per extra vergine: arresti e sequestri in Puglia e Toscana

Cerignola, olio di semi spacciato per extra vergine: arresti e sequestri in Puglia e Toscana

 
Operazione Armonica
Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti

Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti

 
Incastrata dai filmati
Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

 
Serie A
Calcio, Torino - Lecce:

Calcio, Torino - Lecce: affondo dei giallorossi, battono il Toro 2-1

 
Serie C
Calcio, Bari-Reggina:

Calcio, Bari-Reggina: finisce 1-1. Gol di Sabbione

 
I dati
Imprese, vola l'export della Puglia verso Bulgaria e Ucraina: + 68%

Imprese, vola l'export della Puglia verso Bulgaria e Ucraina: + 68%

 
Il bando
Servizio civile all'Università di Bari: 118 posti per giovani volontari

Servizio civile all'Università di Bari: 118 posti per giovani volontari

 
Giustizia svenduta
«Sistema Trani», magistrati arrestati: ex pm Nardi rinviato a giudizio

«Sistema Trani», magistrati arrestati: l'ex pm Nardi rinviato a giudizio

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio, Bari-Reggina:

Calcio, Bari-Reggina: finisce 1-1. Gol di Sabbione

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaNella notte
Foggia, danneggiata auto assessore: terza intimidazione al Comune

Foggia, danneggiata auto assessore: terza intimidazione al Comune

 
LecceOperazione Armonica
Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti

Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti

 
BrindisiIncastrata dai filmati
Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

 
BariIl bando
Servizio civile all'Università di Bari: 118 posti per giovani volontari

Servizio civile all'Università di Bari: 118 posti per giovani volontari

 
MateraNel Materano
Frana Pomarico, Bardi: «In arrivo un piano specifico per le nuove case»

Frana Pomarico, Bardi: «In arrivo un piano specifico per le nuove case»

 
Tarantonel tarantino
Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

 
BatL'evento
Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

 
PotenzaLa challenge
Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

 

i più letti

comitato salentino del no

Forni crematori
«La Regione fermi tutto»

progetto forno crematorio

BOTRUGNO - La guerra sui forni crematori ha inizio a colpi di diffide e appelli. Altair srl, la società capofila del progetto di Botrugno, ha conferito mandato ad un legale per chiedere a Provincia di Lecce e Comune di Scorrano di astenersi dall’autorizzare il project financing presentato dalla Leucci srl in quest’ultimo comune, che non compare tra quelli individuati come idonei a ospitare impianti. Una moratoria complessiva, invece, è stata chiesta da chi si batte contro il tempio di Botrugno, dopo la notizia di ulteriori progetti a Scorrano e Copertino. «Le amministrazioni propinano queste iniziative come occasioni irrinunciabili, asserendo facili guadagni per le casse comunali. Progetti a pioggia nel Salento. Una situazione speculare a quella veneta, dove simili investimenti in project financing sono spuntati come funghi, tanto da costringere il Consiglio regionale al blocco delle autorizzazioni a nuovi impianti di cremazione fino alla fine del 2018, in attesa che la giunta regionale effettui uno studio sulle ricadute delle emissioni sulla salute della popolazione e sull’ambiente».

Il Comitato «No al Forno Crematorio di Botrugno e il Movimento Civico ApertaMente ne sono convinti: queste strutture «rappresentano un ragionevole pericolo sanitario ed ambientale. La gente si ammala di cancro ed alcuni amministratori non si pongono scrupoli ad autorizzare impianti “inquinanti a norma di legge” come i forni crematori».
Si chiede una stretta sulle autorizzazioni e si invita la Regione Puglia a fare come il Veneto. «Fa strano notare - continuano gli attivisti - come la proposta di tali progetti provenga da aziende costituite ad hoc, inattive e con capitale sociale irrisorio, come nel caso di Scorrano».

A Botrugno, si attende il tavolo tecnico durante il quale vagliare eventuali criticità. Se non ce ne saranno, come annunciato pubblicamente dal sindaco Pasquale Barone, saranno comunque i cittadini ad avere l’ultima parola, attraverso un referendum, «del quale, tuttavia – ribadiscono dal comitato – non c’è ancora un regolamento, a distanza di un anno».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie