Lunedì 24 Settembre 2018 | 15:04

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Brindisi

Polveri carbone Enel: pm chiede
13 condanne e 2 prescrizioni

Polveri carbone Enel: pm chiede  13 condanne e 2 prescrizioni

BARI - Il pm della procura di Brindisi, Giuseppe De Nozza, ha chiesto al termine della propria requisitoria la condanna a 3 anni di reclusione per 13 dei 15 imputati nel processo per la diffusione di polvere di carbone dal nastro trasportatore e dal carbonile della centrale Enel Federico II di Cerano (Brindisi).

Solo per Sandro Valery - responsabile pro tempore area business Enel Produzione - e per Luciano Mirko Pistillo, due dei 13 manager Enel a processo insieme a due imprenditori locali, la pubblica accusa ha invocato la pronuncia di non doversi procedere per estinzione dei reati per prescrizione.

Il processo è iniziato nel dicembre del 2012. Le persone coinvolte rispondono di danneggiamento e di getto pericoloso di cose. 

Il pm, a conclusione del dibattimento, ha ritenuto che non vi siano ragioni per riconoscere agli imputati le attenuanti generiche.
Le indagini sono state condotte dalla Digos di Brindisi che ha acquisito le denunce di alcuni agricoltori che posseggono dei terreni a Cerano, non lontano dalla centrale e dal percorso del nastrotrasportatore, lungo 13 chilometri. Secondo l’accusa vi sarebbe stato l’imbrattamento e l’insudiciamento dei campi e delle colture provocato dalla fuoriuscita di polveri di carbone.

I capi di imputazione, che riguardavano fatti relativi al 2009 e al 2010, sono stati estesi nel corso del dibattimento fino al novembre 2013. Parti civili nel processo sono il Comune e la Provincia di Brindisi e le associazioni Greenpeace, Salute pubblica, Legambiente, Medicina democratica, No al Carbone, oltre ai numerosi proprietari dei terreni vicini alla centrale. Responsabili civili sono Enel Produzione e le ditte Cannone e Nubile di Brindisi. 

Il pm, a conclusione del dibattimento, ha ritenuto che non vi siano ragioni per riconoscere agli imputati le attenuanti generiche.
Le indagini sono state condotte dalla Digos di Brindisi che ha acquisito le denunce di alcuni agricoltori che posseggono dei terreni a Cerano, non lontano dalla centrale e dal percorso del nastrotrasportatore, lungo 13 chilometri. Secondo l’accusa vi sarebbe stato l’imbrattamento e l’insudiciamento dei campi e delle colture provocato dalla fuoriuscita di polveri di carbone.

I capi di imputazione, che riguardavano fatti relativi al 2009 e al 2010, sono stati estesi nel corso del dibattimento fino al novembre 2013. Parti civili nel processo sono il Comune e la Provincia di Brindisi e le associazioni Greenpeace, Salute pubblica, Legambiente, Medicina democratica, No al Carbone, oltre ai numerosi proprietari dei terreni vicini alla centrale. Responsabili civili sono Enel Produzione e le ditte Cannone e Nubile di Brindisi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Bari, sparatoria a Carbonara: un morto e un ferito

Bari, inseguimento con sparatoria per strada: un morto e un ferito grave VD

 
Sanitopoli lucana, Pittella torna libero

Sanitopoli lucana, Pittella torna libero

 
Catania, sequestro di beni all'editore Mario Ciancio

Catania, sequestrati 150 milioni di beni all'editore Mario Ciancio
«Patrimonio frutto del mio lavoro»

 
Ruvo, scoperto supermarket della droga: arrestata coppia di pusher

Ruvo, scoperto supermarket della droga: arrestata coppia di pusher

 
Ilva, il sindaco Melucci: «Inizia una nuova fase con la grande industria»

Ilva, il sindaco Melucci: «Inizia una nuova fase con la grande industria»

 
Matera, da casa di un boss a laboratorio culturale in 3D per ragazzi

Matera, un laboratorio culturale al posto della casa confiscata al boss: il progetto

 
Gara di tuffi: in 70mila a Polignano per il trionfo di Gary Hunt

Gara di tuffi: in 70mila a Polignano per il trionfo di Gary Hunt

 
Foggia, l’ora dei dubbi: Mercoledì col Padova a caccia del riscatto

Foggia, l’ora dei dubbi: Mercoledì col Padova a caccia del riscatto

 

GDM.TV

Bari, il coro dei 10mila che cantano: «Bari grande amore»

Stadio San Nicola, il coro dei 10mila canta: «Bari grande amore»

 
Bari, viale Traiano: è cominciata la demolizione del ponte

Viale Traiano a Bari: al via la demolizione del ponte

 
La Sancataldese in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

La Sancataldese (illusa) in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

 
Corteo anrtisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

Corteo antisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

 
Acquaviva, rapinatore di marketincastrato dalla ruggine dell'auto

Acquaviva, rapinatore di market incastrato dalla ruggine dell'auto

 
Razzismo, mazze e cinghie in scontri corteo: ferita eurodeputata

Razzismo, mazze e cinghie in scontri a corteo: ferita eurodeputata

 
Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 
Bari, arsenale d'armi sepolto nel terreno :sequestrate 6 pistole e 100 munizioni

Bari, scoperto arsenale sepolto in un terreno sulla statale 100 VIDEO

 

PHOTONEWS