Domenica 25 Luglio 2021 | 10:57

NEWS DALLA SEZIONE

l'emergenza
Il Green pass frena le prenotazioni

Il Green pass frena le prenotazioni

 
un caso inquietante
Taranto, violenze su una disabile: sospesi 8 autisti dell'Amat

Taranto, violenze su una disabile: sospesi 8 autisti dell'Amat

 
Il caso
Nardò, in centinaia a ballare senza mascherina: 5 giorni di chiusura per il Ficodindia

Nardò, in centinaia a ballare senza mascherina: 5 giorni di chiusura per il Ficodindia

 
Lotta al virus
Green pass, in Puglia schizzano le richieste di prenotazioni per i vaccini: +131%

Green pass, in Puglia schizzano le richieste di prenotazioni per i vaccini: +131%

 
L'incendio
Bari, rogo in azienda edile tra San Paolo e zona Stanic

Bari, rogo in azienda edile tra San Paolo e zona Stanic

 
L'inchiesta
Bari, in 29 «omissis» le verità dell’ex gip De Benedictis

Bari, in 29 «omissis» le verità dell’ex gip De Benedictis

 
Il bollettino nazionale
Covid in Italia, 5.140 nuovi casi e 5 morti nelle ultime 24 ore

Covid in Italia, 5.140 nuovi casi e 5 morti nelle ultime 24 ore

 
Il caso
Venosa, tenta di cambiare soldi falsi: arrestato dai Carabinieri

Venosa, tenta di cambiare soldi falsi: arrestato dai Carabinieri

 
Lotta al virus
Covid, l'appello di Bardi: «in Basilicata 16 ricoverati, 15 non vaccinati»

Covid, l'appello di Bardi: «in Basilicata 16 ricoverati, 15 non vaccinati»

 

Il Biancorosso

Sport
Focolaio tra i giocatori del Bari: predisposto il trasferimento dei 9 positivi

Focolaio tra i giocatori del Bari: predisposto il trasferimento dei 9 positivi

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccemobilità
Niente biglietti domani nelle stazioni di Foggia, San Severo, Bari e Lecce

Niente biglietti domani nelle stazioni di Foggia, San Severo, Bari e Lecce

 
LecceIl caso
Nardò, in centinaia a ballare senza mascherina: 5 giorni di chiusura per il Ficodindia

Nardò, in centinaia a ballare senza mascherina: 5 giorni di chiusura per il Ficodindia

 
PotenzaAmbiente
Turismo, San Fele ci spera: «Vanno aperte tutte le cascate»

Turismo, San Fele ci spera: «Vanno aperte tutte le cascate»

 
MateraL'accordo
Comuni: firmata intesa Maratea-Matera, programmi comuni

Comuni: firmata intesa Maratea-Matera, programmi comuni

 
Brindisiambiente
Brindisi, serbatoio Edison Gnl: No del Comune è danno per l’ambiente e la Puglia

Brindisi, serbatoio Edison Gnl: No del Comune è danno per l’ambiente e la Puglia

 
TarantoAmbiente
Taranto, video-trappole in azione contro gli incivili

Taranto, video-trappole in azione contro gli incivili

 
BatOra è in cella
Barletta, detenuto ai domiciliari coltivava droga

Barletta, detenuto ai domiciliari coltivava droga

 

i più letti

Venosa

È «allergico alla modernità»
malattia vera, non riconosciuta

di Giovanni Rivelli

VENOSA - Lui a Babbo Natale saprebbe cosa chiedere: una casa normale, un lavoro normale, una vita normale. E invece non è così. Perché la persona di cui vi parleremo, un venosino di circa 35 anni, è ammalato di... allergia alla modernità e in questo tempo, fa fatica a vivere.

Non una posizione filosofica o culturale, la sua, ma un disturbo di salute vero e proprio: un «sensibilità chimica ed elettromagnetica linfocitaria - la definisce il prof. Giuseppe Genovesi del policlinico Umberto I di Roma - che evidenzia differenze di valori prima e dopo l’esposizione a campi elettrici che variano per benzoato, stagno feninfenolo». Fatti che si traducono in astenia, dolori, stato confusionale, ronzii alle orecchie, tachicardia, ipertensione, eritemi, perdita di coscienza e altri effetti nei casi di «esposizione a campi elettromagnetici, pc fissi e portatili, cellulari, wi-fi, ripetitori radiotelefonici, server bluetooth e qualsiasi altra apparecchiatura elettrica che genera campi elettomagnetici».

La conseguenza è che in un mondo come quello di oggi il povero malcapitato è costretto praticamente a scappare da tutto. E se tutti, ad esempio, cercano zone dove lo smartphone abbia campo, lui è costretto a rifugiarsi in quelle poche aree dove tali reti non sono presenti. «Negli ultimi tempi - spiega l'avvocato Donato Bellasalma che ha preso a cuore la vicenda - ha dormito in macchina , in campagna o in alloggi di fortuna lontano da elettricità e da onde elettromagnetiche». Spesso il suo rifugio è una zona boschiva a nei pressi del paese dove non va nessuno e, almeno per il momento, i segnali elettrici non sono così forti. Ma pensare ad una vita normale è impossibile.

«La sua malattia non è riconosciuta in Italia - per la qualcosa vive una condizione di estremo disagio. morale, sociale ed economico. La famiglia si è letteralmente dissanguata per le cure». Così il comune ha predisposto un bando per cercare una casa idonea (in una posizione defilata o schermata e senza reti interne) ma i problemi non sono risolti. Perché, chiaramente, quella casa rischia di diventare la sua prigione: non può andare a lavorare e nemmeno a fare la spesa. Ha bisogno di assistenza, ma quella malattia, che in Francia, ad esempio, dà diritto a cure e in alcuni Paesi scandinavi porta alla pensione, qui non è riconosciuta. È solo un allergico alla modernità. Una modernità in cui puoi stare anche male, ma senza l’adeguata certificazione burocratica, resti solo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie