Giovedì 01 Ottobre 2020 | 13:27

NEWS DALLA SEZIONE

nel Barese
Santeramo, insospettabile aveva in casa e in negozio droga e armi illegali: arrestato

Santeramo, insospettabile aveva in casa e in negozio droga e armi illegali: arrestato

 
Regione
Puglia, per i Consorzi di bonifica altri 24 milioni di buco

Puglia, per i Consorzi di bonifica altri 24 milioni di buco

 
Il caso
PopBari, le verità di Vito Fusillo: «Mi dissero: vendi, oppure fallirai»

PopBari, le verità di Vito Fusillo: «Mi dissero: vendi, oppure fallirai»

 
il bollettino
Coronavirus, in Basilicata 33 nuovi positivi su 939 tamponi. A Venosa scuole chiuse per 15 giorni

Coronavirus, in Basilicata 33 positivi su 939 tamponi. A Venosa scuole chiuse per 15 giorni

 
L'annuncio
Xylella, Coldiretti: a Monopoli gli ulivi infetti salgono a 60

Xylella, Coldiretti: a Monopoli gli ulivi infetti salgono a 60

 
Giustizia
Polo giudiziario a Bari, c'è la firma per dare il via libera al primo lotto alla «Casermette»

Polo giudiziario a Bari, c'è la firma per dare il via libera al primo lotto alla «Casermette»

 
Il decreto
Taranto, il Consiglio di stato congela le stabilizzazioni al Cup. Forza Italia: atto per drenare voti

Taranto, il Consiglio di stato congela le stabilizzazioni al Cup. Forza Italia: atto per drenare voti

 
allo svincolo per Carbonara
Bari, scontro tra moto e due auto in tangenziale: feriti, traffico in tilt

Bari, scontro tra moto e due auto in tangenziale: tra i feriti donna incinta, traffico in tilt

 
La vicenda
Duplice omicidio Lecce, comandante dei Ros: «Indizi cruciali grazie a lavoro di squadra»

Duplice omicidio Lecce, comandante dei Ros: «Indizi cruciali grazie a lavoro di squadra»

 
al via del mare
Lecce, in Coppa Italia avanti col minimo sforzo: nel prossimo turno c'è il Torino

Lecce, in Coppa Italia avanti col minimo sforzo: nel prossimo turno c'è il Torino

 
nel Barese
Monopoli, mascherine obbligatorie anche davanti alle scuole: sindaco firma ordinanza

Monopoli, mascherine obbligatorie anche davanti alle scuole: sindaco firma ordinanza

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barinel Barese
Santeramo, insospettabile aveva in casa e in negozio droga e armi illegali: arrestato

Santeramo, insospettabile aveva in casa e in negozio droga e armi illegali: arrestato

 
LecceNel Salento
Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

 
TarantoIl decreto
Taranto, il Consiglio di stato congela le stabilizzazioni al Cup. Forza Italia: atto per drenare voti

Taranto, il Consiglio di stato congela le stabilizzazioni al Cup. Forza Italia: atto per drenare voti

 
BatIl virus
Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

 
PotenzaIndustria
Balvano, Ferrero raddoppia dopo il successo Nutella Biscuits

Balvano, Ferrero raddoppia dopo il successo Nutella Biscuits

 
Foggiatra carapelle e orta nova
Frontale fra due auto nel Foggiano: 7 feriti, alcuni in gravi condizioni

Frontale fra due auto nel Foggiano: 8 feriti, alcuni in gravi condizioni

 
Materadalla polizia
Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

 
BrindisiLa vicenda
Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

 

i più letti

Lo studio del Ministero della salute

Ilva, i dati su malattie e inquinamento
«Taranto non supera Roma»

Il confronto fatto tra le aree più esposte all'Ilva di Taranto e altri contesti con aree non impattate dalle emissioni del siderurgico

Taranto - «Gli inquinanti genotossici aerodispersi analizzati» presentano per Taranto «un carico non superiore a quello di Roma, almeno relativamente alle aree coperte dalle stazioni di campionamento». E’ il punto fermo dello studio (238 pagine) presentato a Roma dal ministero della Salute e dall’Istituto superiore di sanità in collaborazione con l’Asl di Taranto, l’Arpa Puglia, l’Ares Puglia, la Regione Emilia Romagna e l’Azienda provinciale per i servizi sanitari della Provincia autonoma di Trento. Scopo del progetto, strutturato con quattro obiettivi, la «valutazione dell’esposizione di gruppi di popolazione residente in aree della città di Taranto prossime allo stabilimento Ilva a confronto con aree non impattate dalle emissioni dell’Ilva stessa». Questo per valutare il «possibile impatto sulla salute riproduttiva femminile e su funzioni cognitive in popolazioni pediatrice in considerazione della molteplicità di inquinanti rilevati a Taranto».
Il campionamento ha riguardato da un lato 60-80 donne con diagnosi certa di endometriosi e altre 60-80 che si sono sottoposte a laparoscopia per altri motivi sanitari e 299 bambini, in età scolare, dai 6 agli 11 anni, «suddivisi equamente fra maschi e femmine e residenti in aree a distanza incrementale dalla zona di emissione industriale, con la zona Tamburi, più vicina alle sorgente emissive, Statte-Paolo-VI-Taranto, e l’area di Talsano più lontana».
Fatta poi una comparazione tra Taranto e Roma attraverso quattro siti di indagine: Roma, viale Regina Elena; Viterbo, area rurale; Taranto, via Machiavelli nel rione Tamburi a Taranto; Statte. Il comune di Statte e i Tamburi sono in prossimità dello stabilimento Ilva.

Per quanto riguarda l’esposizione a metalli con proprietà neurotossiche in fluidi e tessuti di soggetti in età evolutiva (6-11 anni), lo studio dell’Iss di biomonitoraggio e tossicità degli inquinanti presenti a Taranto "ha permesso di rilevare una situazione di potenziale presenza di disturbi clinici e preclinici del neurosviluppo nell’area di Taranto, non riconosciuti e non adeguatamente sottoposti ad interventi preventivi, terapeutici e riabilitativi».
«Il 15% di potenziali diagnosi cliniche osservato nel campione esaminato, basato per definizione su soggetti supposti sani, indica l’opportunità di ulteriori approfondimenti diagnostici ed epidemiologici. Si tratta comunque - conclude lo studio - di un risultato in linea con i dati epidemiologici mondiali sulle patologie del neurosviluppo comprendenti autismo, ADHD, disturbi dell’apprendimento e del comportamento, che interessano il 10-15% delle nascite. I disturbi osservati sono maggiormente evidenti nelle aree in prossimità delle emissioni industriali considerate ed in funzione inversa rispetto alla distanza dalle sorgenti, calcolata in riferimento ai camini di emissione dell’ILVA, nelle cui adiacenze insistono anche una raffineria ed un cementificio».

EMILIANO: RITARDO FATTO GRAVISSIMO - «In collaborazione con la Asl di Taranto si è dimostrato che i metalli pesanti inducono un ritardo dello sviluppo mentale dei bambini di Taranto e questo è un fatto gravissimo. E’ una notizia di una gravità senza precedenti. Ovviamente lo studio registra, anche in corrispondenza con quanto accertato dai magistrati e dalla Regione Puglia in collaborazione con la Regione Lazio, che quando la fabbrica abbassa i livelli di produzione, come è stato nel 2015 e nel 2016, i dati sull'inquinamento sono ovviamente inesistenti o molto bassi». Lo afferma il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che ha partecipato al convegno dell’Istituto Superiore di Sanità a Roma su «Studi di biomonitoraggio e tossicità degli inquinanti presenti nel territorio di Taranto».
«Si tratta dunque di uno studio molto importante e molto interessante - spiega Emiliano - che conferma tutta la nostra preoccupazione su quello che sta succedendo in città. Ribadiamo la nostra richiesta che la sanità tarantina venga particolarmente sostenuta con un intervento speciale di natura economica, ma anche normativa, che ci consenta di fronteggiare con maggiori disponibilità di forze una mitragliatrice che spara sulla folla. Ecco, questo è stata l’Ilva in questi anni».
«Siamo particolarmente indignati da quanto è accaduto - ha continuato Emiliano - perché i 50 milioni destinati al rafforzamento della sanità tarantina si sarebbero potuti ripristinare nel corso dell’esame al Senato, così come affermato da Renzi e De Vincenti, se non fosse stata messa la fiducia poche ore fa e quindi quell'emendamento che avevano promesso non è più possibile».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie