Lunedì 21 Gennaio 2019 | 07:14

NEWS DALLA SEZIONE

Ulivi a rischio
Xylella alle porte di Bari: è allarme in sette comuni

Xylella alle porte di Bari: è allarme in sette comuni

 
Serie A
Basket, Brindisi Happy Casa batte la capolista Milano 101-92

Basket, Brindisi Happy Casa batte la capolista Milano 101-92

 
L'annuncio
Matera 2019, Bonisoli: «10 mln in arrivo per musei Lanfranchi e Ridola»

Matera 2019, Bonisoli: «10 mln in arrivo per musei Lanfranchi e Ridola»

 
Suicidio sospetto
Martina Franca, trovato impiccato a un albero. La moglie al pm: «Lo hanno ucciso»

Martina Franca, trovato impiccato a un albero. La moglie al pm: «Lo hanno ucciso»

 
La scoperta
Ruvo, donna trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

Ruvo, trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

 
Nel Nordbarese
Trinitapoli, duello a colpi di pistola in strada, un morto e un ferito

Trinitapoli, sparatoria da Far West in strada, un morto e un ferito

 
Serie D
Cittanovese - Bari: la diretta della partita

Il Bari perde l'imbattibilità. La Cittanovese vince 3-2

 
A San nicandro Garganico
Pregiudicato accoltellato nel Foggiano: indagano i cc

Pregiudicato accoltellato nel Foggiano: indagano i cc

 
Truffa nel Leccese
Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

 
La peste degli ulivi
Xylella in agguato nel sud-est barese: l'infezione avanza

Xylella in agguato nel sud-est barese: l'infezione avanza

 
In Salento
Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

 

Io, maschio solo nel condominio del «Punto G»

A sorpresa non beato tra le donne

Io, maschio solo nel condominio del «Punto G»

di ALBERTO SELVAGGI

Il sesso, o donne che vi apprestate a impollinarvi di mimose l’8 marzo festeggiando con stripper afflitti da satiriasi, non è altro che natura che si contempla e che si perpetua. È il genio della specie, Metafisica dell’amore immortale. Tuttavia vogliamo portarvi a pietà il caso di un uomo solo, sciovinista soverchiato dal risultato delle vostre pur giuste battaglie. Il prigioniero del Condominio femminile orgasmico.

Il nostro Eusebio (lo chiamiamo così per risparmiargli ulteriori guai) non possiede – parer nostro – un quoziente intellettivo particolarmente elevato. Ma neppure colpe tali da venir condannato a un karma penitenziale. Invece, incauto, dopo il ventiquattresimo trasloco della sua vita, dopo il nono (o dodicesimo?) divorzio o convivenza fallimentari con figli e assegni di mantenimento a carico, ha preso dimora in un palazzo lussuoso, non troppo distante dal centro di Bari. Che si è rivelato la sua gabbia infernale.

È abitato per oltre il 60 per cento da donne single fra i 25 e i 45 anni. «Mi sembravano – racconta – a modo, discrete, timorate». Belle sicuro, acculturate, con ruoli professionali di rango. Ma in breve volgere – mmmoooah..!, sssì..! aaah..! – si sono rivelate menadi urlanti, o mugolanti, caninamente uggiolanti financo, che dell’arte di Venere e soprattutto del suo climax, hanno fatto professione di virtù bi, o trisettimanale, in qualche caso quotidiana.

I vocalizzi coitali che al principio suscitavano ilarità lubrica nel nuovo arrivato si sono fatti ossessionanti. Proiettando sulla testiera del letto, dove penzola un violino pregiato, visioni di volti di femmine contratti nello spasmo, o di labbra ingrinzite da dea Voluttà. Un «inquinamento acustico clitorideo», come lo appella dall’alto dei suoi studi musicali e letterari. Causa di insonnia e irritazione frustrata. «Volevo chiamare i vigili – svela, essendo pure un noto piantagrane - ma cosa gli raccontavo? Le vicine poi mi avrebbero preso per maschilista, magari».

Da cronisti esemplari, e anche al fine di conquistare il «Premio Pulitzer Enziteto 2016», siamo andati a verificare. E in effetti quanto anticipato risponde a verità. Dall’ingresso del palagio delle arrapate abbiamo veduto uscire un tocco di fo… una leggiadra fanciulla castana nella quale l’ingegno evidente non inficiava la beltade. Per quanto avesse la circonferenza del seno sinistro di 0,0002 millimetri più estesa del destro e un asse vertebrale inclinato (0,000001 gradi. Forse). Nell’androne di marmo scorrevano echi di ruscelletti ridenti vulvari provenienti dagli usci. Al secondo piano è comparsa un’altra sgnaccher… damigella, con occhiali da portavoce di ministro ragno o da ricercatrice in psichiatria commara del primario.

Ma soprattutto si udivano le grida, gli ansiti d’agonia celeste che plasmavano piacere con strazio, preghiere con mugghi di caverna in curve sonore berniniane, dal piano di sotto, dal superiore, o si palesavano nella transverberazione di grandi labbra dai residence attigui a tenaglia, lungo i muri, attraverso i mattoni vacanti rifilati dal costruttore allo sparagno. E si facevano una cosa sola con cemento e intonaci d’un Palazzo intero palpitante, spingendo perfino noi, testimoni atarassici, a imboccare la strada ingannevole del piacere.

Ahi! Povero Eusebio! Povero maschio solitario subissato. Nella desolazione caotica dei cartoni del trasloco ancora sigillati (e muoviti, metti la casa a posto!) del suo bivani, sul letto scarno a notte, o nel mentre di una colazione alle 10 e un quarto, e viepiù nel gabinetto attraverso il sistema d’areazione, come durante una minzione abbiamo potuto constatare, risuonano LA orgasmici, incitazioni di belve possedute, impeti alleluiatici di messaline convertite, su estensioni melismatiche dal DO sovracuto al FA diesis grave (Maria Callas). «E una volta – puntualizza l’infelice – anche duetti di oscene offese reciproche», che non possiamo riportare.

I maschi prescelti dalle inquiline del Condominio orgasmico «sono solitamente piacenti, ma dei niente di che». Stolidi fuchi di api regine. Sui letti cigolanti si distinguono in ritmici (gnic-gnic, gnic-gnic), coniglieschi stantuffanti (gnicgnicgnicgnic!), aritmici (incedere free jazz irregolare), e valzeriani (cadenza 3/4). I giorni caldi sono il venerdì sera e il sabato mattina dalle 10 in poi, talvolta notte alta. La domenica il Condominio orgasmico tace. Quando le invasate presentano sorrisi candidi ai familiari e agli amici che le vanno a trovare. E quando il Tempio barese della donna liberata, Origine del mondo, Punto G esistenziale, cova un nuovo riscatto per poi ricominciare.

quadretti selvaggi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400