Venerdì 22 Marzo 2019 | 01:36

NEWS DALLA SEZIONE

L'omicidio
Mattinata, ammazzata a fucilate vicino casa boss del clan Romito

Mattinata, boss clan Romito ammazzato a fucilate vicino casa

 
Comune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
L'intervista
Parla Piero Ignazi:«Al Sud la Lega attrarrà voti da Fi e M5S»

Parla Piero Ignazi:«Al Sud la Lega attrarrà voti da Fi e M5S»

 
La foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Il torneo
Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

 
Subentra a Carmine Esposito
Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

 
Ambiente
Anche Al Bano aderisce alla campagna della Regione per dire «No alla plastica»

Anche Al Bano aderisce alla campagna della Regione per dire «No alla plastica»

 
Scintille Nato-Russia
I piloti italiani in missione nei cieli della Guerra Fredda

I piloti italiani in missione nei cieli della Guerra Fredda

 
È diretto a Gerusalemme
Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

 
Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 «impresentabili» per l'Antimafia

 
Il confronto
Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'omicidio
Mattinata, ammazzata a fucilate vicino casa boss del clan Romito

Mattinata, boss clan Romito ammazzato a fucilate vicino casa

 
BariComune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

 
LecceEmergenza batterio killer
Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

 
PotenzaLa foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 

valle d'itria

L'«autovelox»
della discordia

autovelox

CISTERNINO - Autovelox sì, autovelox no, succede in Valle d'Itria e da qualche settimana in città non si parla d'altro. Come se il rispetto delle norme del codice della strada nella piccola comunità della Valle d'Itria potesse godere di una sorta di immunità. Eppure, di questi tempi, la sicurezza stradale è un concetto che dovrebbe essere a cuore a tutti indipendentemente dalle preferenze politiche e dai facili luoghi comuni.
A Cisternino, invece, accade che il sistema di rilevazione elettronica della velocità abbia irritato e non poco i residenti, quasi a voler affermare la propria indipendenza dal rispetto di norme previste sull'intero territorio nazionale che, su due strade d'accesso al paese considerate ad alta densità di traffico (sono quelle utilizzate per chi arriva da tutti i paesi limitrofi) fino a pochi giorni fa fissava il limite a 50 chilometri orari.

Iniziato in modo sperimentale sul finire dello scorso anno il servizio è diventato effettivo soltanto da poche settimane, giusto il tempo di registrare circa 4.500 sanzioni - secondo i soliti bene informati - ed una media giornaliera superiore al centinaio.
Giovani e non, conducenti distratti e poco abituati al rispetto dei limiti di velocità su tratti di strada scelti dalla Prefettura per il tramite della Polizia di Stato, Carabinieri e Polizia Locale, sentito il parere vincolante dell'organo proprietario della strada, non si sono adeguati ma hanno vissuto il tutto come fosse una diabolica macchina vessatoria allestita nei confronti dell'utenza della strada.

Nel frattempo in tanti hanno continuato a percorrere quei due tratti di strada a velocità di gran lunga superiori a quella consentita. La tipologia della installazione realizzata ha riscontrato, senza tema di smentita, un abbassamento della velocità media dei transiti perchè, è innegabile, il sistema ha funzionato anche da deterrente incrementando la sicurezza nei tratti di strada oggetto del monitoraggio delle telecamere.
Senza dimenticare che queste ultime, assicurando anche il controllo continuo dei transiti producono maggior sicurezza perchè di fatto funzionano alla stessa maniera di un impianto di tele video sorveglianza. Ove necessario le forze dell'ordine possono controllare minuziosamente i flussi dei veicoli in entrata ed in uscita dal territorio.

All'origine dell'iniziativa la volontà di aumentare la sicurezza stradale attraverso un efficace sistema di prevenzione, e di conseguente repressione, di quelle condotte di guida pericolose per la sicurezza stradale dell'intera comunità. In paese, invece, in tanti hanno vestito i panni della "vittima" privata del piacere di spingere sull'acceleratore fino a velocità, in alcuni casi, anche superiori ai 120/130 km/h!
In queste settimane sono state alimentate e cavalcate ad arte polemiche per raggiungere scopi sociali diversi da quello della sicurezza stradale. Si narra anche di come un genitore abbia potuto accorgersi delle «fughe» notturne delle proprie figliole che di notte diventavano frequentatrici di locali ubicati nei paesi vicini, o di chi si sia giocato lo stipendio di un mese per far fronte alle sanzioni elevate sempre ad un figlio. C'è anche chi è riuscito a prendere due sanzioni in soli 4 minuti o chi ha già raggiunto un numero di "multe" in doppia cifra.
Proprio in queste ore la Provincia di Brindisi, proprietaria dei due tratti di strada, con decreto di qualche giorno fa ha elevato a 60 km/h il limite sui due tratti interessati perché possa essere rispettato il comma 1 del articolo 142 del C.d.S che impone un limite «Ai fini della sicurezza della circolazione e della tutela della vita umana». [Roberto Longo]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400